laRegione
al-jazz-cat-club-le-magie-musicali-di-mr-beautiful
George Cables, al Teatro del Gatto di Ascona lunedì 29 novembre
Musica
28.11.21 - 12:14
Aggiornamento: 15:51
di DMAR

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato

Va in scena domani, lunedì 29 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto (tel. 078 733 66 12), l’ultimo concerto della stagione autunnale del Jazz Cat Club, che propone uno dei grandi pianisti storici del jazz, George Cables. 78 anni, in splendida forma, l’artista di New York ha vissuto in prima persona l’epoca d’oro del jazz a partire dalla metà degli anni 60, militando in alcune delle più celebri jazz band della storia e collaborando con grandi musicisti come Art Blakey, Freddie Hubbard, Sonny Rollins, Art Pepper o Dexter Gordon. Cables ha condotto anche molte band a suo nome e ad Ascona sarà accompagnato da un quartetto di altissimo profilo comprendente anche il noto sassofonista italiano Piero Odorici, con cui abbiamo scambiato due parole.

Piero Odorici, bentornato ad Ascona. Ci eravamo lasciati nel 2010 con un memorabile concerto che ti vedeva protagonista assieme al compianto Cedar Walton. Che cosa accomuna e differenzia due grandi pianisti come Walton e Cables?

Li accomuna senz’altro il fatto di essere entrambi grandi compositori, due eccezionali accompagnatori e due artisti dotati di una fortissima personalità. Oltre a un background leggermente diverso perché George aveva una formazione classica, a differenziarli c’è forse l’età. Walton è di una decina di anni più anziano di Cables, ed era già un artista affermato quando questi si affacciava sulla scena jazz.

Sei conosciuto per aver collaborato con grandissimi jazzisti americani, averli incisi e portati in giro in Italia e in Europa. Che cosa ti ha spinto in quella direzione?

Parlerei di predisposizione, perché sin da bambino ho ascoltato moltissimo jazz nero, quello suonato dai grandi musicisti afroamericani. È stata quindi una cosa del tutto naturale sognare d’incontrare e poter suonare con tutti quei grandi artisti. Il primo con cui collaborai fu il trombonista Slide Hampton che incontrai a Roma nei primi anni 90.

C’entra quindi l’amore smisurato per un certo jazz mainstream degli anni 60.

Assolutamente, è tutto lì. L’ispirazione è quella. È una musica bellissima, senza tempo, che oggi ancora è amata dal pubblico e da molti musicisti, anche giovani. È anche una musica piuttosto esigente. Come la classica, il jazz ha infatti le sue regole, che non si possono ignorare.

Con George Cables vi lega un’amicizia che dura da oltre vent’anni. Come vi siete conosciuti? E che cosa apprezzi di lui come persona?

George l’ho conosciuto a Roma nei primi anni 80 perché veniva spesso in Italia, invitato dall’amico Giulio Capiozzo, il batterista dei leggendari Area, che era un grande appassionato di jazz e che conoscevo perché mi capitava di suonare con lui e coi nuovi Area, che Capiozzo aveva rifondato dopo la morte di Demetrio Stratos. La prima volta su un palco con George è stato invece a New York nel 2001, prima tappa di un tour che facemmo assieme quell’anno negli States. Da allora abbiamo suonato spessissimo assieme, parliamo di centinaia di concerti. Che cosa apprezzo più di lui? Tutto direi. La sua modestia, l’umiltà, la sua capacità di essere sempre positivo, la sua paziente disponibilità a condividere la sua arte. George è uno che vuol sempre imparare e migliorare e quindi con lui impari tantissimo. È curioso come questi tratti lo accomunino a Cedar Walton e a molti altri grandi musicisti del jazz che ho conosciuto.

A parte il curriculum artistico impressionante, musicalmente parlando che cosa lo rende davvero un grande?

Sicuramente la sua straripante personalità. George, come del resto Cedar, è uno che fa due note e lo riconosci subito. Il suo sound è davvero distintivo, ed ha influenzato le successive generazioni di pianisti.

George che cosa ti ha raccontato dell’ambiente jazz nella New York degli anni Sessanta? Ho letto che veniva chiamato ‘Mr. Beautiful’.

Per la verità era Art Pepper che lo chiamava così, perché George oltre a essere un bell’uomo suonava da Dio, mettendo nella sua musica un cuore, un pathos tali da creare meraviglia e farti esclamare: “Wow, it’s beautiful!” . Di aneddoti su quel periodo George me ne ha raccontati tantissimi, ma in buona parte, per decenza, non si possono raccontare, tanto meno riguardo a due artisti importanti nella sua carriera come Dexter Gordon e Art Pepper, che lo vollero al loro fianco nel momento del loro ritorno sulle scene dopo lunghi periodi bui e difficili: il primo, notoriamente, abusava di alcol e il secondo era tossicomane. Art Pepper, per dirne una, quando arrivava in una città per prima cosa andava in banca a depositare l’eroina in una cassetta di sicurezza. Ma a parte queste cose, dovevano esserci a New York un ambiente e un’energia incredibili. Ovunque ti giravi ti capitava d’incontrare i mostri sacri del jazz. Suonavano ovunque, nei tantissimi club della città. E poteva capitare che Duke Ellington ti chiedesse di aprire un suo concerto. Cosa che successe realmente a George poco più che ventenne con i Jazz Samaritans, band da lui fondata con Steve Grossman e Billy Cobham.

Il concerto sarà un po’ ripercorrere l’epoca aurea del jazz degli anni 60?

Sì e no. Faremo chiaramente un paio di standard, ma soprattutto suoneremo la bellissima musica originale scritta da George dagli anni Ottanta a oggi. L’influenza, certo, è quella ma alcune cose hanno anche un tocco più moderno.


Piero Odorici (Facebook official)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona george cables jazz cat club piero odorici teatro del gatto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
2 ore
Locarno film festival, presentato il programma ufficiale
Al Kino Rex di Berna annunciate anche le giurie della 75esima edizione.
ticinesi oltre gottardo
18 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
19 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
19 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
21 ore
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
2 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
2 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
3 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
© Regiopress, All rights reserved