laRegione
villi-hermann-incontro-online-alle-giornate-di-soletta
Rencontre con Villi Hermann (©Sabine Cattaneo)
12.11.20 - 11:00
Aggiornamento: 19:18

Villi Hermann, incontro (online) alle Giornate di Soletta

Omaggio al cineasta ticinese alla 56ª edizione del festival del cinema svizzero. Che, tutto online, introduce un nuovo premio: Opera prima

Edizione tutta online, per la 56ª edizione delle Giornate di Soletta: il festival del cinema svizzero, in streaming dal 20 al 27 gennaio, manterrà le principali sezioni e anzi introduce un nuovo premio: "Opera prima", destinato alle prime realizzazioni nelle varie sezioni, voluto per sostenere il giovane cinema svizzero. Altra novità di questa edizione, la sezione "A l’atelier" dedicata alla creazione cinematografica, con incontri e discussioni organizzati in collaborazione con partner nuovi e vecchi, sia svizzeri sia internazionali.

Un'edizione online, sperando nelle sale

"Negli ultimi mesi abbiamo preparato la 56ª edizione sotto forma di edizione ibrida, in presenza e online. Con l'evolversi della pandemia e le misure di protezione decise dalla Confederazione e dal Cantone di Soletta, il programma online da 'gamba libera' è diventata 'gamba d'appoggio'" ha spiegato la direttrice Anita Hugi. Se a gennaio la situazione lo permetterà, vi saranno delle proiezioni in sala, anche se alcune delle strutture tradizionalmente allestite non saranno in ogni caso aperte.

Tutti i film saranno disponibili sulla piattaforma a pagamento delle Giornate di Soletta, inclusi i programmi speciali come 'Rencontre' e 'Focus'. Confermati anche i premi: dal Prix de Soleure a quello Du Public. Saranno inoltre mantenute le discussioni dopo le proiezioni così come gli incontri collaterali. "La presenza online offrirà forse l'opportunità di rivolgersi a un pubblico che non conosce ancora le Giornate di Soletta o il cinema svizzero", spera Anita Hugi.

Un omaggio a Villi Hermann

Il programma speciale "Rencontre" sarà dedicato a Villi Hermann. Per più di mezzo secolo, il produttore e regista ticinese è il marchio di fabbrica del cinema svizzero.

Le Giornate di Soletta presenteranno la prima retrospettiva in Svizzera del suo lavoro, inclusi i suoi primi film che sono stati digitalizzato. "Il nostro cinema deve parlare di noi: Villi Hermann ha sempre seguito questa linea guida" ha dichiarato Anita Hugi. "Come regista, ritiene che il suo compito sia proporre un intervento poetico e un dialogo con l'arte; come produttore, quello di cercare nuovi talenti e prenderli sotto la sua ala. Non posso immaginare un ‘Rencontre’ migliore di rendere accessibile il multiforme lavoro di Villi Hermann".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema svizzero giornate di soletta villi hermann
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
8 ore
‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta
Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
10 ore
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
13 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
20 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
20 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
1 gior
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
1 gior
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
1 gior
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
1 gior
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
1 gior
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
© Regiopress, All rights reserved