laRegione
20.05.21 - 21:42

Cauto e decentralizzato: così sarà il Festival di Cannes

Verranno a cadere le restrizioni sui posti, ma continuerà a essere un evento 'dalle dimensioni ragionevoli', ha detto il direttore Thierry Frémaux

Ats, a cura de laRegione
cauto-e-decentralizzato-cosi-sara-il-festival-di-cannes
Il direttore

La 66esima edizione del Festival di Cannes, in programma dal 6 al 17 luglio, si farà anche se un po' miracolosamente e nel segno della decentralizzazione. È quanto annuncia il direttore artistico Thierry Frémaux a "Variety".

"Abbiamo fatto solo quello che avevamo programmato fin dall'inizio, senza cedere ad azioni irresponsabili o scoraggiarci. Ora è il momento di ospitare una grande Cannes, senza dare per scontato che la pandemia sia finita", spiega.

Per farlo, non ci sarà più la concentrazione nel solo Palais des Festivals: "Il numero di posti aumenterà, ma non quello degli accrediti, perché il nostro obiettivo è continuare ad essere un evento di dimensioni ragionevoli. Puntiamo insomma alla qualità dell'ospitalità e a proiezioni confortevoli. Il nuovo multisala, che non si trova proprio al centro della città, possiamo immaginare che sarà frequentato dai festivalieri che passeranno la giornata lì, guardando quattro o cinque film, per poi tornare nella zona della Croisette per cenare e stare insieme".

E ancora Frémaux: "Organizzeremo proiezioni fuori concorso nell'auditorium Debussy, che è una sala importante come la Lumière (dove si proiettano i film in concorso, ndr). Infine, proietteremo i film in 4 dei 12 schermi del Cineum, il nuovo e splendido multisala a Cannes, che aprirà i battenti in tempo per il festival. Ci saranno poi più eventi live e proiezioni in spiaggia. Il festival, che si svolgerà a luglio, deve essere apprezzato anche dalla gente del posto e dai vacanzieri".

Anche 'un blockbuster planetario che soddisferà tutti'

Sul fronte film americani, spiega: "Abbiamo visto alcuni bellissimi film che troveranno posto nella selezione. Tra questi ci sarà un blockbuster planetario che soddisferà tutti". Un festival, quello che si svolgerà dal 6 al 17 luglio, che si avvale comunque di un piccolo miracolo: "Chi avrebbe mai immaginato che la manifestazione potesse non avere limite di posti a sedere all'interno delle sale, dal momento che è stato annunciato solo ora dal governo che le restrizioni sui posti saranno revocate il 30 giugno?".

"Lo scorso autunno – conclude il direttore artistico – avevamo pensato a un piano di emergenza nel caso in cui a maggio non fosse stato possibile: ovvero inizio estate, fine estate o autunno. Abbiamo scelto l'inizio dell'estate. Poi sono arrivati i vaccini, che hanno cominciato lentamente per poi accelerare. L'Europa sta recuperando terreno a tutta velocità. E le misure di sanità pubblica sono sempre più favorevoli."

"Il Festival di Cannes sarà tra due mesi e andrà sempre meglio – crede Frémaux –. Inoltre, se pensiamo al 2020, il senso di sicurezza che c'è stato in estate potrebbe riproporsi rispetto a un autunno incerto in cui potrebbe ricominciare tutto da capo. Questa pandemia è infinita. Cannes è in corsa, ma la pandemia non è vinta. Saremo cauti".
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
18 ore
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
20 ore
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
1 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
2 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
2 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
Musica
3 gior
Leo Pusterla: prima viene Londra, poi un porto sicuro
Altri concerti al di là della Manica per il leader del Collettivo Terry Blue, e un’etichetta tutta sua, la Safe Port Production a Certara, in Valcolla
© Regiopress, All rights reserved