laRegione
28.05.21 - 09:26
Aggiornamento: 18:58

Benvenuti in Cina, cari Friends: scatta la censura

L'ira dei fan per l'esclusione decisa da Pechino ai danni di Lady Gaga, Justin Bieber e la band Bts

Ats, a cura de laRegione
benvenuti-in-cina-cari-friends-scatta-la-censura
La reunion sullo storico divano fra chili di troppo, capelli grigi e capelli tinti

Mancava qualcosa nella versione cinese dell'attesissima puntata speciale di Friends andata in onda ieri sera in tutto il mondo e vista da milioni di appassionati della serie in voga un quarto di secolo fa. Dalla reunion di circa un'ora e mezza sono stati tagliati i cameo di Lady Gaga, Justin Bieber e la band super star del K-Pop Bts, tutti 'colpevoli' di aver offeso in qualche modo Pechino nel passato. Della censura si sono accorti i fan cinesi che sui social hanno manifestato la loro rabbia. Altri hanno acquisito e condiviso le clip eliminate o il link dell'episodio completo.

Friends ha un enorme seguito in Cina, dove molti ragazzi attribuiscono allo show il merito di averli introdotti alla lingua inglese e alla cultura americana. Le 'colpe' dei personaggi censurati risalgono diversi anni fa. A Lady Gaga era stato impedito un tour in Cina per aver incontrato il Dalai Lama nel 2016. Anche Justin Bieber non può più esibirsi nel Paese da quando nel 2014 si è recato in visita al controverso tempio Yasukuni a Tokyo, considerato da Cina e Corea del Sud un simbolo dell'imperialismo nipponico. Quanto ai Bts, sono finiti nel mirino delle autorità cinesi l'anno scorso dopo che uno dei componenti, peraltro il protagonista della clip andata in onda durante lo speciale di Friends, parlò della "storia di sofferenza" condivisa dalla Corea del Sud e Usa nel conflitto del 1950-53, in cui i due paesi hanno combattuto insieme contro la Corea del Nord sostenuta dalla Cina. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
10 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
17 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved