laRegione
senza-programma-di-sala-al-lucerne-festival
I protagonisti del concerto di chiusura del seminario di composizione (foto Priska Ketterer Lucerne festival)
30.08.21 - 16:16
Aggiornamento: 17:38
di Enrico Colombo

Senza programma di sala al Lucerne festival

Concerto conclusivo del Composer Seminar del festival lucernese con un omaggio a Pierre Boulez, fondatore della Festival Academy, e quattro giovani direttori

Nel mio studio conservo su scaffali a portata di mano tutti i programmi di sala dei concerti seguiti in tanti anni del Lucerne Festival. Li considero fra le pubblicazioni più preziose della mia biblioteca musicale, comunque tengono il posto delle enciclopedie, esempi infingardi di cultura in scatola.
Quest’anno ho scelto di seguire esclusivamente l’offerta di musica contemporanea, della composer in residence Rebecca Saunders e della Festival Academy, creata vent’anni fa da Pierre Boulez e diretta adesso da Wolfgang Rihm. Così sabato 28 agosto ero al concerto finale del Composer Seminar, per il quale non è stato stampato il programma di sala, ma un solo foglietto con i nomi dei compositori, i titoli delle opere, i nomi dei quattro direttori che si sono alternati sul podio, non però quelli degli undici strumentisti. Ma, gradita sorpresa, sul palco con loro c’erano Wolfgang Rihm e Dieter Ammann, i due prestigiosi direttori del seminario, che non solo hanno presentato al pubblico i brani con la competenza degli addetti ai lavori, ma hanno anche evocato la solitudine del giovane compositore che, col suo corredo di memoria e contemporaneità, sa che per catturare l’ascoltatore non deve assecondarlo nelle sue consuetudini e nei suoi pregiudizi, ma piuttosto incalzarlo e costringerlo a rifare i conti con le sue certezze.
L’Ensemble della Lucerne Festival Contemporary Orchestra era senza archi e con tanti ottoni: due corni, due trombe, due tromboni e una tuba; con essi un’arpa, un pianoforte e una celesta affidati a una sola tastierista, un’immensa percussione per la quale sono bastati due impegnatissimi percussionisti. I quattro giovani, ma già affermati direttori erano, in ordine di apparizione, Jack Sheen, Maayan Franco, Svann Van Rechem e Rita Castro Blanco, tutti partecipanti al Conducting Fellowship della Festival Academy, sul quale non ho trovato altre informazioni.
Il programma si è aperto con un omaggio a Pierre Boulez : “Initiale” per sette ottoni, breve brano che compose nel 1987 e revisionò nel 2010, un importante termine di paragone per i brani successivi. Il primo confronto col maestro è toccato al compositore newyorkese Tyson Gholston Davis (*2000) con “Tableau No. IV” per corno solo e “Canto II” per due corni, arpa, marimba e xilofono. Il catalano Arnau Brichs (*2000) ha impiegato l’intero Ensemble per “Crime Perfecte”. Così pure Il londinese Theo Finkel (*1995) che in “Tournesol” ha preferito la celesta al pianoforte. Un altro catalano, Guillem Palomar (*1997) ha chiuso il programma con un mistico “Hymne für elf Musiker*Innen”.
La musica dei quattro compositori poco più che ventenni ha retto bene il confronto con quella del maestro Boulez, per la scelta del materiale sonoro e per la chiarezza con la quale è stato elaborato. C’è molta qualità in queste produzioni musicali, quindi molto lavoro dietro a esse. I giorni di seminario durante il Festival sono solo il momento conclusivo di relazioni di studio molto estese nel tempo e nello spazio.
Nella musica contemporanea eseguita a Lucerna ci sono tracce di dove sta andando la musica? Ce ne sono, e su di esse si deve scommettere. Era evidente nel concerto di sabato la cura di ogni direttore di tenere la bacchetta ferma allo spegnimento dell’ultima nota per un pubblico compiaciuto di attendere prima di sciogliere l’applauso. Diventerà costume manifestare il consenso col silenzio, evitare gli applausi dirompenti come liberazioni dalla noia dell’ascolto, le standing ovations, che sanno di gazzarre da stadio?
Ai musicisti compete di eseguire la musica, ma perché l’esecuzione diventi interpretazione occorre loro la partecipazione degli ascoltatori. Il silenzio assordante che fa capire che il pubblico sta respirando con loro…. bisognerà allora attendere la fine della pandemia e le sale da concerto senza distanze sociali e mascherine.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lucerne festival musica pierre boulez
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
38 min
Santana perde conoscenza durante un concerto negli Usa
‘Ho dimenticato di mangiare e di bere acqua, così mi sono disidratato e sono svenuto’, ha scritto sui social
Spettacoli
2 ore
Locarno film festival, presentato il programma ufficiale
Al Kino Rex di Berna annunciate anche le giurie della 75esima edizione.
ticinesi oltre gottardo
19 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
19 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
20 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
22 ore
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
2 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
3 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
© Regiopress, All rights reserved