laRegione
neil-young-contro-spotify-per-le-fake-news-sui-vaccini
Neil Percival Young, 76 anni (Keystone)
laR
 
26.01.22 - 05:30
Aggiornamento : 03.02.22 - 15:14

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Neil Young e Joe Rogan: due nomi che non ti aspetti di trovare, nello stesso articolo. Da una parte uno dei grandi nomi della scena musicale americana con una carriera che dura da cinquant’anni; dall’altra un comico e ‘podcaster’ statunitense che dagli anni Novanta si è fatto un nome soprattutto negli ambienti “alternativi” e anticonformisti, guadagnando ulteriore popolarità legandosi ai movimenti antivaccinisti e negazionisti del Covid.

È Spotify a unire, o meglio a dividere, queste due figure del mondo dello spettacolo statunitense. La piattaforma di streaming audio ha infatti nella sua ricca offerta sia la musica di Neil Young, sia lo show ‘The Joe Rogan Experience’, ottenuto in esclusiva con un accordo pluriennale (pare) di cento milioni di dollari. Ma “possono avere Rogan oppure Young, non entrambi” ha scritto il cantautore in una lettera aperta ai suoi manager, denunciando la presenza di notizie false e pericolose sul Covid e i vaccini nel podcast di Joe Rogan. È il suo show che, in una recente intervista con il dottor Robert Malone, ha reso popolare l’idea che la pandemia sia in realtà una psicosi di massa indotta dai media ipnotizzando la popolazione. “Faccio questo – ha scritto Young – perché Spotify sta diffondendo false informazioni sui vaccini causando potenzialmente la morte di coloro che credono a quella disinformazione”.

‘The Joe Rogan Experience’ è molto probabilmente il podcast più seguito al mondo ed esercita un’enorme influenza. Spotify, si legge nella lettera di Young, “ha il dovere di mitigare la diffusione della disinformazione sulla sua piattaforma, anche se la società attualmente non ha un regolamento sulla disinformazione”. Il riferimento qui è a YouTube che ha implementato varie misure per contrastare la diffusione di notizie false e pericolose. Misure che hanno portato alla rimozione dalla piattaforma proprio di una puntata dello show di Joe Rogan. La rimozione di contenuti, così come la sospensione di account e messaggi di avviso – provvedimenti introdotti non solo da YouTube ma anche da Twitter e da Facebook – hanno ovviamente portato a numerose critiche sul potere mediatico detenuto da queste piattaforme. Oltre a critiche sulla reale efficacia di queste misure: forse qualcuno sarà messo in guardia da un asettico avviso che invita a rivolgersi a fonti ufficiali per avere informazioni sui vaccini e la pandemia, ma chi ha già poca fiducia nelle autorità (sanitarie e politiche) potrebbe convincersi ancora di più di un grande complotto che vuol mettere a tacere le verità scomode.

Questa iniziativa di Neil Young, se effettivamente porterà alla rimozione della sua musica da Spotify, dovrebbe in parte sfuggire a queste critiche, dal momento che si tratta dell’iniziativa personale di un artista evidentemente convinto che servizi come Spotify non siano piattaforme neutre ma abbiamo delle responsabilità. E se Young, anni fa, aveva già lasciato Spotify per la scarsa qualità dell’audio rassegnandosi poi a tornare dove la gente ascolta musica, adesso la questione pare più seria.
La lettera di Neil Young era indirizzata al suo manager Frank Gironda e a Tom Corson, copresidente e direttore operativo della Warner Records. Gironda ha confermato l’autenticità della lettera precisando che “è qualcosa che è molto importante per Neil: è molto arrabbiato. Stiamo cercando di capire cosa fare”.

Young non è il primo a puntare il dito contro Spotify per lo show di Joe Rogan. Lo scorso mese, circa 270 tra dottori, scienziati e addetti del settore sanitario hanno sottoscritto una lettera aperta affinché ci sia più controllo sulle false informazioni intorno alla pandemia. Spotify al momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
joe rogan neil young spotify
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Danza contemporanea
1 ora
Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project
Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Culture
5 ore
Anche la poesia abita a Soletta
Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
12 ore
Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’
Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Teatro San Materno
23 ore
Pierre Byland ed Enrico Ferretti, ‘Due etologi’ al San Materno
Sabato 4 giugno alle 20.30, spettacolo tragicomico contemporaneamente in lingua italiana e francese
Spettacoli
1 gior
Stewart Copeland, Irene Grandi e le streghe della Val d’Ossola
Debutta in luglio ‘The Witches Seed’, opera lirica dell’ex Police con inserti rock dell’interprete italiana e canzoni di Chrissie Hynde dei Pretenders
Spettacoli
1 gior
Springsteen torna in tour nel 2023: toccherà Svizzera e Italia
‘The Boss’ si esibirà al Letzigrund di Zurigo il 13 giugno 2023. Prevista anche una data a Monza il 25 luglio 2023. Biglietti in vendita da lunedì
Scienze
1 gior
I pianeti con due soli ospitali per la vita
Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Spettacoli
1 gior
Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano
Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
Società
2 gior
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
2 gior
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
© Regiopress, All rights reserved