laRegione
a-stephan-eicher-il-gran-premio-svizzero-di-musica
Stephan Eicher (© Benoit Peverelli)
20.05.21 - 14:49
Ats, a cura de laRegione

A Stephan Eicher il Gran Premio svizzero di musica

Tra i vincitori, la violinista ticinese Chiara Banchini. La cerimonia di premiazione a settembre a Lugano

Stephan Eicher ha vinto il Gran Premio svizzero di musica, assegnato dall'Ufficio federale della cultura su proposta della giuria federale.

Nato nel 1960 e cresciuto nel canton Berna, Stephan Eicher si è avvicinato alla musica grazie al padre. Alla scuola zurighese di arte e design ha appreso tecniche di registrazione e composizione che ha messo a frutto, alla fine degli anni Settanta, in occasione della sua prima esperienza in una band electropunk, i Noise Boys, alla quale segue una collaborazione di due anni con il fratello Martin nel solco del genere musicale della Neue Deutsche Welle. L’album ‘Les Chansons Bleues’ del 1983 ha segnato l’inizio del suo successo in Francia e di una carriera da solista unica nel suo genere: un cantautore cosmopolita interprete dei generi rock e pop. Da quel momento in poi, la sua voce inconfondibile e le sue canzoni in francese, inglese, tedesco, italiano e dialetto bernese continuano ad attirare un vasto pubblico in Svizzera e all’estero. Le sue canzoni sono come flussi di pensiero che ne rivelano il mondo interiore: dalla visione del suo Paese natale come luogo di memoria e nostalgia (per es. l’album ‘Engelberg’), alla messa in musica dei lavori degli scrittori Philippe Dijan e Martin Suter (“Song Book”), fino alla ricerca delle sue origini jenisch nel documentario ‘Unerhört Jenisch’ del 2017. Nel corso della sua carriera, Stephan Eicher realizza una ventina di album, tra cui il più recente ‘Homeless Songs’, uscito nel 2019.

Altri 14 musicisti e musiciste ricevono un Premio svizzero di musica, tra di essi la violinista luganese Chiara Banchini, una delle più importanti interpreti della musica barocca. Dopo gli studi al Conservatorio di Ginevra con Corrado Romano, nel 1975 ha conseguito un diploma di solista all’Aia. Gli incontri con Nikolaus Harnoncourt e Sigiswald Kuijken hanno acceso la sua passione per la pratica esecutiva storica, pur senza trascurare la musica contemporanea. Nel 1981 ha fondato l’Ensemble 415, specializzato nella musica del tardo XVII e XVIII secolo con pluripremiate registrazioni con strumenti storici originali. Come violinista barocca, direttrice d’orchestra e docente, Chiara Banchini ha lavorato con orchestre rinomate come la Theresia Orchestra, la Chappelle Royale e la Camerata Bern e insegnato al Centre de musique ancienne di Ginevra e, fino al 2010, alla Schola cantorum di Basilea.

Premiazione al Lac il 17 settembre

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 17 settembre al Lac di Lugano. Alcuni vincitori e alcune vincitrici si esibiranno dal vivo durante la cerimonia ed è previsto un omaggio ai Premi svizzeri di musica nell’ambito del LongLake Festival di Lugano: sabato 18 e domenica 19 settembre alcuni dei premiati si esibiranno accanto a diversi esponenti della scena musicale della Svizzera italiana.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara banchini premi svizzeri musica stephan eicher
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
8 ore
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
1 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
1 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
1 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
2 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
2 gior
Il regista britannico Peter Brook è morto
Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Scienze
2 gior
Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici
Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
2 gior
Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia
A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
2 gior
Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’
Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
3 gior
Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo
Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
© Regiopress, All rights reserved