laRegione
17.10.22 - 18:56

Kanye West acquista Parler, il social degli ultrà

Il rapper, che soffre di disordine bipolare, pochi giorni fa è stato fotografato a Parigi con una maglietta riportante la scritta ‘White Lives Matter’

Ansa, a cura di Red.Cultura
kanye-west-acquista-parler-il-social-degli-ultra
Keystone
Kanye West

Sulle orme di Elon Musk e della sua tormentata acquisizione di Twitter, anche Kanye West si lancia nel mondo dei social. Il rapper e stilista di moda, che di recente si è cambiato il nome in Ye, sta comprando Parler, la piattaforma social che si presenta come l’alternativa senza censura del sito di microblogging e che, alla vigilia delle elezioni presidenziali del 2020, era diventata un foro frequentato da esponenti di estrema destra tra cui neonazisti e suprematisti bianchi. L’acquisizione è stata annunciata dallo stesso Palmer, secondo cui è stato sottoscritto un accordo di principio che sarà finalizzato entro la fine dell’anno: "In un mondo dove le opinioni conservatrici sono considerate controverse, dobbiamo avere la certezza di avere il diritto di esprimerci liberamente", ha detto a sua volta Ye in un comunicato. Secondo Parlement Technologies, la parent company di Palmer, l’acquisto da parte del rapper contribuirà a creare "un incancellabile ecosistema in cui tutte le voci saranno benvenute". La notizia dell’intesa è arrivata dopo che lo stesso Kanye è stato bloccato da Twitter e da Instagram per aver postato sul suo profilo affermazioni antisemite.

Il rapper, che soffre di disordine bipolare, ha spesso di recente appoggiato cause di estrema destra. Solo pochi giorni fa è stato fotografato alla Fashion Week di Parigi con una maglietta dalla scritta ‘White Lives Matter’. Poi, intervistato dall’anchor ultraconservatore della Fox Tucker Carlson, si è lanciato in una serie di teorie complottiste sostenendo tra l’altro che falsi bambini sono usati per manipolare i figli avuti con Kim Kardashian.

L’ingresso di Kanye West in Parler arriva mentre l’operazione di Musk per l’acquisto di Twitter continua a fare notizia. Dopo aver clamorosamente fatto retromarcia dall’affare, Elon ha rilanciato l’offerta iniziale di acquisto per 44 miliardi di dollari. Se l’acquisizione andrà in porto, il boss di Tesla ha promesso che rilasserà le regole con cui il sito di microblogging modera il ‘free speech’. Il tycoon ha anche prospettato la possibilità di sbloccare l’account dell’ex presidente Donald Trump che era stato chiuso a tempo indeterminato dopo i moti del 6 gennaio 2021 al Capitol di Washington.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
11 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
15 ore
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
16 ore
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
16 ore
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
1 gior
‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi
Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
Cinema
2 gior
Oscar, 11 nomination per ‘Everything Everywhere All at Once’
In testa gli universi alternativi della coppia Kwan-Scheinert. Segue ‘Gli spiriti dell’isola’. Spielberg vede la terza statuetta; John Williams la sesta
Musica
2 gior
Focus György Ligeti, l’omaggio congiunto di Lugano
Dal 1° febbraio al 24 novembre 2023, LuganoMusica, l’Osi, 900presente e I Vesperali uniti nel tributo al grande compositore ungherese
© Regiopress, All rights reserved