laRegione
Keystone
Sanremo
09.02.18 - 02:270
Aggiornamento 07:07

James Taylor con Giorgia, Gino Paoli per Bindi

Il Festival, parte terza. Il songwriter ha aperto con 'La donna è mobile', poi il duetto. Nel pomeriggio, Premio Jannacci per Mirkoeilcane

Sanremo parte terza: il Festival dei record inizia dalla fine. ‘Via’ è uno degli atti conclusivi dei concerti di Claudio Baglioni. Passano le puntate e la forza del repertorio baglioniano regge la forza d’urto del tempo. Favino – dimostrate inaspettate doti canore nelle puntate precedenti – ruba frasi alle sue canzoni, alludendo a ‘Non mi avete fatto niente’, riammessa in gara ieri mattina per essere “nuova per almeno due terzi“. Alla fine della serata, starà nel limbo insieme a Lo Stato Sociale, nei confronti del quale certa parte di stampa (illustre, anche illustrissima) sembra presa da delirio collettivo.

La gara dei giovani premia ‘Il Mago’ di Mudimbi e relega ‘Bianca’ di Leonardo Monteiro al quarto e ultimo posto. La somma dei voti, completata domani, dirà se il ticinese può sperare. Si celebrano i Negramaro, che a loro volta celebrano il direttore artistico in ‘Poster’. Celebrazione per celebrazione, si canta la donna in una catena di ritornelli ad essa dedicati, una scia femminile che da Noemi (in discutibile nude look) porta sino a James Taylor, alla sua personale versione de ‘La donna è mobile’ e al classico ‘Fire and rain’. Compiuta la missione 'You've got a friend' con Giorgia al suo fianco (misuratissima, come la legge di Taylor impone), lo spazio dedicato all’americano, in un contesto di questo tipo, sembra sempre esiguo.

Ai momenti da ricordare, che includono Virginia Raffaele, si aggiunge il ricordo di De André con 'La canzone dell'amore perduto', introdotta da Baglioni con Danilo Rea al pianoforte. Gino Paoli porta in scena un dolente tributo a Umberto Bindi, vittima dell’omofobia. La canzone «che avrebbe potuto fargli fare il grande salto», dice il cantautore, è ‘Il nostro concerto’.

Una parentesi pomeridiana: Mirkoeilcane ha ritirato al Roof il Premio Jannacci per quella che a noi – stando a tutti i brani in gara – pare ancora l’esperienza migliore vissuta sino all’alba di questo venerdì.

1 sett fa You’ve got a friend in Lugano, intervista a James Taylor
1 sett fa 'Mi chiamo Mario, e non so neanche nuotare'
2 anni fa La prima volta di James Taylor
2 anni fa Swiss Baby James
Tags
taylor
gino
paoli
gino paoli
james taylor
giorgia
gara
bindi
james
donna
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved