laRegione
e-morta-franca-valeri-sora-cecioni-e-signorina-snob
(Wikipedia)
Spettacoli
09.08.20 - 11:060
Aggiornamento : 18:10

È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob

Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana

È morta stamattina alle 7.40, nella sua casa di Roma, Franca Valeri. L'attrice, nata a Milano il 31 luglio 1920, aveva compiuto 100 anni il 31 luglio. Da anni era affetta dal Morbo di Parkinson.

Maurizio Porro, critico cinematografico del Corriere della Sera, la ricorda così:

"Se n’è andata con la consueta signorilità un’amica di tutti, un’attrice intelligente che aveva saputo fare della sua ironia e della sua capacità di osservazione l’arma vincente di una comicità al femminile: le sue donne, invadenti e malinconiche, raffinate e plebee, illuse e deluse, rimangono agli atti di una società. Alma Franca Maria Norsa, all’anagrafe milanese, non era solo l’autrice della Signorina snob popolarissima alla radio di quel periodo post bellico: Valeri (nome prestato da Paul Valery) raggiunse il grosso pubblico della sora Cecioni con le mitiche apparizioni tv a Studio Uno, proponendo anche lo stile intelligente di un humour critico come nel Teatro dei Gobbi da lei inventato. È stata uno straordinario talento comico, in una società che per ridere aveva sempre scelto gli uomini".

La Repubblica ricorda invece una sua dichiarazione:

"La morte non ci deve impressionare. È una componente della vita, e se ne può sorridere, a costo di accentuarne le conseguenze, le paranoie e i riti. E poi io ho avuto sempre la fortuna d’avere il teatro che mi parlava in tasca, e quando ho perso per strada gli affetti, ho potuto far affidamento su nuovi giovani amici, e sui miei amati animali".

Nata da una famiglia ebraica perseguitata ai tempi delle leggi razziali fasciste, Valeri esordisce a teatro già prima della Seconda guerra mondiale, iniziando ad abbozzare le caricature che la renderanno celebre. Nel 1949 la ribalta del Teatro dei Gobbi, con Alberto Bonucci, Luciano Salce e Vittorio Caprioli. Il teatro si trasferisce da Roma a Parigi, inaugurando una formula innovativa che non prevede costumi e gioca molto sulle sensazioni del momento. Proprio a Parigi Valeri conosce Colette Rosselli – compagna di Indro Montanelli e 'gran dama' della stampa di costume – con la quale realizza il libro 'Diario della signorina snob' (1951): un anno nella vita della signorina in forma di diario, illustrato dalla stessa Colette.

Negli anni Sessanta è il momento del cinema, con Federico Fellini (memorabile il personaggio della coreografa ungherese in Luci del varietà) e poi Alberto Sordi e Totò, oltre che in alcune pellicole del marito Vittorio Caprioli. Ma è soprattutto la televisione a renderla celebre in trasmissioni come Studio Uno (1966) e Sabato sera (1967), condotti da Mina. Memorabile, oltre alla signorina snob, il personaggio della romanesca sora Cecioni.

Negli anni Settanta segue l'onda degli storici sceneggiati Rai, tratteggiando tra l'altro la brillante figura della madre borghese di una figlia hippy in 'Sì vendetta...' Un altro modo per giocare con vizi e stereotipi della società di quei tempi.

La sua attività proseguirà sporadicamente fino ai primi anni Duemila.

È invece del 2010 l'autobiografia 'Bugiarda no, reticente' pubblicata da Einaudi, dalla quale ricordiamo una frase che rivela alla perfezione il suo atteggiamento verso la vita, e suona quasi come un bilancio:

Ho parlato abbastanza, considerando che parlo da sola

 

 

 

TOP NEWS Culture
Spettacoli
5 ore
La chanson française piange Juliette Gréco
L'icona transalpina si è spenta oggi all'età di 93 anni. Era nata il 7 febbraio 1927 a Montpellier
Musica
5 ore
Cifre da capogiro per Georges Brassens all'asta
Ventidue manoscritti originali del gigante della canzone francese battuti da Arturial a cinque volte la cifra stimata
Culture
6 ore
Chiasso: a proposito di confine, un convegno
'Il confine italo-svizzero in epoca globale. Spunti per una riflessione sul futuro delle aree di confine', venerdì 25 settembre dalle 15.30 alle 18 allo Spazio Officina.
Scienze
10 ore
Iss costretta a una manovra per evitare i rifiuti spaziali
Il rottame di un razzo giapponese del 2018, andato in pezzi l'anno scorso, sfiora la Stazione Spaziale Internazionale
Musica
11 ore
Vent'anni di The Vad Vuc due volte al Sociale
Ancora pochi biglietti per venerdì 25 e sabato 26 settembre, live che riassume 'un pezzo di strada vadvucchiana'. E ci saranno davvero tutti...
Arte
1 gior
Immersi nella Vienna di Gustav Klimt
Apre al Palacinema di Locarno Klimt Experience, mostra multimediale e immersiva dedicata all'artista viennese. Ma con qualche limite
Scienze
1 gior
Un nuovo fascio di luce potrebbe uccidere il Sars-Cov-2
A individuarlo è stato uno studio dei ricercatori dell'Università di Hiroshima sull'uso della luce ultravioletta C (Uvc)
Arte
1 gior
Oscar Andrea Braendli, singolarità di un artista
Alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, il 24 settembre, una selezione di acquerelli dell'artista di origini elvetiche vissuto tra Milano, Zurigo e il Luganese
Cinema
1 gior
'Nomadland', dopo Venezia anche Toronto
La pllicola di Chloé Zhao, con Frances McDormand nel ruolo della nomade Fern, conquista la 45esima edizione del Festival canadese
Libri
1 gior
'Scritture di lago', Fazioli e Bernasconi finalisti
Il concorso letterario premierà i suoi vincitori sabato 28 novembre nella Sala Bianca del Teatro Sociale di Como
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile