laRegione
pitonesco-tanica
Spettacoli
04.12.17 - 15:060
Aggiornamento : 16.01.18 - 15:13

Pitonesco Tanica

Quattro chiacchiere esclusive con Sergio Conforti (Rocco per l’Enciclopedia della Musica), adattatore del capolavoro comico 'Spamalot' in arrivo a Lugano

Lui continua a insistere per avere un’intervista da noi, e noi gliela concediamo tutte le volte. Mentre i sudditi ticinesi attendono le gesta di Re Artù Elio nel Luganese (al Palacongressi il 23 gennaio 2018 grazie a MrRoy Productions, biglietteria.ch), ‘Spamalot’ – versione per Broadway di ‘Monty Python e il Sacro Graal’ – è approdato a Milano. L’adattamento italiano è stato curato dal più pitonesco degli Elii, Rocco Tanica, che in questi mesi sta riversando il proprio flusso di coscienza in ‘Di martedì’ su La7. Il programma ospita una versione deluxe delle sue TanicaNews, a orari da panettiere tipici del Tanica senza pianola; gli stessi dell’inviato in sala stampa a Sanremo e di ‘Razzolaser’, programma cult che qualche anno fa riunì sotto un’unica egida elementi come veggenza, tanatoprassi e Max Pezzali. Di seguito, l’intervista a colui che per primo ha cambiato i testi ai Monty Python senza che i Monty Python gli abbiano fatto causa.

Rocco Tanica, una volta sciolti gli Elii, possiamo concentrarci su questo ‘Spamalot’. Prima domanda: tornerete insieme?

Non so come funziona in Confederazione Elvetica, ma in Italia c’è questo viziaccio delle dimissioni prima presentate e poi ritirate; io preferirei non essere ricordato come un politico nostrano degli anni ’80 ’90 ’00 eccetera, e comportarmi diversamente: vivere sereno da baby-pensionato e tornare in circolazione come Storia Tesa fra molto tempo se non tiro le cuoia prima, se no in punto di morte. La morte fa sempre grandi ascolti, le ragazze ne vanno matte.

‘Spamalot’, i Python, non lo concedono proprio al primo che passa. Come ci siete riusciti?
Con la credibilità del Teatro Nuovo di Milano, che produce il musical. Gli editori di Spamalot, che ne detengono i diritti, non potevano rimanere insensibili al curriculum degli stessi allestitori di “Jersey Boys”, “La febbre del sabato sera” e tanti altri.

Per l’adattamento hai trattato personalmente con loro?

Che bello sarebbe poter rispondere sì, e raccontare delle grandi bevute nella tenuta di Eric Idle nel Buckinghamshire mentre discutiamo di teatro e facciamo la cacca alla volpe. Attenzione lettori, non è un refuso: la cacca alla volpe è uno sport un po’ zozzo ma molto diffuso in Gran Bretagna. Vorrei, dicevo, fare sfoggio di grande confidenza con gli autori di Spamalot; la verità è che credo non abbiano letto neanche una pagina del nostro lavoro, ma mi piace pensare che si sia trattato di fiducia preventiva.

Mettere mano ai Monty Phython: la difficoltà più grande ? Il piacere più grande? Quanto margine di libertà esiste?

La maggiore difficoltà è stata adattare le canzoni, non per questioni di traduzione bensì di metrica; mi piace conservare il più possibile intatte le melodie originali, che godono dell’uso di vocaboli tronchi tipici della lingua inglese. L’italiano è fatto perlopiù di parole piane e sdrucciole, c’è quasi sempre una sillaba di troppo ed è facile che la trasposizione suoni poco naturale. Ma ci ho lavorato parecchio e mi sembra che il risultato finale sia più che buono. Il piacere più grande è stato constatare che le ipotesi fatte su carta e tastiera del computer trovavano conferma in scena. Vedere ed ascoltare gli attori che rendevano viva la parola scritta è un piccolo miracolo che non conoscevo. I margini di libertà, in mancanza di riscontri esterni, sono quelli che ti imponi. Il massimo che mi sono concesso è stato di non tradurre riga per riga, verso per verso, bensì porzioni più o meno lunghe di testo in modo da rendere giustizia più al contesto che al lessico.

Terry Jones non gradì le inflessioni locali del doppiaggio italiano del film. Tu, nel musical, hai conservato il romagnolo...

A dire il vero sia il regista Claudio Insegno che io nel mio piccolo abbiamo osteggiato le derive dialettali, che sono spesso una scorciatoia per ottenere facili risate di cui il testo dei Python non ha bisogno. Per il personaggio di Dennis, il villico che si appresta a diventare sir Galahad, il bravissimo Andrea Spina un giorno ha improvvisato quest’accento irresistibile, infatti non abbiamo resistito.

Nel 1984, Paolo Villaggio disse alla Rsi di dovere molto ai Monty Python per il suo Fantozzi. Quanto senti di dovere agli inglesi? E hai amato il Ragioniere?

So che Villaggio amava i Python, credo che un umorismo feroce e straziante come il suo non potesse prescindere dal loro lavoro. Io devo ai comici inglesi – Monty Python per primi e poi Wailliams e Lucas di Little Britain, Ricky Gervais, Milton Jones e tanti altri – il gusto per il surreale “cattivo”, il nonsense, il politicamente scorretto. Le stesse gemme di cui erano incrostati i personaggi di Villaggio, dal professor Kranz a Fracchia a Fantozzi.

Il Python al quale ti senti più vicino e perché.

Eric Idle, l’autore delle canzoni più travolgenti dei Python. Sia quando scriveva brani originali, sia quando adattava in modo formidabile materiale altrui. Vedi fra tutte “Sit On My Face”, a sua volta parodia di “Sing As We Go” e molto più divertente dell’originale.

L'infatuazione (come, dove, quando)...

Anno 1984, il film “Il senso della vita”, cinema Tonale di Milano. Consiglio a tutti di andare a ripescare quel film, sembra girato ieri. Anzi, domani.

Autori al lavoro: i Pythons svegli presto, quelli di Saturday Night Live sbronzi e a notte fonda. In quale modalità ti ritrovi?

Intermedia. Mi sveglio a mezzogiorno, ma non mi sbronzo dagli anni ’90.

Graham Chapman rese buffo Re Artù. Tanica tolse la “I” a Ivano Fossati. Non potendo sapere come la prese Re Artù, come la prese Fossati?

Benissimo, o almeno così mi è parso quando ha accettato l’invito a Zelig e insieme abbiamo cantato “Stessa spiaggia, stesso mmmare” con tante emme.

Il musical dei sogni di Rocco Tanica?

“Quadrophenia” degli Who. Ma solo da spettatore. L’ho perso quando era in scena e vorrei tantissimo ascoltarlo e vederlo dal vivo. Una traduzione in italiano sarebbe impropria, anzi oltraggiosa, anzi ne approfitto per oppormici con sdegno proprio da queste pagine: non traducete Quadrophenia! Ma se torna in teatro a Londra organizziamo un charter da Lugano.

Eric Idle disse “Invecchiare va bene, se riesci ad accettare la cosa. Ma nuovo materiale interpretato da un gruppo di vecchi coglioni è una cosa tremenda”. Vale anche per i gruppi musicali?

Non lo so, non mi sembra che gli EelST siano ancora sufficientemente vecchi e coglioni per correre questo rischio. Trovo invece che ahimé molto spesso il pubblico non sia in grado di discernere la qualità di un nuovo repertorio, e si attacchi con le unghie e i denti alle canzoni di un tempo “mitico”. Ma quando faccio notare che l’attaccamento agli Elii degli anni ’90 è anche nostalgia per i sé stessi degli anni ’90, e che 20-30 anni sono trascorsi per tutti nel bene e nel male, molti ex ragazzi ci restano malissimo.

Non posso rivelare le fonti, ma credo di essere entrato in possesso di alcuni capitoli del tuo prossimo libro. Ha già un titolo?

Vorrei ritentare con un titolo che mi bocciarono nel 2008: 'L’inguine all’astice'. Anche 'Sottaceti Sottaciuti' mi piace, ma non sottovalutiamo 'Libro' : titolo corto, ficcante, memorabile.

‘Pitonesco’ da Monty Python, come ‘fantozziano’ da Fantozzi. Aspira al ‘tanichesco’, o al ‘tanichiano’? Come vorresti essere ricordato?

Non aspiro. Nel caso mi piacciono le desinenze in “oso”, quindi – se proprio necessario – ‘tanicoso’. Vorrei essere ricordato come uno che è transitato su questa Terra senza fare troppi danni. E che si è guadagnato qualche sorriso. 

TOP NEWS Culture
Spettacoli
1 ora
Via alla quinta stagione della Casa di carta: sarà l'ultima?
Netflix annuncia con un tweet le riprese della serie televisiva spagnolo che ha avuto un successo straordinario.
Società
2 ore
Vuoi comprare un'isola? Servono 'solo' 10 milioni
Gallinara, oggi riserva naturale al largo fra le cittadine di Alassio e Albenga, nel Mar ligure, venduta a un magnate ucraino.
Culture
17 ore
Endorfine Festival a settembre: si comincia con Burioni
Il virologo italiano aprirà la 2ª edizione, ridisegnata nel programma e negli spazi. Spicca anche l'incontro tra Adriana Faranda (ex Br) e la figlia di Aldo Moro.
Società
1 gior
Fenomeno influencer a 80 anni indossando... abiti smarriti
Una coppia di Taiwan, titolare di una lavanderia, spopola nel web raggiungendo i 600mila follower.
Spettacoli
2 gior
Cinema, Venezia in cerca di un'identità possibile
Mancano i divi e le dive internazionali e Venezia con una trentina di film italiani riempie i tappeti rossi di protagonisti locali. A qualcuno basterà.
Musica
2 gior
'Bon Bones meets Twobones': è jazz nippo-ticinese
Sabato 8 agosto a Losone, sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo, l'oriente si fonde con la Svizzera in uno scambio musicale tra estremi del globo.
Arte
2 gior
Siamo tutti curatori: la Kunsthalle di Zurigo riapre. A tutti
Una mostra senza opere d’arte, ma con idee per altre possibili mostre, un’esposizione dentro l’esposizione ci spiega la curatrice Seline Fülscher
L'intervista
2 gior
La cura Cristicchi
Durante il lockdown ha scritto due poesie e un album intero. A colloquio con il cantautore, domenica 2 agosto al LongLake Festival Lugano
Spettacoli
3 gior
È morto il regista Alan Parker
Il regista britannico aveva 76 anni. Stando al British Film Institute si è spento dopo una lunga malattia.
Scienze
4 gior
Partita la missione 'Mars 2020' della Nasa
Il razzo Atlas 5 è la terza missione diretta a Marte che parte negli ultimi dieci giorni. Un progetto da 2,7 miliardi di dollari
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile