laRegione
riaperture-un-buon-segnale-per-cinema-e-teatri
Archivio Ti-Press
12.03.21 - 19:20

Riaperture, un buon segnale per cinema e teatri

Pesano le incertezze, il numero ridotto di spettatori per i teatri e la mancanza di film per le sale cinematografiche

Che sia teatrale o cinematografica, c’è voglia di tornare ad accogliere il pubblico in sala: per gli operatori culturali le (possibili) aperture annunciate ieri sono certamente un segnale positivo, anche se la strada per un ritorno alla programmazione normale è ancora lunga. «È bello che ci si possa ragionare, è bello che la cultura arrivi assieme agli altri settori economici e non sia più sistematicamente l’ultima» ci spiega Gianfranco Helbling, direttore del Teatro Sociale di Bellinzona oltre che membro di comitato dell'Unione dei teatri svizzeri. Anche Michel Gagnon, direttore del Lac, si rallegra per l’annuncio, per quanto il limite di 50 spettatori non permette ancora di riaprire la Sala Teatro: impensabile con meno di 300 persone.

Il Consiglio federale ha deciso per un limite uguale per tutte le sale – un terzo della capienza fino a un massimo, appunto, di 50 spettatori –, anche se una delle richieste degli operatori era di trovare soluzioni che tenessero conto delle caratteristiche delle singole strutture. «C’erano diverse proposte – ci spiega Helbling –, la più diffusa è il Modello di Basilea che tiene conto della superficie, del volume, della capacità dell’impianto di aerazione. Probabilmente in questa prima fase si è optato per un sistema più semplice da comunicare e da controllare».

Il risultato è che, per ora, è difficile pensare a spettacoli “grossi” e anche limitandosi a monologhi o musica da camera, ci vorrà comunque un po’ di tempo per partire: impossibile pensare di partire già lunedì 22, tenendo conto che la decisione sarà presa pochi giorni prima. Il Lac ha intenzione di organizzare alcuni eventi nella Hall, da poco ristrutturata. Anche il Sociale di Bellinzona ha già qualche idea per la settimana del 22; il resto dipenderà da ulteriori allentamenti: «Abbiamo ancora in calendario la prima di ‘Olocene’: l’allestimento lo facciamo in ogni caso, vedremo se farlo debuttare o aspettare la prossima stagione. E, fino a metà giugno abbiamo già fissato il recupero delle spettacoli annullati: se ci saranno ulteriori aperture potremmo riuscire a fare una parte del cartellone» spiega Helbling. Il Cinema Teatro di Chiasso aprirà al pubblico gli ultimi spettacoli della rassegna online ‘2 teatri in salotto’; il resto, di nuovo, dipenderà dai limiti: «Come altre sale, io ho platea e galleria separati con entrate divise, potrei fare 50 sopra e sotto e con 100 persone potremmo sostenere un minimo di stagione» ci spiega il direttore Armando Calvia.

Situazione più difficile per i cinema: cinquanta persone in sala non sono certo numeri da blockbuster, ma potrebbero essere sufficienti per una riapertura. Se vi saranno film da proiettare: «Il limite di 50 è uno scenario che abbiamo già avuto, in autunno, però la valutazione non è solo logistica: dovremo fare i conti con i distributori, su cosa saranno disposti a darci» ci spiega Roberto Pomari, direttore del Palacinema di Locarno. Il timore è che i film importanti rimarranno nei cassetti in attesa di tempi migliori e con seconde visioni non è detto si riescano a coprire i costi. «Con un catalogo povero, potremmo decidere di non aprire» spiega Pomari. Timori condivisi da Luca Morandini di MendrisioCinema: «Il limite di 50 spettatori non è un problema, il problema è che dobbiamo attendere che riparta il mercato almeno a livello europeo: se non si riprende in Italia, noi non abbiamo film in italiano, e lo stesso per la Francia con la Romandia e la Germania con la Svizzera tedesca». Previsioni è difficile farle, ma difficile pensare che la filiera riparta prima di aprile-maggio.

«Io temo anche una certa diffidenza iniziale da parte del pubblico» aggiunge Pomari. Almeno di quello generico: maggiori opportunità potrebbe esserci con i cinefili e le sale indipendenti. «Io l’Otello sono pronto a riaprirlo – ci spiega il direttore del cinema di Ascona Antonio Prata – «ma se sono li solo, chi mi dà i film? Lancio un appello ai distributori: dateci i film!». Ma un appello anche agli altri gestori: «Chi può, riapra, perché bisogna tornare con il cinema, con la sala, con l’esperienza collettiva: siamo stufi dello streaming, sia noi che ci lavoriamo che immagino gli spettatori».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema covid cultura teatro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
1 ora
‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’
Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
L'intervista
3 ore
Juliette Binoche, attrice e camionista
Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
3 ore
Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum PI
Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore “TC” Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
6 ore
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
17 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
23 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
1 gior
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
1 gior
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
1 gior
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
© Regiopress, All rights reserved