laRegione
01.03.21 - 08:05
Aggiornamento: 17:36

I Golden Globe fanno la storia incoronando una regista

In un'edizione ibrida che ha visto trionfare la serie The Crown, Chloe Zhao con il suo Nomadland è la prima donna a vincere da Barbara Streisand nel 1984

i-golden-globe-fanno-la-storia-incoronando-una-regista

Preceduta da polemiche e criticata in diretta, la cerimonia "bicoastal" e ibrida (le due conduttrici si sono collegate da Los Angeles rispettivamente da New York, i premiati da casa propria) dei Golden Globes 2021 ha comunque fatto la storia: per la prima volta dal 1984, quando fu premiata Barbra Streisand con "Yentl", una donna, Chloe Zhao, ha vinto come miglior regista.

Il suo film, "Nomadland", è stato inoltre giudicato il miglior film drammatico dell'anno.

Ai premi assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association c'è stato anche un pezzo d'Italia: "Io Sì" di Laura Pausini si è aggiudicata il globo d'oro per la miglior canzone originale. "Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere", ha commentato incredula la Pausini su Instagram ringraziando Diane Warren, che ha collaborato con lei per il brano, parte della colonna sonora di "La vita davanti a sé" di Edoardo Ponti (dedicato alla madre Sophia Loren) che era candidato al miglior film straniero ma che è stato battuto dal sudcoreano "Minari".

Se "Nomadland" con Frances McDormand ha vinto come miglior film drammatico, Borat si è fatto valere nella categoria dei film comici e il suo autore, Sasha Baron Cohen, ha sbaragliato la concorrenza come miglior attore protagonista. "Grazie alla giuria di tutti i bianchi", ha detto da casa, lanciando una frecciata alla Hfpa i cui 87 membri non includono - ha scoperto la scorsa settimana il Los Angeles Times - un solo giornalista di colore. Accettando il premio alla carriera intitolato a Cecil B. DeMille, Jane Fonda ha rincarato la dose: "C'è una storia che abbiamo paura di vedere su noi stessi. Una storia su quali voci vogliamo elevare e quali mettere a tacere, di chi ha un posto a tavola e chi resta fuori dalle stanze delle decisioni".

Forse per riparare alla crisi di immagine la Hfpa ha assegnato a due attori di colore, Daniel Kaluuya e John Boyega, i primi due premi della serata andata in onda sulla Nbc da Los Angeles e New York. Scontato invece il riconoscimento postumo a Chadwick Boseman, la star di "Black Panther" morto di cancro l'anno scorso, che in "Ma Rainey Black Bottom" ha avuto l'ultima interpretazione della sua carriera. Poche sorprese: tra queste Andra Day come miglior attrice in un film drammatico per "The United States vs. Billie Holiday."

La Hollywood Foreign Press assegna 25 premi per il cinema e per la tv: "The Crown" ha vinto nella categoria migliore serie drammatica con Emma Corrin, Josh O'Connor e Gillian Anderson premiati per i ruoli di Lady Diana, del principe Carlo e di Margaret Thatcher. Netflix, che ha portato lo show di Peter Morgan sul piccolo schermo, aveva collezionato ben 42 nomination e ne ha vinte 10 tra cui un paio per la "Regina degli Scacchi". È in parte di Netflix anche il merito del successo di "Schitt's Creek", la serie comica canadese che aveva fatto man bassa agli Emmy: è stata premiata come migliore dell'anno e per l'interpretazione di Catherine O'Hara nella parte dell'eccentrica matriarca Moira Rose.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
3 ore
Dietro le sbarre di ‘Ariaferma’
Silvio Orlando e Tony Servillo, carcerato e carceriere nel film di Leonardo Di Costanzo, a Venezia prima e a Castellinaria 2021 poi, ora in sala
Teatro Sociale
13 ore
‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte
Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Spettacoli
1 gior
Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’
Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
1 gior
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
2 gior
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
2 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
2 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
2 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
3 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
3 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
© Regiopress, All rights reserved