laRegione
26.03.21 - 14:26
Aggiornamento: 16:23

‘Olocene’, rimandata la nuova produzione del Sociale

Lo spettacolo di Flavio Stroppini, tratto dal romanzo di Max Frisch, doveva debuttare a Bellinzona il 20 aprile

olocene-rimandata-la-nuova-produzione-del-sociale
Archivio Ti-Press

Si è sperato fino all’ultimo, ma le incertezze sulla riapertura dei teatri ha avuto la meglio: è rinviato all’autunno, il debutto della nuova produzione del Teatro Sociale di Bellinzona. ‘Olocene’, diretto da Flavio Stroppini a partire dal romanzo ‘L'uomo nell'Olocene’ di Max Frisch, doveva debuttare il 20 aprile con repliche fino al 25.

Nelle prossime tre settimane il team di creazione, comprendente in particolare gli attori Margherita Saltamacchia e Rocco Schira, sarà al Teatro Sociale per provare e allestire lo spettacolo, così da essere pronti per il debutto autunnale.

I biglietti già emessi per le rappresentazioni di aprile di ‘Olocene’ non saranno validi per le nuove date. Il rimborso può essere richiesto entro il 30 aprile allo stesso punto vendita presso cui sono stati acquistati. Gli abbonati riceveranno a casa nei prossimi giorni un'informazione specifica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
17 min
Contro la solitudine, doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, Marco Paolini, maestro del teatro di narrazione, porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì e venerdì, al Teatro Sociale.
Scienze
11 ore
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
12 ore
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
20 ore
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
1 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
2 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
2 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
© Regiopress, All rights reserved