laRegione
jackass-torna-per-farci-ridere-un-ultima-volta
Cinema
21.07.21 - 17:230
Aggiornamento : 18:24

Jackass torna per farci ridere un'ultima volta

Il quarto capitolo intitolato 'Jackass Forever' uscirà in ottobre e sancirà la fine della folle corsa di Johnny Knoxville e compagni

Pazzi. Squilibrati. Osceni.

Questo sono gli ''stuntman'' della banda di Jackass (tradotto asino o somaro) per moltissime persone. Ormai dal lontano e per alcuni nostalgico 2000, i Jackass hanno messo in scena gli stunt più folli che chiunque potesse mai immaginare: ricordiamo Steve-O (che fu fidanzato con Elisabetta Canalis) sniffare su per il naso del Wasabi, ad esempio. O Ehren McGhehey che si fece staccare un dente da una lamborghini (vedere per credere).  O, ancora, Johnny Knoxville che si fa ripetutamente incornare dai bufali. E altre scene - seriamente esagerate -  che, se vorrete, potrete scoprire da soli e farvene un'idea.

Gli esordi su MTV e l'affermazione mondiale

I Jackass, prima di sbarcare al cinema con il primo film dal titolo omonimo seguito dalla dicitura ''The Movie'', esordirono su MTV con una serie tv che andò avanti fino al 2002. Gli sketch e gli stunt erano prettamente demenziali e fatti in fretta (non c'era il budget milionario dei film successivi). Con tre stagioni e venticinque episodi, Jackass si concluse nel 2002,  e i membri, forti e popolari grazie alla serie, presero strade diverse nel settore del cinema e dell'intrattenimento. Nel periodo di trasmissione, furono molte le lamentele di alcuni genitori che accusarono i Jackass e MTV di portare i propri figli all'imitazione. L'emittente americana si è però sempre difesa mostrando all'inizio e alla fine di ogni puntata un'avvertenza che recitava di non imitare le imprese viste in tv. Se da un lato, i contrari e nemici dello show festeggiavano per la sua fine, dall'altra i Jackass stavano preparando il loro esordio cinematografico. A ottobre 2002 uscì infatti il primo Jackass: gli stunt furono più grossi, le location molte e tutte diverse una dall'altra e la regia più attenta a filmare i momenti più folli. Il risultato per la casa di produzione - la Paramount - risultò clamoroso e inaspettato: con un costo di cinque milioni, ne incassò a livello mondiale quasi 80. Jackass, dopo questo incasso, divenne una trilogia. Il terzo capitolo uscito nel 2010 incorporò anche la tecnologia 3D, che aumentò il disgusto e l'adrenalina, portando il terzo capitolo ad incassare più di 170 milioni di dollari. La domanda che ancora molte persone si pongono, compresi critici cinematografici e sociologi, è: perché tutto questo successo?

Uno specchio della nostra società

I Jackass sono in un certo senso artisti da circo, che come maggiore attrattiva hanno l'esibizione del corpo e la performance fisica. Come negli anni venti, dove il cinema di commedia prettamente slapstick - quello di Buster Keaton, Charlie Chaplin, Harold Lloyd e Stanlio e Olio - faceva cadere dalle poltroncine dei cinema gli spettatori a causa delle grasse risate. Anche Johnny Knoxville, creatore e frontman della serie, è sempre stato un grandissimo fan di Keaton, omaggiandolo anche con uno stunt nel secondo film che quasi lo uccise. Va ricordato che Keaton, nel film del 1926 ''The General'', eseguì senza nessun effetto speciale uno stunt in cui venne investito da un treno in corsa.

Per tanti, i Jackass sono semplicemente uno specchio della nostra società. Uno specchio rotto, volgare, senza limiti e da eliminare. Per il resto delle persone che pagheranno e hanno pagato un biglietto per recarsi al cinema, sono solo ''ragazzi'' di mezz'età completamente fuori di testa, che offrono il loro corpo per farci ridere. Ognuno di noi avrà sicuramente un'opinione diversa, ed è questo che il cinema deve fare.

 

 

 

Guarda 2 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
13 ore
A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro
Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Libri
17 ore
Obama-Springsteen, dal podcast al libro
'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Musica
19 ore
Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'
È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
20 ore
Amy, sono già dieci anni
Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Gallery
Musec
1 gior
Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21
Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Locarno Film Festival
1 gior
Leopard Club Award a Kasia Smutniak
Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
1 gior
Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti
Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
2 gior
Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie
Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
2 gior
C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival
Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
Musica
2 gior
Zezel e l’estetica dei tempi dispari
Sul ‘Tubo’ con nuovi brani e relativi video. Qui con l’Emilio Castorina pensiero. Giovedì 22 luglio dal vivo a Roveredo (l'intervista)
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile