laRegione
quella-volta-che-lars-e-sigrit-andarono-all-eurovision
L'uomo vulcano (YouTube, Netflix)
Netflix
11.07.20 - 18:000

Quella volta che Lars e Sigrit andarono all'Eurovision

Un 'islandese' Will Ferrell ne ha per tutti, americani inclusi, in una deliziosa parodia-tributo al concorso canoro europeo più kitsch di sempre.

È la notte del 6 aprile 1974 a Húsavík, estremo nord dell’Islanda. Per la noia di papà Erick Erickssong (la ‘g’ finale non è casuale, di canzoni si parla) la tv islandese trasmette la finale dell’Eurovision Song Contest. È l’anno di Gigliola Cinquetti con la pruriginosa ‘Sì’ (ultima), canzone che meriterebbe articolo a sé (quell’anno la Rai non mandò in onda il concorso temendo che il titolo potesse influenzare il referendum abrogativo sull’aborto previsto a maggio). È anche il 1974 di Olivia Newton John non ancora Sandy che in gara per il Regno Unito augura lunga vita all’amore (‘Long live love’, quarta). È l’anno in cui, dalla fredda Finlandia, Carita al pianoforte bianco vince con la Bond-song ‘Keep me warm’ (Tienimi caldo). Ma è soprattutto l’anno di ‘Waterloo’, una sorta di visione armonico-ritmico-celestiale per il piccolo Lars (Will Ferrell) figlio di Erick e orfano di madre, e per l’inseparabile e già stralunata piccola amica Sigrit Ericksdottir (Rachel McAdams), forse parente, forse sorella (Erick’s dottir, essendo ‘dóttir’ in islandese ‘figlia’).

Discendenze a parte: gli Abba sono il motivo per il quale, ormai adulti e sotto il nome di Fire Saga, Lars e Sigrit sognano ancora di vincere l’Eurovision Song Contest. Per le selezioni islandesi hanno composto ‘Double Trouble’, alla quale la popolazione locale, nelle esibizioni dal vivo, preferisce invece la più territoriale ‘Jaja Ding Dong’, ritmica come il ballo del qua qua, criptica come 'Gelato al cioccolato'. Ma i due sognatori, ingenui quanto basta, non mollano nemmeno se l’Islanda ha già la sua stella, Katiana (Demi Lovato), che si dice possa addirittura vincere la finale che si terrà in Scozia. E il governatore della banca centrale d’Islanda (Mikael Persbrandt, ‘In a better world’, ‘The Hobbit’) è preoccupato non poco, visto che a Eurosong chi vince, poi, organizza la successiva, costosissima, edizione. Per motivi qui non anticipabili, ma che costituiscono parte del nocciolo comico del film, i Fire Saga rappresenteranno l’Islanda in Scozia.

Da Sobral a Conchita

Nel 2020 del concorso fermato dal virus, ‘Eurovision Song Contest: la storia dei Fire Saga’, su Netflix, appartiene alla categoria ‘Film che non cambieranno il mondo’, sottocategoria ‘Ma vederli male non fa. Anzi’. Quanto a satira, sarà meno profonda di ‘Candidato a sorpresa’ (la coppia Ferrell-Galifianakis calata nelle dinamiche elettorali americane, messe alla berlina), ma si ride già solo guardando a Ferrell in 'Volcano Man', ma anche pensandolo introdotto, nella vita reale, dalla moglie svedese al fantasmagorico concorso e illuminato anch’egli come Lars sulla via di Eurosong dalla musica della terra degli Abba (nel 1999, per lui fu Charlotte con ‘Take me to heaven’); Ferrell che un giorno, dopo molteplici peregrinaggi alle finali europee, s’immagina di dare vita alla miglior parodia dell’Eurovision Song Contest con tutti i suoi artistici e perfettamente riprodotti eccessi (anche musicali) per quella che è anche la sua celebrazione, accompagnata dai loghi ufficiali della manifestazione, dunque con il placet della Ebu (European Broadcasting Union) che dietro il festival sta. E sono tanti gli ospiti che nei titoli di coda sono ‘Se stesso’: da Graham Norton, storico commentatore dell’Eurovision per la BBC, ai vincitori, dal portoghese Salvador Sobral (2017) all’israeliana Netta (2018), dalla svedese Loreen (2012) fino all’austriaca Conchita Wurst (2014, sempre con barba). E molti altri, ospiti di un happening di Vip o musicisti di strada (Sobral).

E il leone dell'amore

L’Islanda, per cotanta (auto)ironia, è pienamente risarcita dalle musiche di Atli Örvarsson, le cui colonne sonore accompagnano i grandi prodotti della tv (‘Law & Order’, ‘Chicago Fire’) e del cinema (la saga de ‘I pirati dei caraibi’, ‘Stuart Little’, ‘Angeli e Demoni’, ‘The Code’). Il film, che ironizza su questa a volte (spesso, quasi sempre) eccentrica ma impeccabile macchina da spettacolo europea nata per fare concorrenza al Festival di Sanremo, non risparmia nemmeno gli americani, rappresentati in gita, e i russi, rappresentati dalla star (di fantasia) Alexander Lemtov (Dan Stevens, ‘Downtown Abbey’) costretto a camuffare l’orgoglio gay con voce a metà tra l'armata russa e Tom Jones, in un machismo putiniano che esplode sul palco in ‘Lion of love’, il leone dell’amore (“Dalla savana ti solleverò fino al cielo. E quando ruggirò, capirai che finito avrò”). Ci sarebbero pure i 21 Century Vickings, la ruota del criceto, una famiglia di provvidenziali elfi e la (splendida) canzone che non t'aspetti, vedi sotto. Ma niente spoiler, siamo islandesi.

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Culture
Culture
8 ore
Scopriamo #Locarno2020 con Lili Hinstin
La direttrice artistica ci racconta questa insolita edizione, senza piazza e concorso ma con lo spirito del festival
Società
16 ore
Smile: sui social tutti con la mascherina
Nuova campagna di sensibilizzazione lanciata dall'Organizzazione mondiale della sanità.
Spettacoli
18 ore
Via alla quinta stagione della Casa di carta: sarà l'ultima?
Netflix annuncia con un tweet le riprese della serie televisiva spagnolo che ha avuto un successo straordinario.
Società
19 ore
Vuoi comprare un'isola? Servono 'solo' 10 milioni
Gallinara, oggi riserva naturale al largo fra le cittadine di Alassio e Albenga, nel Mar ligure, venduta a un magnate ucraino.
Culture
1 gior
Endorfine Festival a settembre: si comincia con Burioni
Il virologo italiano aprirà la 2ª edizione, ridisegnata nel programma e negli spazi. Spicca anche l'incontro tra Adriana Faranda (ex Br) e la figlia di Aldo Moro.
Società
2 gior
Fenomeno influencer a 80 anni indossando... abiti smarriti
Una coppia di Taiwan, titolare di una lavanderia, spopola nel web raggiungendo i 600mila follower.
Spettacoli
3 gior
Cinema, Venezia in cerca di un'identità possibile
Mancano i divi e le dive internazionali e Venezia con una trentina di film italiani riempie i tappeti rossi di protagonisti locali. A qualcuno basterà.
Musica
3 gior
'Bon Bones meets Twobones': è jazz nippo-ticinese
Sabato 8 agosto a Losone, sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo, l'oriente si fonde con la Svizzera in uno scambio musicale tra estremi del globo.
Arte
3 gior
Siamo tutti curatori: la Kunsthalle di Zurigo riapre. A tutti
Una mostra senza opere d’arte, ma con idee per altre possibili mostre, un’esposizione dentro l’esposizione ci spiega la curatrice Seline Fülscher
L'intervista
3 gior
La cura Cristicchi
Durante il lockdown ha scritto due poesie e un album intero. A colloquio con il cantautore, domenica 2 agosto al LongLake Festival Lugano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile