laRegione
chiara-dubey-si-ritrova-in-stranger
Dal vivo sabato 24 luglio alla vecchia fabbrica di acque minerali (foto: Christian Schwitter)
Musica
23.07.21 - 11:09
Aggiornamento: 12:22

Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'

È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.

È passato qualche anno da quando Billy Joel parlava dell’estraneo che vive in noi, quella faccia che nascondiamo bene e che tiriamo fuori solo quando gli altri se ne sono andati. Lì, 44 anni fa, era ‘The Stranger’. Qui, oggi, è ‘Stranger’ di Chiara Dubey, che l’estranea se la ritrova in casa, complice il silenzio del lockdown. “Io e te eravamo la stessa cosa, ma il mondo è diventato sempre più rumoroso”, canta la singer-songwriter e musicista nella canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa domani, sabato 24 luglio alle 21, tra i nomi di una tre giorni di musica che si apre oggi. ‘Stranger’ ha il suono rigoroso e riconoscibile del suo ‘Constellations’, primo album del quale non stiamo a ritessere lodi già tessute; ‘Stranger’, visto che abbiamo cominciato dal pianista (M), sta dalle parti di Tori Amos, pianista (F); e visto che è nuova nuova (e visto che i ‘rimandi a’ lasciano sempre il tempo che trovano), di ‘Stranger’ possiamo tessere lodi a sé.

Compagna di te stessa

“L’insolita costellazione del lockdown ha permesso di rivolgere l’attenzione verso l’interno e riscoprire la compagnia di se stessi. È stato come ritrovare una vecchia amica, per me”, recita l’ultima, puntuale newsletter di Chiara Dubey. “È stato come rincontrarla dopo tanto tempo e chiedersi come abbiamo fatto a perderci di vista così a lungo”. Detto a voce, durante i preparativi del concerto: «‘Stranger’ è la persona che avevo un po’ tralasciato nel resto dell’anno. Prima del lockdown non c’era mai il tempo sufficiente per prestare attenzione a sé stessi, per ascoltarsi, era come se il nostro guardare fosse completamente focalizzata verso l’esterno. Del come ci sentissimo realmente sembrava non interessarci mai granché. In questa situazione stranissima, d’isolamento, l’unica cosa che ti resta è la tua persona, compagna di te stessa. Solo a quel punto, per forza di cose, rivolgi l’attenzione verso l’interno. È stato un po’ come riscoprirsi o ritrovare una parte di te che avevi ignorato». E ora che vi siete ritrovate, tu e la tua amica, vi state almeno simpatiche? «Sì, assolutamente (ride, ndr). Parlo di un’amica ma si tratta di un’armonia, di una sorta d’equilibrio».

‘Mi hanno trovata’

In verità, a ritrovarsi dopo il lockdown sono stati in tre: Chiara, l’altra di sé e una giovane label zurighese chiamata Livana Music, parte di una struttura più grande, che crede nella costellazione Dubey: «Mi hanno trovata, mi hanno chiesto se fossi disponibile a lavorare con loro. Sono gentili, motivati, ora ho un team e non sono più tutta sola a lavorare per me. Ho firmato un contratto nel quale è inclusa ‘Stranger’». ‘Stranger’, appunto: «Mi è stato chiesto di scrivere una canzone come inno per la manifestazione e visto che il Festival si svolge a San Bernardino ho deciso trascorrere una giornata intera lì. Il trovarmi da sola è stato abbastanza liberatorio, la montagna fa questo effetto su di me. Più che farmi ispirare dall’aria fresca o dalle belle montagne, ho cominciato a pensare al lockdown, a come mi sono sentita, a come mi sento ora, e si è concretizzato il nocciolo del brano».

A San Bernardino, insieme alla nuova canzone, tornano le ‘Constellations’ del disco col quintetto al completo: «Siamo entusiasti di tornare a suonare, di trascorrere due giorni insieme. Siamo un po’ tutti a digiuno di musica live», conclude Chiara. A digiuno almeno dal Teatro di Locarno, settembre 2020, o da Basilea, ottobre dello stesso anno, prima che tutto chiudesse di nuovo; a digiuno, più recentemente parlando, dal live in streaming del gennaio 2021, integralmente fruibile sul Tubo. E quindi si suona dal vivo e il digiuno è finito, finalmente. Quanto alla label, e a quell’accordo di 6 pezzi «che probabilmente diventeranno 12, presto mi metterò a scrivere», c’è tempo. C’è tempo anche per sapere delle collaborazioni di Chiara Dubey con altri artisti, che adesso non si possono scrivere, ma nemmeno sapere. Al massimo ipotizzare. Così proviamo ad alzare la testa, magari è scritto nelle stelle.

Il festival

Note fluttuanti

È la prima edizione del Floating Notes Festival di San Bernardino, festival svizzero di musica sperimentale tutto nuovo che da oggi al 25 luglio ospita live set preparati appositamente per l’evento. A pagamento è la sola giornata di oggi, venerdì 23 (15 franchi il biglietto), a partire dalle 21 con la ‘space harp’ di Kety Fusco, le sperimentazioni viniliche di Camilla Sparksss e gli ampi panorami pianistici di Adriano Koch. Nei giorni successivi, le Drums Stones di Simon Berz, la neoclassica Dubey , il DJ Set Punk Spinning Weird Discs di Peter Kernel e l’alternative pop di Leoni Leoni. Annunciati anche Keri Gonzato ed Effe Effe. Per le condizioni meteo incerte, la musica è tutta alla vecchia fabbrica di acque minerali. Programma completo e orari su www.floating-notes.com.

Leggi anche:

La costellazione Chiara Dubey

È uscito 'Constellations' di Chiara Dubey e ne valeva la pena

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara dubey constellations lockdown san bernardino stranger
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
23 ore
Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’
Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Culture
1 gior
Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo
Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
L'intervista
1 gior
Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’
La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
1 gior
Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio
Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
L'intervista
1 gior
Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig
La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
1 gior
Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)
‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
1 gior
Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker
L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
1 gior
Pardi per tre, una condanna alla selezione
Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
2 gior
Piero Angela e la gentilezza della scienza
Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
2 gior
Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’
La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
© Regiopress, All rights reserved