laRegione
Spettacoli
21.02.19 - 11:360
Aggiornamento : 11:55

Si è spento il regista Claude Goretta

È morto ieri pomeriggio a Ginevra all'età di novant'anni il cineasta svizzero: fu uno dei personaggi di spicco della cinematografia elvetica degli anni Settanta

Il cineasta svizzero Claude Goretta è morto ieri pomeriggio a Ginevra. Aveva novant'anni. Lo ha annunciato oggi la sua famiglia all'agenzia Keystone-Ats.

Vicino ad Alain Tanner e Michel Soutter, aveva diretto film come 'L'invito', Premio della giuria al Festival di Cannes nel 1973, e 'La Merlettaia', con Isabelle Huppert, presentato in concorso a Cannes nel 1977. Al suo attivo si contano una quarantina di film. Si ricordano pure 'Il difetto di essere moglie' (1974), 'La Provinciale' (1980), e 'La morte di Mario Ricci' (che valse a Gian Maria Volonté il premio per l’interpretazione al Festival di Cannes nel 1983). 

Originario di Verbania, dopo essersi laureato in legge ha fatto il giornalista, il documentarista e il cronista televisivo. Ha in seguito fondato il “gruppo dei 5”, nucleo iniziale del nuovo cinema elvetico, di cui è uno dei principali rappresentanti insieme a Tanner e Soutter. 

Claude "si è addormentato serenamente a casa sua, circondato dalla sua famiglia", ha indicato quest'ultima. Era nato il 23 giugno nel 1929 a Ginevra. 

Dopo aver lavorato presso gli archivi del British Film Institute a Londra, assieme all'amico Tanner, inizia la carriera come regista per la televisione. Dal 1958 realizza per la Télévision suisse romande (Tsr) documentari e reportage per la trasmissione 'Continents sans visa' e cortometraggi con un altro cineasta ginevrino, Michel Soutter. 


 
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
claude
ginevra
film
cannes
soutter
cineasta
claude goretta
regista
goretta
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile