laRegione
Svizzera
Turchia
18:00
 
Italia
Galles
18:00
 
BRENGLE M. (USA)
GOLUBIC V. (SUI)
17:45
 
SAMSONOVA L. (RUS)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-1 : 6-3)
sweat-tre-giorni-nella-vita-di-una-influencer
Spettacoli
13.05.21 - 11:440

‘Sweat’, tre giorni nella vita di una influencer

Nei cinema il ritratto di una motivatrice del fitness e star di Instagram, ma il film del regista Magnus von Horn convince solo in parte

Chi è Sylwia Zajac? Una motivatrice del fitness, una influencer, un’imprenditrice, una donna sicura di sé, un’esibizionista emotiva. O più semplicemente il personaggio inventato da Magnus von Horn dopo che una vera fitness trainer e influencer non ha risposto alla richiesta del giovane regista svedese, ma formatosi in Polonia, di fare un film su di lei. Così il suo ‘Sweat’ – selezionato al Festival di Cannes 2020 e ora nelle sale ticinesi, in programmazione all’Otello di Ascona e prossimamente anche al Cinema Teatro Blenio – ha come protagonista un personaggio inventato da lui e dall’attrice Magdalena Kolesnik che, come ammette lo stesso regista, si è impadronita di Sylwia Zajac dandole vita e spessore. “Magda non aveva nemmeno Instagram all’epoca, ha passato un anno in palestra e molto tempo sui social media per entrare nel ruolo. (…) Quando mi sono perso sul set, so che potevo sempre contare sul supporto di Magda” si legge nelle note di regia. Affermazione che lascia lo spettatore con il sospetto che quel che c’è di non stereotipato, nel personaggio di Sylwia , sia opera di Magdalena Kolesnik, mentre la parti più scontate si debbano a Magnus von Horn. Il regista, da osservatore passivo sui social media e persona tendenzialmente riservata, fatica evidentemente a entrare in un mondo non suo ma che lo ossessiona – si tratta, di nuovo, di sue affermazioni – e così resta sulla superficie, incapace di andare a fondo nei temi su cui ha deciso di lavorare. L’autenticità delle emozioni che si incarnano in video online, la commistione tra vita privata e pubblica che porta a costruire un’immagine di sé di cui non si è più padroni: questioni che vengono affrontate in maniera anche molto interessante – prestate attenzione a quando Sylwya viene fermata da una fan al centro commerciale – ma che alla fine rimangono lì, come sospese.

‘Sweat’ si presenta come un ritratto, uno scorcio quasi documentaristico di tre giorni della vita di Sylwia: gli esercizi di fitness che puntano più alla psiche che al fisico perché il vero problema non sono muscoli e grasso ma la motivazione; le discussioni con gli sponsor preoccupati per la coerenza tra i propri prodotti e l’immagine pubblica di Sylwia; un video diverso dal solito, in cui parla apparentemente a cuore aperto della propria solitudine; un molestatore che si insedia sotto casa sua masturbandosi in auto; la festa di compleanno della madre ma che al centro dell’attenzione vede Sylwia e il suo successo; un’intervista in una popolare trasmissione televisiva per parlare di sé stessa e della sua attività. Di materiale, come si vede, ce n’è tanto, tutto interpretato molto bene da Magdalena Kolesnik alla quale la riuscita del film deve molto. Peccato che il regista punti soprattutto sulla figura forse meno interessante, lo stalker che sarà protagonista di una disavventura che, nelle intenzioni di Magnus von Horn, dovrebbe far maturare Sylwia, portarla a un cambiamento interiore per quanto magari temporaneo. Una sfumatura moralisticheggiante che poteva benissimo risparmiarsi.

Se come autore e sceneggiatore Magnus von Horn non risulta del tutto convincente, è invece da lodare per il bel lavoro di regia: il film è segnato da continui cambi di registro, un miscuglio di generi che arrivano su schermo in maniera armoniosa e unitaria. La storia viene raccontata con quella che Magnus von Horn definisce “una telecamera intima e mobile”, un po’ seguendo la lezione del movimento Dogma 95 di Lars von Trier, un po’ lo stile dei video su Instagram.

Un lavoro interessante, ‘Sweat’: per quanto riuscito a metà, è capace di evocare un mondo, quello “dei social”, e le sue contraddizioni, anche se non a mettere a fuoco il tema. Viene da chiedersi come sarebbe venuto, il film, se la vera influencer avesse risposto alla mail di Magnus von Horn. Forse avremmo un lavoro più autentico, anche se verosimilmente ‘Sweat’ sarebbe diventato un documentario come ce ne sono tanti; anche perché non avremmo avuto la brava Magdalena Kolesnik.

TOP NEWS Culture
Musica
8 ore
'I Wanna Be Your Slave': i Måneskin nella Top 10 britannica
Mai nessuna band o solista italiani tra i primi dieci singoli di Gran Bretagna. L'impresa la fanno i quattro di ‘Zitti e buoni’ (ma non con ‘Zitti e buoni’)
Spettacoli
20 ore
Piano City Milano, il grande abbraccio collettivo della Decima
Cento concerti in tre giorni, tremila in 10 anni, e una sola regola 'rigidissima': il pianoforte. A colloquio con Ricciarda Belgioioso, co-direttrice artistica
Arte
23 ore
Riscoprire le opere di Antonio Ciseri
In occasione del bicentenario della nascita del pittore, è stato realizzato un itinerario che attraversa diverse località ticinesi
Musica
23 ore
Final Step, per riconnetterci è uscito ‘Disconnections’
Con Matteo Finali tra le storie musicali (anche di famiglia) di un album che è un invito a riprenderci i suoni delle nostre vite (reali).
Culture
1 gior
A Leontica tutte le strade portano alla pozza
Per tutti coloro che arrivano in paese seguendo le tracce lasciate dal romanzo di Fabio Andina, domenica 27 giugno s'inaugura Il Sentiero del Felice (siamo tutti invitati)
Società
1 gior
Addio Lugano bella, la storia dell’anarchico Pietro Gori
Gli ideali politici di un uomo che rifiutava la violenza e la scienza della devianza di Lombroso: intervista allo storico Massimo Bucciantini
Società
1 gior
34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile
Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"
Spettacoli
2 gior
Ceresio Estate, omaggio ‘celestiale’ a Luciano Sgrizzi
Intervista a Davide Macaluso, la cui celesta sarà protagonista del concerto di lunedì 21 giugno a Carabbia
Culture
3 gior
Al musicologo Lorenzo Bianconi il Premio Guido Adler
L'importante riconoscimento è conferito al più importante musicologo ticinese dalla Società Internazionale di Musicologia
Cinema
3 gior
Spike Lee tra le palme è il poster di Cannes
Sulla Croisette, in bianco e nero, il regista comunica l'impazienza di tornare a guardare i film.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile