laRegione
finalmente-max-frisch-finalmente-olocene
Valerio Casanova / TSB
Margherita Saltmacchia (Corinne) e Rocco Schira (Geiser)
03.12.21 - 13:57
Aggiornamento : 15:28

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.

Il pensionato basilese Geiser (Rocco Schira) vive tutto solo in una valle ticinese (Onsernone); la sola ad avere rapporti di umana frequentazione con lui è la figlia Corinne (Margherita Saltamacchia). Geiser si ritrova nel mezzo di una parallela e contemporanea erosione, quella provocata dall’alluvione che ha isolato la valle e quella che sta sgretolando la sua memoria; una piccola, generale apocalisse cui l’anziano tenta di porre rimedio con curiosi espedienti da una parte, e dall’altra, l’apocalisse personale, raccogliendo materiali, informazioni, tracce, foglietti, singole memorie di una bizzarra e (negli intenti) definitiva ‘enciclopedia umana’ tramite la quale esorcizzare l’inevitabile dissoluzione di corpo e mente.

Fortemente bellinzonese

È una prima assoluta quella di ‘Olocene’, coproduzione Teatro Sociale Bellinzona - Bellinzona Teatro e NucleoMeccanico.com che porta in scena il romanzo ‘L’uomo nell’Olocene’ di Max Frisch, il più ticinese dei romanzi dello scrittore svizzero-tedesco, ancor più affascinante se collocato nell’odierno momento di emergenza sanitaria e ambientale. L’adattamento teatrale si deve a Flavio Stroppini, anche regista, e Monica De Benedictis, anche scena video, con l’antico affiatamento tra Saltamacchia e Schira sollecitato all’estremo, anche tecnicamente, dall’impostazione data da Stroppini al tutto.

‘Olocene’ nasce nel 2019; arriva al previsto debutto del 2020 attraverso vari e articolati travagli; viene posticipato dalla primavera 2020 a quella del 2021 per ovvi motivi, e poi bloccato di nuovo. Martedì 7 dicembre alle 20.45 debutta a Bellinzona, con repliche da giovedì 9 a domenica 12 (quest’ultima alle 17). Gianfranco Helbling, direttore del Teatro Sociale, riassume la ‘ticinesità’ dell’opera, letteraria e teatrale, e del cast, fortemente bellinzonese (Stroppini, Saltamacchia e il «predestinato» Schira, vedi in seguito). «L’attenzione alla territorialità da parte nostra è alta, ma non è un mantra obbligatorio», dice aprendo la conferenza di presentazione, chiamando in causa Dürrenmatt – ‘Mein Fritz, il mio Leo’, in scena un mese e mezzo fa – e ‘L’epidemia’ di Agota Kristóf, a Bellinzona nel 2020, per rimarcare il «ruolo importante di un teatro svizzero di lingua italiana nel favorire la presenza anche di autori di altre lingue»

Tutto ciò che porta a ‘Olocene’ a partire dal romanzo sta nel ricco libretto di sala aperto da un ‘Max Frisch, finalmente’, con ampia parentesi su Armand Schulthess, eremita che visse nei luoghi di Frisch e che all’età di 50 anni lasciò la sua scrivania da funzionario federale a Berna per ritirarsi ad Auressio e dedicare il resto della sua vita a un giardino enciclopedico (18mila metri quadrati, un campione del quale è conservato al Monte Verità, il resto è cenere) che tanto richiama le abitudini del vecchio Geiser (e il motivo c’è). Il resto lo dice lo spettacolo; qualcosa hanno detto ieri i protagonisti.

‘Senza memoria non si sa niente’

«Abituato a scrivere con Monica De Benedictis, giocare con le regole di qualcun altro è stata una sfida arricchente», spiega Flavio Stroppini, trovatosi di fronte a «un testo non narrativo che è a tutti gli effetti una sequenza di elenchi e al quale, adattandolo, non abbiamo aggiunto altre parole se non ‘papà’». Perché l’isolamento di Geiser, sulla scena, è stato affidato alla figlia Corinne: «Ho deciso di farlo raccontare a lei, in un luogo intimo, non reale, un luogo della memoria», dominato da tre funzionali schermi/finestre/ponti verso l’esterno/interno, in trasparenze anche e soprattutto temporali. «Due mondi comunicanti intervallati da schermi di plexiglas, tre spazi dentro i quali appaiono dettagli reali della Valle Onsernone, un tentativo di ricreare il mondo in cui Geiser si muove, sempre accompagnato dalla struttura tipicamente nostra, che non è una scenografia, non è un fondale, ma qualcosa che sia parte integrante della narrazione». Così è, altrettanto, la musica non didascalica di Andrea Manzoni, composizioni originali che usciranno presto a sé, pubblicate dalla parigina Another Music Records.

È in questo luogo, in questa dimensione – che agli attori impone movimenti al centimetro – che i discorsi di Geiser si sovrappongono a quelli della figlia e viceversa. A questo proposito, la figlia: «Flavio ha creato una bellissima difficoltà», spiega Margherita Saltamacchia. «Per tutto il tempo dello spettacolo, io e Rocco non siamo mai in relazione; Geiser si uniforma al flusso di parole di Corinne, una modalità interessante che mi porta a uscire dalla mia comfort zone narrativa. Ho letto, riletto, studiato il testo, che è andato a mescolarsi con accadimenti miei personali e questo drammatico tentativo di Geiser di volersi aggrappare alla memoria non smette di colpirmi. Quando un essere umano sta per morire, sente la necessità di doverti raccontare i punti salienti della propria esistenza, tutto ciò che non ha detto, un tentativo disperato, quasi ironico di chi non vuole andarsene e affida alla memoria di altri la propria vita. “Senza memoria non si sa niente”, dice Geiser a un certo punto, e così è effettivamente. La memoria è elemento vitale anche per chi sta in vita. Io mi ci ritrovo».


Valerio Casanova / TSB
Margherita Saltamacchia

Il predestinato

Sul palco, voluto da Stroppini, c’è un Geiser giovane, che non è un’assurdità per uno scrittore che inizia a comporre il suo ‘Olocene’ poco più che 60enne, ma soprattutto perché «nella memoria siamo assenza, perché dei personaggi ricordiamo un’immagine della loro vita che non è di solito quella conclusiva, un’immagine che di essi diventa l’essenza. E Geiser – conclude il regista – è personaggio giovane, vivo, che ha speranze, che guarda avanti, nonostante tutto quel che gli capita».

Geiser, come detto, è Rocco Schira, la cui casa di famiglia in Val Onsernone è a nemmeno venti metri da casa Frisch, a Berzona, 48 anime aggiornate a oggi. «Sono rimasto spiazzato dal compito d’imparare una serie d’informazioni che, leggendo qualsiasi libro, sono solitamente quelle parti che si saltano – spiega Schira – e che questa volta, di colpo, si sono trasformate in una priorità della quale assumersi responsabilità di fronte a un pubblico pagante. Informazioni che non avevano alcuna connessione con me e che io avrei dovuto trasferire e possibilmente amare». Anche da Schira arrivano indicazioni di «un testo quanto mai contemporaneo, portatore di un rapporto con la natura senza età: arriva un’epidemia e, l’opera ce lo riconferma, siamo impreparati. E lo saremo sempre, a ogni nuova catastrofe».


Valerio Casanova / TSB
Rocco Schira

Una ‘prima’ italiana

Chiudiamo con Helbling, che chiude con Frisch. «Questo ‘Olocene’ è anche una ‘prima’ assoluta in lingua italiana. Max Frisch è scomparso dai cartelloni italiani e questa è cosa strana, visto che nell’Europa di lingua tedesca e in alcuni Paesi dell’Est è presente con molti suoi titoli. ‘Olocene’ è stato allestito più volte alla Schauspielhaus di Zurigo, da lì a Berlino, fino a ottenere il premio come miglior spettacolo svizzero dell’anno 2020, vincendo il pregiudizio dell’essere, quello de ‘L’uomo nell’Olocene’, accolto all’inizio assai tiepidamente, un Frisch troppo privato e poco politico. Ora, al contrario, su quello più politico l’attenzione sta progressivamente calando, in luogo di una rivalutazione dei suoi contenuti più esistenziali».

L’‘Olocene’ del Sociale è dunque anche una piccola scommessa nemmeno troppo programmata, quella di riaccendere i sopiti animi italiani per un autore la cui ultima edizione italiana, quanto a ‘L’uomo dell’Olocene’ – ce lo ricorda Stroppini –, risale a una specie di Olocene, i lontani, lontanissimi, per urgenza di contenuto, anni 90 (www.teatrosociale.ch).


Valerio Casanova / TSB

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Danza
23 min
Manca poco al Lugano Dance Project
Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
1 ora
Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis
Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Cannes 75
1 ora
Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette
Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Arte
6 ore
L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli
Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
8 ore
Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)
Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
21 ore
Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club
Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
1 gior
Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema
Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Culture
1 gior
La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina
Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
1 gior
Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita
Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Spettacoli
2 gior
Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award
Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
© Regiopress, All rights reserved