laRegione
18.02.22 - 13:34
Aggiornamento: 14:59

Parigi: chiude il Bus Palladium, anima rock di Pigalle

Vi sono transitati Dalí, Johnny Hallyday, Eddy Mitchell, Mick Jagger. Aperto nel 1965, a marzo lo storico locale parigino sarà sostituito da un albergo

Ansa, a cura de laRegione
parigi-chiude-il-bus-palladium-anima-rock-di-pigalle
Celette/Wikipedia
Anche nei testi di Serge Gainsbourg

Era l’anima rock di Pigalle. Il Bus Palladium, storico locale e sala concerti parigina, chiuderà le porte a marzo, per venire sostituito da un albergo. "Il Bus Palladium – annuncia su Facebook il direttore artistico del locale, Cyril Bodin – chiuderà definitivamente le porte a metà marzo 2022. L’edificio verrà raso al suolo per lasciare posto a un albergo ma non è impossibile che il locale venga ricostruito in modo identico". Ma "bisognerà contare almeno due anni di lavori".

Aperto nel 1965, il Bus Palladium venne fondato da James Thibaut e James Arch, con l’ambizione di farne un luogo informale, accessibile ai giovani, per ballare su musica live, rigorosamente rock. I due ebbero anche l’idea di creare un sistema di bus a basso costo, per fare il pieno di persone nelle notti parigine. Ai suoi inizi, il cosiddetto ‘Bus’ accolse il celebre pittore Dalí, che assieme a degli amici organizzò un banchetto a base di acqua liscia, un episodio entrato nella leggenda, come anche la canzone di Serge Gainsbourg ("Qui est +in+ qui est +out+), in cui il Bus Palladium viene citato nel testo ("C’est au Bus Palladium, qu’ça s’écoute...rue Fontaine... il y a la foule, pour les petits gars de Liverpool").

Situato in rue Fontaine, a pochi passi dal Moulin Rouge, nel cuore di Pigalle – il celebre quartiere delle notti brave parigine – la sala concerti ha visto sfilare artisti come Johnny Hallyday, Eddy Mitchell. Il frontman degli Stones, Mick Jagger, lo scelse per festeggiare un compleanno. All’inizio degli anni Ottanta, il club cominciò ad assegnare premi alle migliori rock band francesi, il ‘Bus d’Or’. Tra i premiati, Alain Bashung, Etienne Daho, Noir Désir, Indochine. Il club ha pure dato il titolo a un film, ‘Bus Palladium’, uscito nel 2010 per la regia di Christopher Thomson.

TOP NEWS Culture
Castellinaria
6 ore
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
12 ore
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
1 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
1 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
1 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
2 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
2 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
Spettacoli
2 gior
Le ‘Fessure’ del Teatro delle Radici, o come riattaccare i cocci
Nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Castrillo sulle fratture (della vita) e la difficoltà di rimettere assieme ciò che si rompe. A dicembre
© Regiopress, All rights reserved