laRegione
14.04.21 - 19:51

Covid, cinema e teatri ‘non sono più gli ultimi a riaprire’

Alcune sale hanno già annunciato la ripresa degli spettacoli dal vivo, in attesa degli eventi all'aperto. Ma per i cinema e le grande produzioni questi allentamenti non sono sufficienti

covid-cinema-e-teatri-non-sono-piu-gli-ultimi-a-riaprire
Sale chiuse ancora per poco (Ti-Press)

Che cosa comportano per cinema e teatri le decisioni del Consiglio federale? «Innanzitutto che non siamo più l’ultima categoria a riaprire ma rientriamo in una riflessione globale sui bisogni e le necessità della società» spiega Gianfranco Helbling, direttore del Teatro Sociale di Bellinzona e membro di comitato dell’Unione dei teatri svizzeri. La graduale ripresa delle attività culturali è accolta positivamente dalla Taskforce Culture, organo che rappresenta le varie associazioni professionali e amatoriali attive in Svizzera. In un comunicato stampa, tuttavia, si sottolineano la mancanza di prospettive per i grandi eventi e le difficoltà, con il limite a un terzo della capienza, per le piccole sale, senza dimenticare le limitazioni ancora importanti per la cultura amatoriale.  “Il mantenimento delle compensazioni al settore culturale e la loro rapida erogazione restano pertanto indispensabili”, conclude il comunicato.

Un pubblico di massimo 50 persone non permette di pensare a produzioni importanti e neanche al recupero completo delle stagioni teatrali, ma alcune sale – tra cui il Sociale e il San Materno di Ascona – hanno già manifestato l’intenzione di riaprire. Rinviato all’autunno il debutto di ‘Olocene’, la nuova produzione del Sociale, il teatro di Bellinzona ripartirà nei prossimi giorni con ‘Il dolore’, spettacolo da Marguerite Duras con Margherita Saltamacchia, Raissa Avilés e Rocco Schira. «È uno spettacolo sull’attesa e ci sembra giusto chiudere così questo periodo di attesa e di speranza» spiega Helbling. Impossibile per contro pensare a una riapertura della Sala Teatro del Lac: come era stato sottolineato il mese scorso, quando si era iniziato a parlare delle prime possibili riaperture, la gestione della sala da mille posti è insostenibile con meno di 300 persone; rimane lo spazio della Hall, da poco rinnovato, dove presto si tornerà ad accogliere il pubblico, senza dimenticare gli eventi all’aperto dove il limite di pubblico sale a 100.

Il Consiglio federale ha nuovamente indicato limiti rigidi, valevoli per tutte le sale, nonostante gli operatori avessero chiesto un approccio differenziato, tenendo conto non solo della capienza della sala ma anche di altri parametri tra cui il sistema di ventilazione. «In parte la modulazione in base alla sala c’è: l’indicazione è infatti un terzo della capienza fino a un massimo di 50 persone» precisa Helbling. «In questa fase, dove si vuole avere meno persone in giro, capisco la rigidità, ma per i prossimi allentamenti mi aspetto maggiore elasticità».

Più complesso il discorso per i cinema: il vero problema non è il limite di cinquanta spettatori, ma la scarsa disponibilità di film; tutto dipenderà da cosa proporranno i distributori con un mercato internazionale sostanzialmente fermo.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
La recensione
14 ore
Vivian, Edward e Pretty Bryan
Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
18 ore
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
1 gior
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
1 gior
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
2 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
2 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
2 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
2 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
3 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
3 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
© Regiopress, All rights reserved