laRegione
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
07:55
 
ginevra-di-marco-da-voce-alla-musica-del-popolo
Voce cristallina (foto: official Facebook)
Musica
13.06.21 - 20:300
Aggiornamento : 14.06.21 - 10:36

Ginevra Di Marco dà voce alla musica del popolo

Di terra in terra, da Sud a Nord, di secolo in secolo: a San Pietro di Stabio è stato un viaggio nelle radici della musica del mondo

“Malidittu ddu mumentu/Ca graprivu l'occhi nterra/Nta stu nfernu”. È un colpo basso, per un cuore siculo, l’omaggio iniziale di Ginevra Di Marco alla voce viscerale della Sicilia, Rosa Balistreri, nella seconda serata ‘Ul suu in cadrega’, alla masseria ProSpecieRara di San Pietro di Stabio. Una scossa emozionale, come emozionale è il ritorno a un concerto dal vivo, in un’atmosfera che sembra dire “la guerra è finita”. Sabato sera ogni cosa sembrava di nuovo al suo posto, come tutto dovrebbe essere in una sera di un’estate imminente: il cielo limpido, la birra alla spina, il profumo delle salamelle (e forse anche un po’ della prudentemente ritrovata libertà). E la musica, quella vera, suonata su un palco. Di nuovo quella curiosa attesa di sapere quale sarà il prossimo pezzo, il saltar su alle prime note di quel pezzo là che è quello che ci piace di più, o di quell’altro che non facevano dal vivo da tempo. E Ginevra ci mette del suo, accompagnata da Francesco Magnelli alla tastiera, Andrea Salvadori alle chitarre e corde varie e Luca Ragazzo alla batteria.

È un viaggio nelle radici della musica del mondo, dal folk siciliano rivestito di sonorità greche di ‘Amuri Amuri’, ai Balcani, poi oltre oceano giù fino nell’Argentina di Mercedes Sosa con una triade di brani (‘Volver a los diecisiete’, ‘Luna tucumana’ e ‘Solo le pido a Dios’) tratti dal disco-tributo portato anche sul palco di Longlake nel 2017. E poi di nuovo in un altro Sud, nell’‘Amara terra mia’ di Domenico Modugno, e ancora nella natìa Toscana a cantare ‘La Leggera’ dei lavoratori stagionali. Di popolo in popolo, da Sud a Nord e indietro nel tempo, fino al 1799 da cui viene ripescato il ‘Canto Sanfedista’, il malessere dei “populo vascie”, dei “puverielle”, dei “populane”, quelli per i quali gli ideali giacobini erano pura retorica di fronte alle precarie condizioni di vita materiale sotto un padrone o un altro: “So' venute li francise, aute tasse n'ci hanno mise, liberté... egalité... tu arruobbe a me, io arruobbo a te!”.

Quando ci si è infine riabituati all’atmosfera di un concerto, ci si prepara ad andare a casa con ancora la voce cristallina di Ginevra nelle orecchie, arriva però la botta finale quella dei lucciconi che erano là attaccati e respinti indietro. “Lasciami qui, lasciami stare, lasciami così…”: quella perla rarissima che è ‘Annarella’, dall’ultimo capitolo dell’epopea dei CCCP ‘Etica Etica Etnica Pathos’ (e che pathos), sbattuta là, a freddo a buttar giù le ultime resistenze, seguita a ruota da ‘Amandoti’, ancora da quella pietra miliare, in una versione forse un po’ ‘leggera’, ma senza lustrini, voci raschiate e camicie a sbuffo (chi vuole intendere, intenda).

E alla fine, si fa quello che si fa in ogni concerto, Covid o meno: ci si alza in piedi, ci si muove (sul posto, a distanza, ma ci si muove!), si canta insieme ‘Malarazza’: “Tu ti lamenti, ma che ti lamenti, pigghia lu bastuni e tira fora li denti”. Il viaggio musicale finisce, lasciando però l’idea che, incrociando le dita, il ritorno alla normalità sia appena iniziato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
13 ore
A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro
Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Libri
17 ore
Obama-Springsteen, dal podcast al libro
'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Musica
19 ore
Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'
È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
21 ore
Amy, sono già dieci anni
Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Gallery
Musec
1 gior
Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21
Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Locarno Film Festival
1 gior
Leopard Club Award a Kasia Smutniak
Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
1 gior
Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti
Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
2 gior
Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie
Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
2 gior
C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival
Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
Musica
2 gior
Zezel e l’estetica dei tempi dispari
Sul ‘Tubo’ con nuovi brani e relativi video. Qui con l’Emilio Castorina pensiero. Giovedì 22 luglio dal vivo a Roveredo (l'intervista)
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile