laRegione
30.01.22 - 23:05
Aggiornamento: 31.01.22 - 08:22

Joni Mitchell sta con Neil Young e lascia Spotify

I due sopravvissuti alla poliomielite protestano contro disinformazione no-vax diffusa dal podcast di Joe Rogan

Ansa, a cura de laRegione
joni-mitchell-sta-con-neil-young-e-lascia-spotify
Joni Mitchell (Keystone)

Joni Mitchell sta con Neil Young contro Spotify. In un gesto di solidarietà con il ‘grande vecchio’ del rock uscito da Spotify per protestare contro un podcast che fa disinformazione sul Covid, la leggendaria cantautrice ha chiesto di rimuovere dalla piattaforma tutte le sue canzoni. E Spotify acconsente. Se alcuni brani, tra cui l’iconica ‘River’ dall’album ‘Blue’ del 1971, sono ancora accessibili, altri album come ‘Ladies of the Canyon’ del 1970 e ‘Court and Spark’ del 1974 sono già decimati. La protesta che accomuna i due canadesi ha come obiettivo Joe Rogan, titolare di un podcast che spesso flirta con l’ultra-destra. Young e Mitchell condannano la disinformazione sul Covid, lo spazio dato a epidemiologi no-vax e a rimedi pericolosi come il farmaco veterinario Ivermectin. "Gente irresponsabile sta diffondendo menzogne che costano vite umane. Io sto con Neil Young e con la comunità scientifica e medica globale”, dice la cantautrice. Oltre a essere grandi della musica e impegnati in cause progressiste, Joni e Neil hanno in comune l’essere sopravvissuti alla poliomielite contratta da bambini ai tempi in cui non c’era ancora il vaccino.

Young, che ieri ha ricevuto i ringraziamenti del capo dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus per il suo gesto, aveva lanciato l’appello all’inizio della settimana, chiedendo ad altri vip del rock di dissociarsi da Spotify, e lo stesso hanno fatto molti suoi fan chiedendo un boicottaggio della piattaforma. Se n’è approfittata Apple Music autoproclamandosi “la vera casa di Neil Young”, la cui musica è ora disponibile anche sulla radio satellitare Sirius XM.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
11 ore
Dietro le sbarre di ‘Ariaferma’
Silvio Orlando e Tony Servillo, carcerato e carceriere nel film di Leonardo Di Costanzo, a Venezia prima e a Castellinaria 2021 poi, ora in sala
Teatro Sociale
22 ore
‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte
Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Spettacoli
1 gior
Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’
Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
2 gior
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
2 gior
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
2 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
2 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
3 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
3 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
3 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
© Regiopress, All rights reserved