laRegione
08.12.21 - 20:53

Un Macbeth a Sin City inaugura la Scala

Il destino televisivo si fa beffe delle necessità teatrali del libretto: sul piano visivo lo spettacolo si autoaffossa. Ma musicalmente Chailly convince

di Ugo Brusaporco
un-macbeth-a-sin-city-inaugura-la-scala
Keystone

Strano destino quello dell’opera lirica quando si veste da evento televisivo, quando comprende che il suo pubblico non sono i poco più di duemila spettatori del Teatro alla Scala, ma i milioni, due questa volta, solo in Italia, che seguono lo spettacolo in tv. La dimensione teatrale esplode e talvolta, come qui, il destino televisivo si fa beffe delle necessità teatrali del libretto, lo si comprende subito in questo “Macbeth” verdiano che ha inaugurato la stagione del teatro meneghino, quando il povero Banco, in visita con Macbeth alle streghe esce con i versi: “Dirvi donne vorrei, ma lo mi vieta / quella sordida barba” e attorno a lui non ha donne barbute ma un’accozzaglia di zombie che sembrano usciti/e da un film di Romero. Non è che l’inizio pensato da un regista, Davide Livermore, attento allo show più che all’opera, in fondo siamo di fronte all’ennesima brutta copia dell’operazione Gioconda con i baffi di Marcel Duchamp, affermazione del proprio io artista su opere altrui. Ed ecco che i luoghi del Macbeth dalla barbara Scozia medievale si trasferiscono in una Sin City senza tempo e il protagonista più che un re, con il suo banale impermeabile assomiglia a un boss cittadino e la sua dark lady è una mal bardata donna di mezza età un po’ sovrappeso, e il tutto volge a una guerra di bande, ridicola nel suo tentativo di rappresentare il male.

È questo il gran lavoro di Livermore e dei suoi collaboratori alla messa in scena ovvero lo scenografo Giò Forma, con i banali costumi di Gianluca Falaschi, le luci di Antonio Castro, i prevedibili video D Work, e le stanche coreografie di Daniel Ezrakow. Se sul piano visivo lo spettacolo si autoaffossa, nulla può di più per rovinare il piano musicale guidato con sicurezza e senza sbavature da Riccardo Chailly, lui sì capace di scandagliare a fondo il tema del male che agita il Verdi di quest’opera. Chailly per questo Macbeth di Giuseppe Verdi, si è basato sulla versione del 1865 per Parigi (considerata la versione di riferimento) cui ha aggiunto l’aria finale del protagonista nella versione andata in scena al Teatro La Pergola di Firenze il 14 marzo 1847, per dare a Luca Salsi (Macbeth) la possibilità di terminare con un grande brano vocale. Luca Salsi non è certo Macbeth, non ne ha la struttura vocale, canta bene, si muove con decisa sicurezza, ma non è il personaggio dipinto da Verdi, lo stesso si deve dire per la Lady Macbeth di Anna Netrebko: non è la Lady, canta la parte e si ferma lì, ed è un delitto, proprio qui alla Scala dove il 7 dicembre 1952 con Maria Callas quest’opera è stata tratta dall’oblio. Per Lady Macbeth ci vuole – come diceva Verdi – una “voce sporca”, quello che la mozartiana Netrebko non ha, quello che la Callas poteva avere. Non si può che dire bene per la prestazione del tenore Francesco Meli (Macduff) e del basso Ildar Abdrazakov (Banco), bello lo squillo di Iván Ayón Rivas. Incisivo, vocalmente, il coro del maestro Alberto Malazzi (che ha preso il posto dello storico Bruno Casoni andato in pensione). Tra gli applausi il Macbeth di Sin City ha chiuso il sipario e spento il collegamento tv.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Gallery
Sogno o son Festival
11 ore
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Scienze
13 ore
Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli
Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
13 ore
Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’
L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
14 ore
Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto
Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
16 ore
Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado
Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
19 ore
Il Festival di Rapallo
Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
19 ore
La lunga crisi della democrazia
Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Illustrazione
1 gior
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
1 gior
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
1 gior
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
© Regiopress, All rights reserved