laRegione
castellinaria-due-film-sull-accoglienza-che-non-c-e
17.11.21 - 08:07
Aggiornamento : 15:47

Castellinaria, due film sull’accoglienza che non c’è

Stasera nel concorso Young ‘Europa’ di Haider Rashid e ‘La Mif’ di Fred Baillif

Sono due film molto diversi, per stili e temi, quelli che Castellinaria propone oggi pomeriggio: da una parte ‘Europa’ di Haider Rashid (alle 18.15 all’Espocentro), dall’altra ‘La Mif’ di Fred Baillif (sempre all’Espocentro ma alle 20.45). Da una parte la frontiera tra Bulgaria e Turchia, dall’altra una struttura d’accoglienza per minori nella Svizzera francese; da una parte un giovane profugo iracheno che fugge da trafficanti e gruppi paramilitari che sorvegliano i confini, dall’altra delle ragazze che cercano un equilibrio, una famiglia; da una parte un film claustrofobico, costituito quasi esclusivamente da primi e primissimi piani del protagonista nella sua fuga; dall’altra un film corale, costruito quasi come un documentario dal regista insieme alle protagoniste.

Dov’è l’Europa

Haider Rashid non ha solo diretto ‘Europa’, ma si è anche occupato (con Sonia Giannetto) della sceneggiatura e del montaggio, ma vanno menzionati anche il fonico Giandomenico Petillo e il sound designer Gabriele Fasano, perché il suono – dei boschi, dei paramilitari, il respiro del protagonista – è una parte fondamentale dell’esperienza di questo film che per certi aspetti ricorda i progetti immersivi di realtà virtuale: la camera “marca stretto” Kamal (interpretato dal bravo Adam Ali), portando lo spettatore a correre con lui nei boschi, ad arrampicarsi sugli alberi per sfuggire ai cacciatori di migranti, quasi fossimo suoi compagni di viaggio.

Uno stile narrativo certo non nuovo, ma che Rashid usa con buon mestiere e per dare forza a una storia tutto sommato semplice, tanto da costituire un genere cinematografico, quello del protagonista solitario in fuga. Rashid non racconta la migrazione, non traccia un quadro dei motivi che spingono migliaia di persone a cercare di raggiungere l’Europa, non si sofferma sui meccanismi criminali di questo traffico di uomini, sulle motivazioni politiche che spingono molti Paesi a chiudersi: il minimo di contesto necessario per comprendere la fuga di Kamal è dato da pochi testi che vediamo all’inizio del film. Quello che conta è mostrare Kamal, dare la possibilità di essere con lui, quasi di abbracciarlo in questo suo disperato viaggio, mettendo da parte retorica e pietismo per ricorrere a un forte realismo: questa è la rotta dei Balcani, questa è la migrazione, questa è l’Europa.

Dov’è la famiglia

‘Europa’ ha qualcosa di personale: il confine tra Bulgaria e Turchia è lo stesso che, anni fa e in un contesto molto diverso, il padre del regista ha percorso per raggiungere l’Europa, dove Haider Rashid è nato nel 1985.

E qualcosa di personale c’è anche in ‘La Mif’ di Fred Baillif: il regista, ex giocatore professionista di basket, è anche stato operatore sociale proprio in una struttura simile a quella che vediamo sullo schermo. Il film è nato appunto in collaborazione con la direttrice dell’istituto (Claudia Grob) dove, vent’anni fa, aveva fatto uno stage, attraverso un lavoro di scrittura condivisa con alcune delle ragazze ospitate in quel centro, attrici e coautrici di ‘La Mif’. È lo stile di “cinéma vérité” basato su persone reali e sull’improvvisazione, caro al regista svizzero (citiamo qui il bel ‘Edelweiss Revolution’ di qualche anno fa).

Il risultato, come detto, è un film corale, al centro del quale più che i singoli personaggi – la già citata direttrice, altri educatori, le ragazze ospiti – contano le dinamiche. Perché in quel centro di accoglienza si viene a creare un senso di comunità molto forte, una dimensione familiare che purtroppo l’istituzione non sembra in grado di gestire, come dimostra la gestione di un incidente. Il film racconta con delicatezza e rispetto di una famiglia, una ‘mif’ come si dice in slang, e dei limiti di un sistema che a volte sembra studiato più per nascondere i problemi che per affrontarli.

Due film molto diversi, ‘Europa’ e ‘La Mif’. Ad accomunarli è l’incapacità di una società, della nostra società, di accogliere e rispettare chi è in difficoltà.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castellinaria cinema
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
17 min
‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar
Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Culture
4 ore
Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’
Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Spettacoli
12 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
16 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
23 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
1 gior
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
© Regiopress, All rights reserved