laRegione
semina-il-vento-nica-come-greta-tra-gli-ulivi-e-l-ilva
In streaming, fino al 28 novembre
Castellinaria
19.11.20 - 17:340
Aggiornamento : 18:04

'Semina il vento': Nica come Greta, tra gli ulivi e l'Ilva

Atto secondo del tarantino Danilo Caputo, nella sezione 'Young'. Una storia 'local', mai tanto attuale e universale.

Il centro del film sono gli ulivi secolari abbattuti in Puglia dal 2013, simbolo identitario della Regione tanto da essere nello stemma ufficiale. Quello che su di essi non ha fatto la Xylella, il batterio che chiude i vasi linfatici della pianta (o “il pidocchio”, come lo chiamano i protagonisti), l’han fatto i pesticidi. E sull’intera questione si rimanda a Report. Ma dagli ulivi, ‘Semina il vento – opera seconda di Danilo Caputo, una coproduzione Francia/Italia/Grecia nella sezione ‘Young’ del Castellinaria 2020 – si estende fino all’Ilva, il più grande polo siderurgico d’Europa che da sessant’anni miete vittime. Un film ‘local’, ma sufficientemente universale. 

'Vivi e lascia vivere'

Palesatosi nella sezione Panorama della Berlinale, l’idea – parole di Caputo nei giorni tedeschi – parte dalla scarsa affluenza alle urne dei tarantini in occasione del referendum sull’Ilva del 2013. “La gente preferisce morire di tumore che di fame” dice Nica, la 21enne protagonista che abbandona gli studi di agronomia e dopo tre anni torna a casa, nel Tarantino, dove – come dice Paola, l’amica ritrovata – “hanno fatto il pidocchio pure le persone”. In scena va così la paradossale (solo all’apparenza, dai tempi di Climate for Change molti giovani sono più sessantottini di tanti sessantottini) contrapposizione tra Nica che si batte per le piante e le tradizioni (in nome, anche, di una nonna rivoluzionaria che non c’è più) e gli adulti traditi e ancor più terra terra, nel senso che quella terra che non produce più frutti se la sono venduta (e il motivo, come si vedrà, non riguarda soltanto i frutti). Mentre Nica, occhi al microscopio, si mette alla ricerca dell’antagonista (l’insetto che si mangi la Xylella), il padre è felice di vedersi rimborsato per gli ulivi da abbattere; la madre, invece, conduce una guerra tutta sua nell’immobilità quotidiana di un letto, in quella che pare depressione per un negozio che non riesce ad aprire ma anche sconcerto per quella figlia che vuole farsi rispettare, rifiutando il genitoriale “Vivi e lascia vivere”. Nica le risponde: “L’hai sentito alla tv?”; Nica che si abbraccia gli alberi e gli animali (una gazza) nemmeno fosse Greta. E un po' lo è.

Yile, futuro radioso

La giovane attrice Yile Yara Vianello è caricata del peso di tutta la storia ed è, nel modo più naturale possibile, Nica in totale assenza di finzione, carica di tutta la buona indignazione dei nostri giovani migliori. Caputo – l’Ilva sta a dieci chilometri da casa sua – la protagonista l’ha scoperta undicenne in ‘Corpo celeste’ di Alice Rohrwacher e il futuro di Yile pare radioso. Le regge la parte altrettanto naturalmente Feliciana Sibilano che, in quanto Paola, ha sulle spalle la voglia di andare via da un paese in cui “c’è gente che è inquinata in testa”. Aperto da un carrello sugli ulivi che sta tra l’horror e il docufilm, forse ‘Semina il vento’ non corre altrettanto veloce come il messaggio – forte impietoso importante – ma lascia dentro il pidocchio, e ci mette alla ricerca del suo (nostro) antagonista.

TOP NEWS Culture
Spettacoli
1 ora
Cinema, Bong Joon-ho nella giuria di Venezia
Il regista di ‘Parasite’ sarà il presidente della giuria internazionale della 78ª Mostra internazionale dell'arte cinematografica di Venezia
Novità
20 ore
(Aspettando) Generi di conforto, e ritrovando Erminio
Ogni venerdì, una rubrica online recupera 'pillole' dell'Erminio Ferrari appassionato di musica. Accompagnerà, 24 ore prima, il podcast
Culture
21 ore
Rsi, il progetto Lyra va avanti. Con le linee editoriali
Prosegue la revisione dell'offerta audio su cui comunque deciderà il nuovo direttore. Sparisce il rapporto 90/10 tra musica e parlato di Rete Due
Diretta
Spettacoli
22 ore
"Semplici parole", in streaming dal Teatro Sociale
Un teatro vuoto verrà riempito con 250 parole, emerse da commenti sui social ai post di Nucleo Meccanico. Flavio Stroppini ne leggerà per ore il significato
Musica
1 gior
Swiss Music Awards, premio alla carriera ai Patent Ochsner
Il riconoscimento alla band dialettale bernese per 'un lavoro caratterizzato da grande diversità, pur mantenendo sonorità inconfondibili '
Culture
1 gior
Gran Premio svizzero di letteratura 2021 a Frédéric Pajak
L'autore dirige la collana 'Cahiers dessinés^. La Biblioteca Braille e del libro parlato di Tenero ottiene il riconoscimento speciale di mediazione
Rsi
2 gior
ReteDue: alla vigilia della 'plenaria' 39 firme e un 'Grazie'
L'85% del corpo giornalistico, 3/4 del personale complessivo, esprimono la propria preoccupazione all'azienda e ringraziano per la mobilitazione pubblica
Televisione
2 gior
Sospette molestie alla Rts: hanno testimoniato in 220
Il mese prossimo sono attesti i primi risultati delle indagini ed eventuali decisioni. 'No fretta, si lavora in modo rigoroso', comunica l'azienda.
Scienze
2 gior
Coronavirus: sviluppati nanoanticorpi che bloccano il virus
I nanoanticorpi bloccano l'ingresso del virus nelle cellule anche in caso di mutazione. Testati per ora su lama e alpaca, a breve sperimentazione sull'uomo
Culture
2 gior
Un Comitato per le Scuole delle arti sceniche ticinesi
Mirko D'Urso è l'ideatore del Comitato Sat, rappresentativo al momento di una quarantina di realtà. Una lettera aperta al Consiglio di Stato.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile