laRegione
Locarno Film Festival
22.07.21 - 12:00
Aggiornamento: 14:53

Leopard Club Award a Kasia Smutniak

Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte

leopard-club-award-a-kasia-smutniak
Kasia Smutniak (Andrea Gandini)

Kasia Smutniak riceverà il Leopard Club Award. “Attrice talentuosa e personale”, come la definisce Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival, Smutniak riceverà il riconoscimento nella serata di venerdì 6 agosto in Piazza Grande, per poi presentarsi sabato 7 agosto al Forum @Rotonda by la Mobiliare per una conversazione con il pubblico moderata da Piera Detassis; a seguire, al Palacinema alle 15, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Peter Del Monte (2007), film che ha consacrato l'attrice sul grande schermo, da cui il primo Nastro d'argento della sua carriera. La proiezione rappresenterà anche l'occasione per ricordare il regista scomparso nel maggio di quest'anno.

Il Leopard Club Award, che prende il nome dall’associazione ufficiale di sostegno al Festival, renderà omaggio all'attrice di origine polacca, approdata alla recitazione in Italia dopo una carriera come modella. Kasia Smutniak ha lavorato con i fratelli Taviani (‘Maraviglioso Boccaccio’, 2015) e Paolo Sorrentino (‘Loro’, 2018), in ambiti di commedia con Paolo Genovese (Perfetti sconosciuti, 2016), nelle serie tv ‘In Treatment’ (Saverio Costanzo, 2013-2017), ‘Diavoli’ (Nick Hurran, Jan Michelini, 2020); ‘Domina’ (David Evans, Claire McCarthy, Debs Paterson, 2021) e nel cinema internazionale, nelle pellicole ‘From Paris With Love’ (Pierre Morel, 2010), ‘Dolittle’ (Stephen Gaghan, 2020).

Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival: “Attrice talentuosa e personale, attenta a gestire la sua presenza e le sue scelte artistiche, Kasia Smutniak è un’evidenza. Il suo muoversi fra cinema d’impegno, commedia e televisione, articolando un registro duttile e raffinato, le ha permesso di imporsi come uno dei nomi più interessanti e appassionanti del cinema europeo e italiano. La sua filmografia, ricca e diversificata, è la prova del lavoro di un’interprete che non ha mai smesso di interrogare il lavoro di attrice restando sempre in conversazione con il pubblico. Kasia Smutniak è un talento moderno che siamo onorati di potere celebrare mentre la sua carriera accoglie ancora una volta nuove sfide”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
3 ore
Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto
Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Locarno Film Festival
12 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
18 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
1 gior
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
2 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
2 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
© Regiopress, All rights reserved