laRegione
25.11.21 - 22:10

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”

di Ivo Silvestro
al-teatro-paravento-si-trasloca-con-salvador-dali

Arte e traslochi in scena al teatro Paravento di Locarno con la prima di ‘DA Lì’, spettacolo con Davide Gagliardi che andrà in scena a Locarno domani sera e sabato alle 19, con repliche il 4 dicembre al Plaza di Mendrisio e il 10 e 11 dicembre al Foce di Lugano.

Il riferimento è ovviamente a Salvador Dalí, l’artista noto per le sue opere surrealiste e per la sua personalità eccentrica e stravagante.

Questo spettacolo segna il debutto non di Davide Gagliardi – l’attore collabora da anni con diverse compagnie ticinesi –, ma di Teatro Lunaparco, associazione che lo stesso Gagliardi ha deciso di creare l’anno scorso. «Non è una vera e propria compagnia, piuttosto un “cappello produttivo” per produrre dei lavori teatrali e ho pensato di iniziare con questo in cui sono protagonista» ci ha spiegato. L’associazione è nata nel 2020, «quando il mondo era tutto fermo per la seconda volta: mi sono detto che o mi deprimo, oppure proprio mi metto a creare una struttura e a produrre uno spettacolo, anche se chissà quando riapriranno i teatri…».

Per realizzare ‘DA lì’ Gagliardi si è rivolta a Egidia Bruno, attrice e autrice di origine lucana attiva sulla scena milanese e anche ticinese. Il suo racconto ‘La mascula’ ha vinto il premio Massimo Troisi ed è poi diventato un monologo per la regia di Enzo Jannacci, al quale ha anche dedicato un omaggio con lo spettacolo ‘No tu no’. Ma Gagliardi cita in particolare ‘Ne veryu – Non ci credo, K.S. Stanislavskij’: è quello che spettacolo di teatro-racconto che lo ha convinto a rivolgersi a Egidia Bruno per realizzare uno spettacolo su Dalí «cosa che da anni volevo fare, perché è un autore che mi piace molto. E il teatro-racconto mi è subito sembrato essere il modo giusto per parlare di un artista così importante, così “vasto”: non puoi fare una conferenza di un’ora sul surrealismo, o raccontare la vita di Dalí. E lei ha effettivamente trovato una chiave secondo me bella».

Partendo da un episodio veramente accaduto a Davide Gagliardi. «Sì, è stato il “motore” dello spettacolo: nel 1994 faccio il liceo e durante una gita a Barcellona compro un poster di Dalí, con questo ‘Autoritratto molle’, una faccia tenuta su da queste stampelline… sono entusiasta, poi arrivo a casa e lo sto per appendere alla parete… mi rendo conto che il quadro è inquietante. “Cosa è, una gruccia che entra in un occhio? No no mettiamolo in cantina!”. Per anni lo vedevo lì, mi dicevo “adesso lo appendo perché è bello” e subito dopo “no, è bello ma fa paura”. È questa la chiave che ha trovato Egidia Bruno: l’arte piace o non piace, ma non lascia indifferenti. Perché? Che cosa è quella cosa un po’ magica che fa scattare questa nostra reazione?».

Nel commissionare il lavoro a Egidia Bruno Gagliardi ha quindi raccontato questo piccolo aneddoto. «E ho subit messo in chiaro che non volevo fare un saggio, una conferenza, una biografia di Dalí». Che cosa ci sarà quindi in scena? «Egidia si è inventata che un personaggio, cioè io, sta traslocando per la settima volta: ha la casa piena di scatoloni, li sposta, li apre, decide quali oggetti portare e quali invece lasciare. E poi gli si presenta questo poster: con questo ritrovamento inizia a ricordarsi che l’aveva comprato trent’anni prima, che voleva appenderlo eccetera». Si parte dal quadro «ma non per farne un’analisi estetica, per parlare del surrealismo o dell’influenza della psicanalisi sull’opera di Dalí». Si prendono piccoli elementi, «come le sopracciglia: in questo quadro sono ben curate. E Dalì era un vanitoso! Così con la formula del teatro-racconto si evocano episodi nella vita di Dalì in cui lui si è messo in vetrina, al centro dell’attenzione a fare autografi con Amanda Lear… Sarà un monologo di narrazione, perché la quarta parete viene rotta fin dall’inizio, ma non una cosa da stand-up comedy».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Microcosmi, Microcinema
37 min
Fitzcarraldo, Scott, l’epica
Il genere letterario della narrazione eroica raccontato da un romanzo di Benedicta Froehlich, il film di Werner Herzog e Alis Rizzato del Cinema Leventina
Spettacoli
1 ora
Liverpool batte Glasgow e si aggiudica l’Eurovision
La città britannica è stata scelta per ospitare la prossima edizione del festival della canzone continentale
RICERCA SOCIALE
16 ore
Quella violenza che non guardiamo
Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Culture
1 gior
Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura
L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Distopie
1 gior
Mi chiamo Montag, brucio libri
Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Scienze
2 gior
Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless
Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
2 gior
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
2 gior
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
2 gior
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
3 gior
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
© Regiopress, All rights reserved