laRegione
addio-a-pee-wee-ellis-gentiluomo-del-sassofono
Pee Wee Elllis, 1941-2021 (a Estival Jazz nel 2018, foto Ti-Press)
Musica
24.09.21 - 21:50
Aggiornamento: 25.09.21 - 16:36

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’

È morto oggi all’età di ottant’anni “per complicazioni cardiache”, si legge sulla pagina Facebook. Era Alfred Bryant all’anagrafe, ma ‘Pee Wee’ Ellis per il jazz, il funk e per il soul. Ma anche per The King of Soul James Brown, per il quale il sassofonista, compositore e arrangiatore statunitense suonò negli anni ’60, in studio e dal vivo con la storica band. Pee Wee Ellis mise anche la sua firma in alcune hit di James Brown come ‘Cold Sweat’, ‘Mother Popcorn’ e ‘Say It Loud - I’m Black and I’m Proud’. Allievo di Sonny Rollins, sue collaborazioni come arrangiatore e direttore musicale hanno riguardato George Benson, Hank Crawford, Esther Phillips; con Dave Liebman, nel suo dopo Miles Davis, registrò ‘The Chicken’, più tardi ‘acquisita’ dal bassista Jaco Patorius. Al fianco di Van Morrison per (intervallati) una ventina d’anni, anche qui come arrangiatore e direttore musicale, nella JB Horns con Fred Wesley e Maceo Parker, in una riedizione della band di James Brown; poi nella The Pee Wee Ellis Assembly, nella Ginger Baker Jazz Confusion, fino al ruolo di patron del Bristol International Blues and Jazz Festival.

In mezzo a tutto questo, il Ticino. «Ho organizzato tournée, ho registrato in studio con lui, unendolo ai ticinesi Re:Funk, per esempio», ci dice Nicolas Gilliet commentando la scomparsa del musicista. «Lo conobbi nel 2010, quando Lillian Boutté volle alzare il livello della sua band portandolo con sé. Fu in quel momento che con Pee Wee nacque un’amicizia. E quando il mio legame con lui si consolidò, in nome delle sinergie tra i musicisti ticinesi e l’internazionalità, sempre affascinanti da creare sia in occasione dei festival o in altre situazioni, pensai che la combinazione ideale sarebbe stata quella con Re:Funk, che stavano producendo un disco», binomio che ha toccato anche Estival Jazz e l’Italia.

Pee Wee era «un gentiluomo che diventava aggressivo solo musicalmente, quando suonava il suo strumento», uno che suonò nella James Brown Revue dal 1965 al 1969, e la storia dice che suonare con James Brown non è mai stata una passeggiata per nessuno. «In verità – commenta Gilliet – Pee Wee diceva che il Re del soul poteva essere difficile come persona, ma sul palco a lui veniva permesso di fare un po’ quel che voleva. Ed era quello il bello, perché Pee Wee e Fred Wesley, il trombonista, avevano trovato modi di divertirsi reciprocamente decisivi per entrare in pieno nello stile di James Brown, quasi in un modo automatico. Semplicemente divertendosi, o facendo, come diceva lui, delle ‘cretinate’». Perché anche in musica, «quando ci si diverte, il tempo passa bene». Anche con James Brown. «È chiaro che si doveva fare quel che andava fatto, ma c’erano anche momenti in cui Pee Wee poteva rilassarsi e dare colore al funk, come preferiva». Il suo suono? «È groovy fino in fondo, aggressivo sì, ma anche dolce, quello che spiazzava di lui. L’avevo portato al Jazz Cat e lì c’impressionò per il suono molto jazz, quello dei grandi sassofonisti che curavano il suono caldo. Nel funk si tende ad avere un suono molto fine, penetrante, e quello di sicuro non era Pee Wee. Lui era la dimostrazione vivente che generalizzare non è mai una gran cosa».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
estival jazz james brown jazz cat club nicolas gilliet pee wee ellis
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
4 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
4 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
8 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
11 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
14 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
16 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
16 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
17 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
1 gior
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
1 gior
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
© Regiopress, All rights reserved