laRegione
la-leggerezza-del-dramma-per-pablo-gershanik-e-finzi-pasca
Foto Ti-Press
18.05.21 - 20:02

La leggerezza del dramma per Pablo Gershanik e Finzi Pasca

Uno spettacolo attentamente costruito per raccontare storie che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare

Ci sono storie che “come l’olio nell’acqua, prima o poi emergono”: esperienze dolorose, traumi, eventi che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare. Come raccontare, dunque, queste storie? Pablo Gershanik e Daniele Finzi Pasca l’hanno fatto con il gioco, la clowneria, la leggerezza di ‘52’, nuova produzione della Compagnia Finzi Pasca che ha debuttato ieri sera al Teatro dell’architettura di Mendrisio con repliche fino a domenica 23.

Ad attendere il pubblico, all’anteprima di domenica, c’era l’ordinato schema urbanistico di una città progettata a tavolino – La Plata in Argentina, dove Pablo Gershanik è nato – e alcuni numeri della tombola. In sottofondo, la cronaca di una partita di rugby e le delicate note di pianoforte composte da Maria Bonzanigo. La scenografia, efficacemente minimalista, di Hugo Gargiulo si arricchisce con una grande torta a piani, tipica dei matrimoni che Pablo porta in scena. Un veloce accenno a una data, il 10 aprile 1975, poi il racconto prende avvio, seguendo i numeri del lotto che l’attore continua a estrarre e ad annunciare come si fa alle feste popolari, seguendo ora le interpretazioni della smorfia, ora associazioni più personali.

Quella strana città tutta regolare e con le vie numerate, saltando il 52 perché al porto di quella strada ci sono i grandi edifici pubblici, il padre medico pediatra, un matrimonio che proprio quella sera – un giovedì, data scelta perché costa meno di un sabato – si celebra vicino alla loro casa. Una grande festa come si conviene ai matrimoni argentini. Anche se la sposa in realtà è francese e l’incontro tra i parenti di lui e quelli di lei, arrivati da Toulouse, dà il via a un funambolico grammelot ispano-francese. Si sorride, si ride di fronte alle descrizioni dei parenti, a questo strano incontro tra culture che poco hanno in comune. Finché non salta fuori la comune passione per il rugby, l’unico sport che unisce gli avversari invece di dividerli.

A rugby giocava anche Mario, il padre di Pablo. Il racconto si allarga: in giro a La Plata, quella sera, c’era anche una banda. “Non era la polizia o l’esercito” spiega l’attore, e gli basta un gesto per lasciar intendere l’affinità con la dittatura di Videla che sarebbe arrivata poco tempo dopo quella notte.

Arrivati a questo punto si potrebbe cambiare registro, anzi di dovrebbe perché ormai è chiaro che quella banda sta per uccidere il padre di Pablo Gershanik. Ma non sarebbe questo il modo corretto per far emergere la storia: e così si spinge ancora di più sulla comicità, dando vita a un ritratto particolarmente divertente dei membri della banda. Nel momento dell’uccisione, è la musica a sottolineare la tragedia mentre Pablo, sdraiato sulla grande mappa di La Plata, dà voce agli ottanta colpi di mitra come un bambino che gioca.

‘52’ è uno spettacolo attentamente costruito: per la capacità di raccontare con leggerezza una storia dura come l’uccisione di un padre, evitando che il riemergere della memoria renda pubblico e protagonista vittime, ma anche per come tutti i racconti e le riflessioni che Pablo Gershanik porta con una risata in scena rimandino all’assenza. Difficile dire se sia davvero un teatro che cura – di questo si occuperà una tavola rotonda che si terrà venerdì alle 18; info: www.tam.usi.ch –, di sicuro è un teatro che regala belle emozioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
finzi pasca pablo gershanik teatro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Musica
4 ore
Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent
Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito.
Culture
8 ore
Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini
Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Arte
22 ore
L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida
Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior
Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore
Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior
Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco
‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior
Transiti, nove e dieci
Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior
Il Monte Generoso di Catania
Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior
Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller
Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Società
2 gior
Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’
Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
2 gior
Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate
Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
© Regiopress, All rights reserved