laRegione
julie-meletta-aspettando-l-album-can-we-talk
Dal 9 aprile il nuovo singolo (www.juliemeletta.com)
Musica
07.04.21 - 18:500

Julie Meletta: aspettando l'album, 'Can We Talk?'

Dalla pop-dance di 'Middle May', anno 2020, alle ritmiche trap-hip hop del nuovo singolo, in uscita venerdì 9 aprile.

di B.D.

«È nato tutto da un’immagine che avevo in testa: due persone che si incontrano a una festa, e una che dice all’altra “possiamo parlare?”. La ricerca di un contatto. È un momento che può significare molte cose, e penso che sia già successo a tante persone. Per quanto mi riguarda, quel “possiamo parlare” ha a che fare con una situazione specifica: l’aver fatto un torto a qualcuno e il desiderio di poter rimediare».

La paura d'impegnarsi, di mettersi in gioco in una relazione. Di questo si parla in ‘Can We Talk?’, che dal prossimo 9 aprile sarà il nuovo singolo di Julie Meletta, cantautrice ticinese che torna a qualche mese di distanza da ‘Middle May’, svolta pop dance dai suoni «nuvolosi, fumosi o sognanti», come li definisce lei, che proseguono anche qui, ma con ritmiche mutuate dalla trap e dall'hip hop. «Quelle paure rappresentano qualcosa che ho vissuto e che mi ha tormentato per anni – spiega Meletta – e la cosa che rimaneva di più alla fine di tutto era la consapevolezza di aver ferito qualcuno. Una brutta sensazione di cui forse ho provato a liberarmi in questa canzone». 

Anche ‘Can We Talk?’, dal riff che resta, nasce dal quartetto completato da Enea, Luca e Stefano: «Sono felice di potermici confrontare, devo loro davvero molto. Quando ci siamo conosciuti, quattro anni fa, scrivevo canzoni ma non avevo idea di quello che stavo facendo. Mi hanno insegnato il metodo, la cura per le melodie e per i suoni, come si costruisce un arrangiamento e l’importanza delle strutture. Se non li avessi conosciuti, probabilmente a quest’ora canterei soltanto nelle serate karaoke».

C'è un album all'orizzonte, per Julie Meletta: «Le canzoni ci sono, ogni tanto ne scarto alcune e ne scrivo altre. Ho il brutto vizio di non essere mai contenta di quello che faccio e tendo a pensare che posso sempre fare di meglio. Per il momento voglio uscire con i singoli che più mi convincono, ma con delle uscite più ravvicinate. Entro la fine dell’anno mi piacerebbe raccogliere i singoli in un album e aggiungere delle tracce inedite» (www.juliemeletta.com). 

TOP NEWS Culture
Musica
8 ore
Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)
Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
13 ore
La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi
Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
15 ore
Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte
Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
22 ore
Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)
È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Spettacoli
1 gior
Morto il rapper DMX, era in coma per overdose
Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Covid e Cultura
1 gior
'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'
A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior
Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio
'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior
Milena Folletti dice addio alla Rsi
Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Video
Culture
1 gior
Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter
L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
1 gior
Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo
Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile