laRegione
i-70-di-bill-murray-da-polpette-a-ghostbusters-legacy
A Berlino, nel 2018 (Keystone)
Cinema
20.09.20 - 20:420
Aggiornamento : 21:14

I 70 di Bill Murray, da 'Polpette' a 'Ghostbusters: Legacy'

Stralunato, vincente, tra fantasmi e cartoon. I settantanni di un talento un po' autodistruttivo, ma ancora di culto, e capace di mille sorprese.

William James Murray, detto Bill, compie 70 anni il 21 settembre. Nato a Evanston nell'Illinois, quinto di nove figli di un commerciante di legname irlandese, rimasto orfano a 17 anni, studente indisciplinato e cacciato dall'università di Denver per uso di marijuana, Bill Murray arriva fare l'attore quasi per disperazione. Gli piace cantare nella band della scuola, di giorno lavora in pizzeria o come caddie, la sera (per arrotondare) si esibisce in spettacoli d'improvvisazione e arte varia. La sua fortuna cambia quando incrocia John Belushi che lo trascina nella folle avventura del 'National Lampoon Radio Hour' di New York City dove suo fratello Brian gli fa ottenere un salario come attore e autore di sketch. È il 1974 e tre anni dopo Murray segue Belushi alla NBC dove decolla lo show 'Saturday Night Live'. Dovrebbe rimpiazzare, tra molte perplessità, Chevy Chase che ha scelto la carriera da comico solista, ma il giovane Bill si fa apprezzare per l'umorismo astratto e un fare stralunato che lo rendono presto unico. Intanto ha annusato l'aria dei set cinematografici con un'apparizione in 'Stop a Greenwich Village' di Paul Mazursky. Ma è nel '79 che Ivan Reitman gli offre la grande occasione con 'Polpette' in cui fa il capo-scout Tripper, ideatore di micidiali scherzi ai danni delle squadre avversarie.

Dopo Belushi

Lo slovacco naturalizzato canadese Reitman era reduce da un successo travolgente come 'Animal House' prodotto per gli amici Belushi e Aykroyd; l'allampanato Reitman prometteva di essere l'anatroccolo destinato a fare il cigno. Accadrà cinque anni dopo quando i due si ritroveranno per 'Ghostbusters', prodotto da Reitman per Aykroyd, in cui Bill Murray rimpiazza John Belushi morto poco prima. Sono gli strani incroci del destino che legano un gruppo di amici scapestrati e ribelli a ogni schema sulla scenda newyorchese degli anni '70. Hollywood li adotta senza mai veramente accettarli e così per Murray, spesso cercato ma di rado valorizzato in una lunga serie di apparizioni secondarie che vanno da 'Tootsie' a 'La piccola bottega degli orrori'. Con quella sua faccia da bambino troppo cresciuto, l'aria eternamente svagata, il cappelluccio a celare un principio di calvizie, l'andatura dinoccolata dei suoi 187 centimetri, il dottor Venkman (alias Murray) degli 'Acchiappafantasmi' cerca allora fortuna in proprio dirigendosi in 'Scappiamo col malloppo' grazie all'aiuto dell'amico Howard Franklin. Ma il film è un flop e si capisce che per far brillare l'attore ci vuole il regista giusto.

Di culto

Caratteriale e insicuro come capita spesso ai grandi comici, Bill ha cercato di disintossicarsi dal cinema standone spesso lontano e ritrovandosi sui piccoli palcoscenici dell'off Broadway. Ma nel 1993 è un altro amico a lucidarne il talento: con 'Ricomincio da capo' di Harold Ramis, il pubblico si accorge di lui e il film diventa un oggetto di culto. Come del resto succederà dieci anni dopo con 'Lost in translation' di Sophia Coppola. Nel frattempo però l'attore è diventato l'alter ego del talento emergente degli anni '90: in ogni film di Wes Anderson, Bill Murray sarà protagonista e quando il regista sceglierà la forma del cartoon, in 'L'isola dei cani' darà la sua voce al protagonista. Purtroppo, alla consacrazione artistica che lo porta a essere uno dei più ricercati attori del nuovo millennio, non corrisponde la serenità personale: nella vita privata, secondo e terzo matrimonio finiscono male, anche con accuse di violenze private; nelle apparizioni pubbliche, gli eccessi sono spesso spettacolari, come quando appare al Letterman Show uscendo da una gigantesca torta prendendo di mira il conduttore. La salute è minata dall'alcool e dalle droghe e una volta di più sono gli amici a prestare soccorso: Frances McDormand lo introduce nel clan dei Cohen (e lui, riconoscente, arriverà in bus a Roma per festeggiare l'amica alla Festa del Cinema); Wes Anderson lo chiama per l'ancora inedito ,'The French Dispatch', Sophia Coppola per 'On the Rocks', Jason Reitman (figlio di Ivan) per la rimpatriata di 'Ghostbusters: Legacy', atteso per il prossimo anno. Insomma, se non fosse per quel maledetto carattere, talvolta troppo sensibile e divorato dall'ansia, il compleanno di Bill Murray sarebbe un'occasione felice. Certo lo è per i suoi ammiratori che sanno di poter contare su un talento ancora capace di mille sorprese.

TOP NEWS Culture
Spettacoli
3 ore
Il mio nome è Greta Thunberg
In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
6 ore
'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)
★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Società
22 ore
Coronavirus, accordo Oms-Wikipedia per informazioni affidabili
Un passo nella lotta alla disinformazione: un accesso equo a informazioni sanitarie affidabili è fondamentale per mantenere le persone al sicuro
Culture
23 ore
Microcosmi. Di ruderi, natura e ponti
Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone: dagli ‘scarti di territorio’ alla natura riletta dall’artista Al Fadhil
Spettacoli
23 ore
Frankenstein, una storia d’amore al Sociale
Applausi per il nuovo spettacolo di Margherita Saltamacchia dedicato a Mary Shelley e alla sua creatura
Spettacoli
1 gior
Addio a Marge Champion, 'muoveva' Biancaneve e Fata Turchina
Dietro ai movimenti dei classici Disney c'era lei, attrice, ballerina e coreografa scomparsa all'età di 101 anni a Los Angeles
Società
1 gior
Il vescovo sulle parole del Papa: 'Occhio al contesto'
Francesco 'benedice' le unioni civili tra persone omosessuali. Il mondo LGBT esulta. Mons. Lazzeri: 'Bergoglio è nella tradizione'
Spettacoli
1 gior
Il 7 novembre arriva il ‘Netflix del servizio pubblico’
Play Suisse, la piattaforma di streaming della Ssr, sarà lanciata con un evento durante li Geneva International Film Festival
Società
1 gior
Addio a James Randi, il bugiardo onesto
Grande prestigiatore, erede di Houdini, Randi ha dedicato parte della sua vita a smascherare imbroglioni e truffatori
Spettacoli
2 gior
Keith Jarrett: 'Ho avuto due ictus, ora suono solo nei sogni'
Il pianista si confessa al New York Times. Potremmo non rivederlo mai più in concerto. 'Non sparate sul pianista per me non vale più. Sono già stato sparato'.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile