laRegione
15.04.21 - 19:39

Cinema&Gioventù abbraccia la Cineteca di Milano

Gemellaggio tra le due istituzioni attive nella formazione cinematografica. Prevista una masterclass su Alberto Lattuada, protagonista della prossima retrospettiva di Locarno, e l’estensione della giuria dei giovani

cinema-gioventu-abbraccia-la-cineteca-di-milano

Cinema&Gioventù e la Cineteca Milano uniscono le loro forze: è stato annunciato un accordo di gemellaggio tra le due istituzioni attive nella formazione cinematografica con lo scopo di ampliare le attività.

Iniziativa del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport del Canton Ticino gestita dal festival del cinema giovane Castellinaria di Bellinzona, Cinema&Gioventù offre ai giovani l'opportunità di partecipare al Locarno film festival come membri di una giuria dei giovani imparando ad avere uno spirito d’analisi filmica, assistendo a workshop sul linguaggio cinematografico, incontrando e discutendo con registi, attori e responsabili della manifestazione. Castellinaria e la Cineteca Milano hanno già collaborato attivamente nel passato, in particolare per il programma “Piccolo Grande Cinema”, organizzato annualmente da Cineteca Milano per il pubblico più giovane.

I primi frutti di questa collaborazione saranno una masterclass sul regista italiano Alberto Lattuada condotta Matteo Pavesi, direttore della Cineteca Milano di cui Lattuada è stato uno dei fondatori. Si parlerà del suo aspetto cinetecario ma anche di letteratura, partendo dai romanzi russi adattati da Lattuada al quale è dedicata la retrospettiva del 74° Locarno film festival.
L’accordo prevede inoltre che alla Cineteca Milano vengano riservati alcuni posti nella giuria di Cinema&Gioventù, per partecipare alla quale è necessario iscriversi tramite il festival Castellinaria.


 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
1 ora
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale.
Scienze
12 ore
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
13 ore
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
22 ore
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
1 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
2 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
2 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
© Regiopress, All rights reserved