laRegione
12.09.21 - 17:17
Aggiornamento: 23.12.21 - 13:53

‘40 + uno’: il Teatro delle Radici, finalmente, festeggia

Impossibilitato a celebrare il 40ennale per l’emergenza sanitaria, dal 22 al 26 settembre allo Studio Foce torna con ‘Re-cordari’

40-uno-il-teatro-delle-radici-finalmente-festeggia
'Passare ancora dal cuore'

A dare continuità ai suoi quarant’anni di attività, con la celebrazione del suo 40ennale, il Teatro delle Radici ci aveva provato già lo scorso anno. Ma l’emergenza sanitaria non aveva permesso che ciò accadesse, costringendo a modificare tutta la programmazione e, per molte delle iniziative previste, portando alla loro cancellazione o al ridimensionamento. Solo in condizioni estreme riuscì a debuttare ‘Re-cordari’, lo spettacolo del 40ennale, che torna ora con la nuova programmazione intitolata ‘40 + uno’, insieme ad altri spettacoli grazie ai quali il Teatro delle Radici prova a colmare il vuoto artistico intercorso.

L’idea e il punto di vista sul teatro racchiuso in ‘Re-cordari’ – parola latina che significa “passare ancora dal cuore” – torna allo Studio Foce dal 22 al 26 settembre alle 20.30, a eccezione di domenica 26, quando andrà in scena alle 18. Sul palcoscenico, Giovanna Banfi-Sabbadini, Andrea Fardella, Bruna Gusberti, Ornella Maspoli, Monica Muraca, Massimo Palo, Fulvia Romeo, Nunzia Tirelli, Carlo Verre, Chiara Vighetto, Irene Zucchinelli (non si vedono ma ci sono Camilla Parini, Silvia Genta e Damian Soriano). Scenografia affidata a Luka Minotti, Claudio e Massimo Palo, fotografie di Martina Tritten, assistenza alla regia di Bruna Gusberti. Disegno di scena, drammaturgia e regia, Cristina Castrillo.

La programmazione continuerà sabato 2 ottobre alle 19 e domenica 3 ottobre alle 17 con ‘Transumanze’ al Teatro Paravento di Locarno, e venerdì 8 e sabato 9 ottobre, sempre alle 20.30, con ‘Graffio sul bianco’ al Teatro delle Radici.

Prenotazioni

Studio Foce e Teatro Foce: solo acquisto online, www.biglietteria.ch; Teatro Paravento: info@teatro-paravento.ch / tel: 091 751 93 53 / Teatro delle Radici: info@teatrodelleradici.net, e-mail: tradici@bluewin.ch (in rispetto delle regole Covid in vigore negli spazi chiusi).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
5 min
Il libro esplosivo che scuote la Gran Bretagna
Il 6 ottobre esce ‘Cortigiani, il potere nascosto dietro la Corona’ e già è atteso come l’ultimo scoop che coinvolge la famiglia reale inglese
Spettacoli
2 ore
I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’
L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Musica
9 ore
Abul Mogard nella cattedrale del suono
Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
20 ore
Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura
Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Cinema
1 gior
Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’
È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Società
1 gior
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
2 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
2 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
3 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
3 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
© Regiopress, All rights reserved