laRegione
jazz-cat-la-stagione-ritorna-con-de-piscopo-moroni-e-leroy-jones
01.09.21 - 10:43
Aggiornamento: 19:00

Jazz Cat, la stagione ritorna con De Piscopo-Moroni e Leroy Jones

Sei concerti dal 20 settembre al 29 novembre con nomi importanti "per un ritorno a una vita più o meno normale"

Tornano i tradizionali concerti del lunedì al Jazz Cat Club di Ascona: sei appuntamenti con artisti internazionali quali il trombettista di New Orleans Leroy Jones, la cantante newyorkese Shayna Steele o il pianista George Cables, un pezzo di storia del jazz che ha suonato e inciso dischi con Sonny Rollins, Joe Henderson, Art Pepper. “Dopo tutta una serie di piccoli concerti tenuti ogni volta che è stato possibile, siamo felici di presentare il cartellone di una 14ª stagione che speriamo possa essere quella di un ritorno a una vita più o meno normale” ha dichiarato il direttore artistico Nicolas Gilliet. In quel "più o meno normale" c'è tutta l'incertezza della situazione pandemica e delle restrizioni dei viaggi internazionali; dal punto di vista della sicurezza, i concerti si terranno senza intervallo e per accedere alla sala sarà necessario il Certificato Covid (vaccinati, guariti o con un test negativo recente).

Torniamo alla prima parte della stagione che si svolgerà dal 20 settembre al 29 novembre (ma anche la seconda parte, prevista in primavera, ha già un nome in cartellone: la cantante francese Cyrille Aimée).

Il primo appuntamento sarà con un trio d'eccezione: il "leggendario” batterista e percussionista napoletano Tullio De Piscopo insieme a uno dei migliori pianisti jazz viventi, Dado Moroni, e al contrabbassista Aldo Zunino. Il loro concerto, lunedì 20 settembre, renderà fra l’altro un omaggio a Pino Daniele.

Lunedì 4 ottobre toccherà al giovane pianista americano Emmet Cohen, rappresentante di punta della nouvelle vague del jazz. L’appuntamento successivo, eccezionalmente di venerdì, sarà il 15 ottobre con un sestetto guidato da Leroy Jones, uno dei principali e più amati trombettisti di New Orleans degli ultimi decenni. Jones nel 2019 aveva ricevuto l’Ascona Jazz Award proprio al festival asconese. Fra i membri del sestetto, Uli Wunner al sax e clarinetto.

Il concerto del 25 ottobre si muoverà tra le sonorità jazz, world e pop con Adam Ben Ezra. Star su YouTube, il 40enne musicista israeliano è un abile contrabbassista ma padroneggia tutta una gamma di strumenti (violino, chitarra, pianoforte, clarinetto, oud, flauto, cajon).

Veniamo agli ultimi due appuntamenti: l'8 novembre il Jazz Cat accoglierà la vocalist newyorkese (nonché cantante preferita degli Snarky Puppin) Shayna Steele assieme agli Huntertones, una band strumentale di Brooklyn che ha nei fiati la sua cifra stilistica e i cui musicisti hanno collaborato con gente come Stevie Wonder e Ed Sheeran. Il 29 novembre, infine, il quartetto di George Cables: nato a New York nel 1944, Cables è stato il pianista di mostri sacri come Art Blakey (nei Jazz Messangers nel 1969), Sonny Rollins, Joe Henderson, Freddie Hubbard, Dexter Gordon, e tantissimi altri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
jazz cat club musica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
5 ore
Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère
Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Spettacoli
8 ore
Steve Martin dice addio alla carriera di attore
L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
9 ore
Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?
Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Piazza Grande
11 ore
Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’
È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
13 ore
Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa
‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
15 ore
Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio
‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
17 ore
La normalità non binaria dell’adolescente Robin
A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
19 ore
Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera
La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
22 ore
Suoni e visioni di Laurie Anderson
Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
1 gior
‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro
Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
© Regiopress, All rights reserved