laRegione
Langnau
4
Losanna
2
fine
(2-0 : 1-1 : 1-1)
Ginevra
2
Berna
2
overtime
(0-1 : 0-0 : 2-1 : 0-0)
Zurigo
1
Lakers
4
fine
(0-2 : 0-0 : 1-2)
Davos
1
Friborgo
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
Langnau
LNA
4 - 2
fine
2-0
1-1
1-1
Losanna
2-0
1-1
1-1
1-0 DIDOMENICO
1'
 
 
2-0 DOSTOINOV
12'
 
 
 
 
26'
2-1 EMMERTON
3-1 DIEM
37'
 
 
 
 
56'
3-2 BERTSCHY
4-2 PESONEN
59'
 
 
1' 1-0 DIDOMENICO
12' 2-0 DOSTOINOV
EMMERTON 2-1 26'
37' 3-1 DIEM
BERTSCHY 3-2 56'
59' 4-2 PESONEN
SCL TIGERS ties series 3-3.
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 22:39
Ginevra
LNA
2 - 2
overtime
0-1
0-0
2-1
0-0
Berna
0-1
0-0
2-1
0-0
 
 
6'
0-1 ALMQUIST
 
 
48'
0-2 HEIM
1-2 WINGELS
59'
 
 
2-2 WINNIK
60'
 
 
ALMQUIST 0-1 6'
HEIM 0-2 48'
59' 1-2 WINGELS
60' 2-2 WINNIK
SC BERN leads series 3-2.
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 22:39
Zurigo
LNA
1 - 4
fine
0-2
0-0
1-2
Lakers
0-2
0-0
1-2
 
 
6'
0-1 NESS
 
 
17'
0-2 CLARK
 
 
45'
0-3 PROFICO
 
 
47'
0-4 KRISTO
1-4 PRASSL
51'
 
 
NESS 0-1 6'
CLARK 0-2 17'
PROFICO 0-3 45'
KRISTO 0-4 47'
51' 1-4 PRASSL
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 22:39
Davos
LNA
1 - 2
fine
0-0
0-1
1-1
Friborgo
0-0
0-1
1-1
 
 
37'
0-1 MICFLIKIER
1-1 RODIN
52'
 
 
 
 
60'
1-2 MARCHON
MICFLIKIER 0-1 37'
52' 1-1 RODIN
MARCHON 1-2 60'
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 22:39
'Doveva essere un monologo...', ma la scena sarà affollata
Spettacoli
12.12.18 - 11:170

'Ho perso il filo'

Angela Finocchiaro terrà lo spettacolo domani e venerdì al Teatro di Locarno, sabato sera al centro Culturale di Chiasso

Linguaggi e modi diversi in uno spettacolo, una danza, una festa che raccontano le peripezie di un’eroina anticonvenzionale e ironica. Una ‘quête’ che la porterà alla rinascita...

«Ciao! Sono l’Angela». È iniziata così la veloce, squillante (il tono della Finocchiaro) telefonata con l’attrice italiana, intrattenuta in occasione del suo arrivo in Ticino… sarà al Teatro di Locarno e al Centro Culturale di Chiasso con il monologo – «doveva essere un monologo» – “Ho perso il filo”. Lo spettacolo abiterà la scena del Teatro locarnese, giovedì 13 e venerdì 14 dicembre (alle 20.30) e la sala del Centro Culturale di Chiasso sabato 15 (alle 20.30). Sui due palchi saliranno lei, Angela Finocchiaro in “Angela”, insieme alle “Creature del Labirinto”: Giacomo Buffoni, Fabio Labianca, Alessandro La Rosa, Antonio Lollo, Filippo Pieroni e Alessio Spirito, che portano sulla scena le coreografie originali di Hervé Koubi (giovane e promettente coreografo e danzatore francese). “Ho perso il filo” è una produzione Agidi, diretta dalla regista Cristina Pezzoli; autore della drammaturgia è Walter Fontana, in collaborazione con l’attrice meneghina e la regista.

Un epico viaggio

Ma stiamo perdendo il filo… ah no, eccolo: da quello fisico della cornetta a quello del discorso. “L’Angela”, in sintesi, vestirà l’armatura di un’eroina fuori dagli schemi, ironica e pasticciona che verrà confrontata con ansie, paure, ipocrisia, con situazioni quotidiane che riguardano lei e tutti noi: perdendosi, toccando il fondo e ritrovando (il filo di) sé stessa, rinascendo, secondo un’epica ben consolidata nella tradizione. E potremmo anche fermarci qui.

Potremmo, ma la chiacchierata è stata così stuzzicante che non possiamo non condividerla. In questo spettacolo «molto giocoso, ci sono delle cose nuove in cui mi cimento». Angela si presenta al pubblico bardata con un’armatura da combattente e dichiara di voler interpretare l’eroe classico Teseo, ma – senza svelare troppo del contenuto della commedia divertente – il suo cammino non sarà quello che s’aspetta.

Consegnato un gomitolo a uno degli spettatori in prima fila, iniziano le sue peripezie che la porteranno a muoversi in un labirinto (proprio come nel mito classico) popolato da spiritelli danzanti che la privano dell’armatura ponendola in una condizione di nudità, non fisica, intendiamoci, ma metaforica. Quello del mito di Teseo, come ci ha raccontato, «è solo uno spunto iniziale per dare il la a un gioco.

Il personaggio Angela parte con l’idea di voler interpretare un ruolo diverso, poiché i suoi figli le dicono che fa sempre la stessa cosa». Decide quindi di vestire i panni dell’eroe e spiega le ragioni al pubblico. Al momento di entrare in scena, però, «le carte in tavola cambiano». Della narrazione del mitico eroe dell’Attica, Angela ci svela che le interessava l’elemento del labirinto (l’idea che potesse essere trasposto nello spettacolo) che ha un’anima: un muro parlante con cui la nostra “antieroina” si confronta nel suo viaggio epico.

Partendo da una «situazione di vita preordinata, dove tutto è fissato e c’è poco spazio per la novità», Angela “perde il filo” ed entra nel labirinto, un mondo magico «inaspettato». Alla protagonista, alter ego femminile di Teseo, si cercherà di dimostrare che «non ha assolutamente la stoffa per fare l’eroe» e verrà confrontata quindi con quadri contemporanei molto spiritosi e vicini alla vita di ognuno di noi. Le creature molto primitive [non parlano, ma danzano; ndr] che l’accompagnano sulla scena «le fanno fare qualsiasi cosa, la provocano, le fanno dispetti», fino a spingerla al confronto con il Minotauro.

In questa sorta di “quête”, i due autori e la regista hanno deciso di affrontare «tematiche e problematiche che ci stanno a cuore, la solidarietà, l’egoismo, la religione, la vita di coppia, i figli» (tanto per citarne alcuni), partendo da spunti personali, che non sono altro che pretesti per affrontare la quotidianità di ognuno di noi.

Della drammaturgia, la perdita del filo è elemento cruciale: è grazie a questa che Angela «ritroverà una possibilità nuova. La perdita ha qui valore positivo», un potenziale di rinascita.

Secondo la cifra di Fontana, i temi della quotidianità sono presentati con umorismo «ed è anche quello che a me interessa come linguaggio teatrale». In “Ho perso il filo”, i linguaggi che si mescolano sono diversi: c’è una parte di non parlato; quella di Angela e il muro parlante, «con cui il mio personaggio si confronta; un elemento molto particolare che in sé è l’anima del labirinto». Il potenziale di questa miscela di linguaggi, oltre l’originalità, è il divertimento che si fa anche riflessione.

«A modo mio: il mito non finirà come quello di Teseo», chiosa l’attrice italiana.

Per informazioni ulteriori sullo spettacolo e ragguagli sulla prenotazione dei biglietti visitare i siti www.teatrodilocarno.ch e www.centroculturalechiasso.ch.

Tags
angela
filo
spettacolo
labirinto
scena
perso filo
teseo
centro culturale
teatro
armatura
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved