laRegione
Musica
24.01.21 - 10:54
Aggiornamento: 17:57

Il sempreverde Neil Diamond

Bilanciato tra rock, pop e country, a suo agio tanto con The Band quanto con Barbra Streisand, si è ritirato da qualche anno per combattere il Parkinson.

di Ansa/Red
il-sempreverde-neil-diamond
Neil Diamond, Mr. ‘September Morn’ (Keystone)

I principali titoli che lo identificano sono ‘September Morn’, ‘I’m a Believer’, ´America’ – gradita a Muhammad Ali – ‘Song Sung Blue’ e ‘Sweet Caroline’, tutelata dal National Recording Registry per essere “culturalmente, storicamente ed esteticamente significativa”. L'autore dei suddetti evergreen è Neil Diamond, che ha 80 anni da un giorno. Anche se nelle regioni italofone il suo nome è meno oggetto di venerazione che altrove, nel mondo anglosassone l'artista ha venduto qualcosa come 100 milioni di copie, lasciapassare per la Hall of Fame del Rock’n'Roll, per il Kennedy Center Honor e per la stella sulla Walk of Fame, dal 2012 sul marciapiede dell'Hollywood Boulevard di Los Angeles insieme agli altri grandi dello spettacolo.

Neil Leslie Diamond nasce da una famiglia ebrea di Brooklyn. È lunga la sua gavetta come autore tra Tin Pan Alley e il Brill Building, il leggendario palazzo di Manhattan che ospita gli uffici dove, negli anni '60, furono scritte alcune delle canzoni più famose della musica americana. Decisiva per sua carriera fu ‘I’m a Believer’, hit internazionale dei Monkees che, con il titolo ‘Sono bugiarda’, diventerà presto anche una hit di Caterina Caselli. Grazie a ‘Cherry Cherry’ e ‘Kentucky Woman’, Diamond ha poi trovato una strada solista ai tempi della British Invasion, trovandosi anche a fare da spalla ai concerti degli Who. Nel 1967, la sua ‘Solitary Man’, arrangiata da Ennio Morricone, sarà anche uno dei grandi successi di Gianni Morandi, con il titolo di ‘Se perdo anche te’. Nel 1972, ‘Song Sung Blue’ sarà brano di successo anche in Svizzera. A metà strada tra il rock, il pop e il country, lo stile di Diamond ha incontrato gusti assai trasversali: nel 1978, Robbie Robertson – che sarà anche suo produttore per l'album ‘Beautiful Noise’ – lo invita a cantare in ‘The Last Waltz’, l’addio di The Band portato sullo schermo da Martin Scorsese. E in una carriera di alti e bassi, supportata da un pubblico di fedelissimi in ogni parte del mondo, la sua musica raggiungerà gli anni Duemila, durante i quali spicca il duetto con Barbra Streisand ‘You Don’t Bring Me Flowers’. Meno eclatante il successo come attore (un Razzie Award, l'Oscar al contrario della cinematografia statunitense, per il poco gradimento di ‘The Jazz Singer’, rivalutatosi dal punto di vista della colonna sonora).

ANSA/RED

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
51 min
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
17 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
22 ore
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
22 ore
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
23 ore
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
2 gior
‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi
Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
Cinema
2 gior
Oscar, 11 nomination per ‘Everything Everywhere All at Once’
In testa gli universi alternativi della coppia Kwan-Scheinert. Segue ‘Gli spiriti dell’isola’. Spielberg vede la terza statuetta; John Williams la sesta
© Regiopress, All rights reserved