laRegione
18.05.21 - 20:02

La leggerezza del dramma per Pablo Gershanik e Finzi Pasca

Uno spettacolo attentamente costruito per raccontare storie che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare

di Ivo Silvestro
la-leggerezza-del-dramma-per-pablo-gershanik-e-finzi-pasca
Foto Ti-Press

Ci sono storie che “come l’olio nell’acqua, prima o poi emergono”: esperienze dolorose, traumi, eventi che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare. Come raccontare, dunque, queste storie? Pablo Gershanik e Daniele Finzi Pasca l’hanno fatto con il gioco, la clowneria, la leggerezza di ‘52’, nuova produzione della Compagnia Finzi Pasca che ha debuttato ieri sera al Teatro dell’architettura di Mendrisio con repliche fino a domenica 23.

Ad attendere il pubblico, all’anteprima di domenica, c’era l’ordinato schema urbanistico di una città progettata a tavolino – La Plata in Argentina, dove Pablo Gershanik è nato – e alcuni numeri della tombola. In sottofondo, la cronaca di una partita di rugby e le delicate note di pianoforte composte da Maria Bonzanigo. La scenografia, efficacemente minimalista, di Hugo Gargiulo si arricchisce con una grande torta a piani, tipica dei matrimoni che Pablo porta in scena. Un veloce accenno a una data, il 10 aprile 1975, poi il racconto prende avvio, seguendo i numeri del lotto che l’attore continua a estrarre e ad annunciare come si fa alle feste popolari, seguendo ora le interpretazioni della smorfia, ora associazioni più personali.

Quella strana città tutta regolare e con le vie numerate, saltando il 52 perché al porto di quella strada ci sono i grandi edifici pubblici, il padre medico pediatra, un matrimonio che proprio quella sera – un giovedì, data scelta perché costa meno di un sabato – si celebra vicino alla loro casa. Una grande festa come si conviene ai matrimoni argentini. Anche se la sposa in realtà è francese e l’incontro tra i parenti di lui e quelli di lei, arrivati da Toulouse, dà il via a un funambolico grammelot ispano-francese. Si sorride, si ride di fronte alle descrizioni dei parenti, a questo strano incontro tra culture che poco hanno in comune. Finché non salta fuori la comune passione per il rugby, l’unico sport che unisce gli avversari invece di dividerli.

A rugby giocava anche Mario, il padre di Pablo. Il racconto si allarga: in giro a La Plata, quella sera, c’era anche una banda. “Non era la polizia o l’esercito” spiega l’attore, e gli basta un gesto per lasciar intendere l’affinità con la dittatura di Videla che sarebbe arrivata poco tempo dopo quella notte.

Arrivati a questo punto si potrebbe cambiare registro, anzi di dovrebbe perché ormai è chiaro che quella banda sta per uccidere il padre di Pablo Gershanik. Ma non sarebbe questo il modo corretto per far emergere la storia: e così si spinge ancora di più sulla comicità, dando vita a un ritratto particolarmente divertente dei membri della banda. Nel momento dell’uccisione, è la musica a sottolineare la tragedia mentre Pablo, sdraiato sulla grande mappa di La Plata, dà voce agli ottanta colpi di mitra come un bambino che gioca.

‘52’ è uno spettacolo attentamente costruito: per la capacità di raccontare con leggerezza una storia dura come l’uccisione di un padre, evitando che il riemergere della memoria renda pubblico e protagonista vittime, ma anche per come tutti i racconti e le riflessioni che Pablo Gershanik porta con una risata in scena rimandino all’assenza. Difficile dire se sia davvero un teatro che cura – di questo si occuperà una tavola rotonda che si terrà venerdì alle 18; info: www.tam.usi.ch –, di sicuro è un teatro che regala belle emozioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
6 ore
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
8 ore
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
8 ore
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
21 ore
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
23 ore
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
1 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
1 gior
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
1 gior
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
© Regiopress, All rights reserved