laRegione
02.02.21 - 22:23

Dolly Parton e la Medaglia della Libertà (che non vuole)

Rifiutata due volte l'offerta di Donald Trump. 'Penso che immaginassimo che l'avesse già ricevuta e sbagliavamo. Se la merita e chiamerò Biden', dice Obama

Ansa, a cura de laRegione
dolly-parton-e-la-medaglia-della-liberta-che-non-vuole
Dolly Parton (Keystone)

Dolly Parton ha rifiutato due volte l'offerta dell'ex presidente Donald Trump della Medaglia della Liberta', la massima onorificenza civile americana. La 75enne regina del country si è detta d'altra parte incerta se accettare lo stesso onore se fosse Joe Biden a offrirglielo: un gesto – ha spiegato – che avrebbe sapore politico. "La prima volta non ho accettato perché mio marito era malato", ha dichiarato la cantante alla Nbc: "La seconda non volevo viaggiare a causa del Covid". Nell'intervista Dolly ammesso di aver avuto contatti con l'amministrazione Biden: "Se accettassi adesso sembrerebbe che faccio politica, così non sono sicura". Ma ha aggiunto che lei non lavora per questi premi: "Sarebbe carino, ma non sono neanche sicura di meritarmelo".

Lo scorso aprile la Parton aveva donato un milione di dollari per la ricerca sul vaccino Moderna contro il Covid. Che la Parton meriti la Medaglia era sicuro Barack Obama: intervistato in novembre sulla Cbs l'ex presidente ha definito "un errore" il fatto che la cantante sia stata snobbata dalla sua amministrazione. "Penso che immaginassimo che l'avesse già ricevuta e sbagliavamo. Se la merita e chiamerò Biden".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
1 ora
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Paabo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca.
Spettacoli
7 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
15 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
20 ore
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
1 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
2 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
3 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
3 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
© Regiopress, All rights reserved