laRegione
leo-pusterla-la-dove-tutto-e-ri-cominciato
Leo Pusterla (foto: Andrea Cosentino)
Teatro San Materno
laR
 
26.07.21 - 05:30
Aggiornamento: 12:26

Leo Pusterla, là dove tutto è (ri)cominciato

Il 4 luglio 2020, con papà Fabio, la prima uscita dal lockdown. Il 28 luglio alle 18.30, nello stesso posto, Terry Blue in duo per un elettronico 'Only To Be There'

“Quindi, cosa c’è il ventotto?”, chiede Eleonora; “Mmm… il 28 luglio alle 18.30, al Teatro San Materno, Terry Blue Duo, in attesa di ritrovare tutto il Collettivo in settembre per una data che non vediamo l’ora di annunciarvi”, risponde Leo. È la pacifica chiamata alle armi su facebook del Collettivo Terry Blue per dirigere verso Ascona fan, amici e semplici conoscenti. La data l’hanno già detta Leo Pusterla, band leader, ed Eleonora Gioveni, la più recente acquisizione della formazione ticinese. «Non è un vero e proprio concerto – spiega alla ‘Regione’ il primo – nel senso che è fuori dalla programmazione del Teatro San Materno, ma che comunque ha scelto di metterci a disposizione i propri spazi». Fiducia, e garanzia.

In formato ridotto – Leo ed Eleonora – Terry Blue portano la versione elettronica di ‘Only To Be There’ (Areasonica), il ricco ultimo lavoro di Pusterla e compagni uscito lo scorso 6 aprile. «È una tappa di un piccolo tour che in modo autonomo io ed Eleonora ci siamo organizzati tra Milano e la Svizzera, poche date concesseci dopo la riapertura. E a questa teniamo particolarmente, un po’ per l’unicità del posto, un po’ perché lo scorso anno aveva ospitato il mio primo spettacolo con mio padre». Era il 4 di luglio del 2020 e in ‘Davanti alle sbarre’, padre e figlio mettevano in dialogo poesie inedite e musica sul tema del lockdown. «L’idea di tornare qui mi è piaciuta anche concettualmente: quella con mio padre fu la prima uscita dall’isolamento, che aprì a piccole cose, piccoli concerti; tornare nello stesso luogo dopo un inverno che non è stato facile per nessuno ha un significato particolare». Motivo in più per fare dell’evento «qualcosa d’indimenticabile». Dopo il San Materno, il Collettivo rimetterà piede in Ticino venerdì 27 agosto per l’open air di Spartyto, insieme a – spalmati tra venerdì 27 e sabato 28 – Sinplus, Make Plain, 77 Bombay Street e altri ancora. «Scegliamo queste poche date in Ticino in modo accorto, affinché siano posti particolari, situazioni speciali», prosegue Leo, parlando – riferito al San Materno – di un concerto diverso: «Sto cercando di applicare tutto quanto ho imparato in questi anni di Accademia del Suono a Milano, città in cui questa proposta piace, ha colpito, riceviamo ingaggi. Spero succeda la stessa cosa in Ticino». E quindi «loopstation con sintetizzatore, batteria elettronica, ma tutto suonato live. E un processore vocale con diversi effetti applicati alla voce di Eleonora per cercare di ricostruire quello che abbiamo creato nel disco, molto difficile da riproporre dal vivo. La pasta del suono è molto simile, pur senza l’impatto del gruppo».

‘Milano ti mangia’

Milano, a proposito. «Ci stanno chiamando abbastanza spesso, nei locali piccoli, perché i grandi club sono ancora chiusi e stanno organizzando la sessione invernale. Mi muovo tra lavori di mix che arrivano dalla città e da fuori, anche se a volte mi chiedo quanto durerò a Milano, che è una città di una frenesia paurosa. C’è così tanto da fare che a volte ti lasci prendere e non hai più un secondo per te. Se non stai attento, Milano ti mangia. Sto ancora prendendo le misure, mettiamola così». Comunque andrà a Milano, Leo è in piena fase di apertura al dialogo: «Sto lavorando insieme con Julie Meletta a qualcosa che prima o poi verrà alla luce, sto lavorando a distanza con Frank Salis, con gli Everything Counts e poi vorrei portare avanti il ruolo di produttore artistico, ho vari piccoli progetti di cantautorato inedito di giovani ragazzi che si stanno affidando a me per curare i propri lavori, una cosa che sentivo di voler fare anche per ottenere più elasticità possibile». Nel senso che «sarebbe un attimo ricreare il mondo Terry Blue, ma non è quello che voglio fare. Cerco di differenziare il tutto perché credo che questa varietà possa aiutare anche noi come Collettivo, a livello musicale, in un secondo tempo».

C’è un’ultima notizia: il prossimo 29 settembre – questa volta con il Collettivo al completo – showcase a ReteTre. Un ritorno, quello di Leo Pusterla alla Rsi, che la notte del 28 giugno scorso suonò dopo Francia-Svizzera (a proposito di notti indimenticabili…).


Eleonora Gioveni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona collettivo terry blue leo pusterla lockdown teatro san materno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
In concorso
1 ora
Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande
Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 ora
Il dolore per il Bataclan si rinnova
Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 ora
‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’
Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
2 ore
Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela
‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
3 ore
La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda
Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Cinema
17 ore
Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche
La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
20 ore
Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione
Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Musica
21 ore
Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record
Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
22 ore
Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana
Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
22 ore
Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel
Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
© Regiopress, All rights reserved