laRegione
09.11.20 - 21:47

Si ferma anche l’Orchestra della Svizzera italiana

Niente concerti in streaming e registrazioni per l’Osi. Intanto si attende ancora il chiarimento su come applicare le restrizioni annunciate domenica

di Ivo Silvestro
si-ferma-anche-l-orchestra-della-svizzera-italiana
L’Orchestra della Svizzera itlaiana quando ancora si poteva (foto OSI)

Da ieri sono vietate le “manifestazioni, pubbliche e private, con più di 5 partecipanti”: che cosa di preciso sia manifestazione e cosa no, non è chiaro, visto che il documento di delucidazioni, annunciato dal Consiglio di Stato dopo l’entrata in vigore delle restrizioni, non è ancora arrivato; circostanza che ingenuamente potrebbe far pensare a un certo dilettantismo da parte delle autorità, ma sono dettagli. È in ogni caso certo, come anticipato dalla Regione e confermato in giornata ai vari operatori culturali, che cinema e teatri rientrano nelle nuove restrizioni. Nel pomeriggio sono arrivati gli annullamenti, dal Lac dove rimane aperto solo il museo al Sociale di Bellinzona.

Caso diverso quello dell’Orchestra della Svizzera italiana che già nelle scorse settimane, con il limite di 50 partecipanti, aveva deciso di tenere i concerti della stagione a porte chiuse, trasmettendoli in diretta streaming e radiofonica. Da una prima risposta della hotline cantonale, l’Osi avrebbe potuto continuare a tenere i concerti in streaming, ovviamente seguendo il piano di protezione allestito nei mesi scorsi. «Tuttavia» ci spiega Samuel Flury, vicedirettore della Fondazione per l’Osi e “responsabile Covid” dell’orchestra «anche se legalmente non ci tocca, la decisione di domenica ci ha fatto capire che la situazione è drammatica: è l’ultimo passo prima del lockdown che avrebbe conseguenze disastrose per tutti noi». Di conseguenza, «la direzione ha deciso di sospendere ogni attività dell’Orchestra della Svizzera italiana fino a fine novembre: in questo difficile periodo siamo anche noi chiamati a dare il nostro contributo alla tenuta del sistema sanitario». Nonostante il fermo di concerti e registrazioni, ha concluso Flury, «cercheremo di fare qualcosa per essere presenti e vicini alla popolazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
storia
28 min
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
2 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
19 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
2 gior
‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi
Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
© Regiopress, All rights reserved