laRegione
laR
 
26.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 03.02.22 - 15:14

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan

neil-young-contro-spotify-per-le-fake-news-sui-vaccini
Neil Percival Young, 76 anni (Keystone)

Neil Young e Joe Rogan: due nomi che non ti aspetti di trovare, nello stesso articolo. Da una parte uno dei grandi nomi della scena musicale americana con una carriera che dura da cinquant’anni; dall’altra un comico e ‘podcaster’ statunitense che dagli anni Novanta si è fatto un nome soprattutto negli ambienti “alternativi” e anticonformisti, guadagnando ulteriore popolarità legandosi ai movimenti antivaccinisti e negazionisti del Covid.

È Spotify a unire, o meglio a dividere, queste due figure del mondo dello spettacolo statunitense. La piattaforma di streaming audio ha infatti nella sua ricca offerta sia la musica di Neil Young, sia lo show ‘The Joe Rogan Experience’, ottenuto in esclusiva con un accordo pluriennale (pare) di cento milioni di dollari. Ma “possono avere Rogan oppure Young, non entrambi” ha scritto il cantautore in una lettera aperta ai suoi manager, denunciando la presenza di notizie false e pericolose sul Covid e i vaccini nel podcast di Joe Rogan. È il suo show che, in una recente intervista con il dottor Robert Malone, ha reso popolare l’idea che la pandemia sia in realtà una psicosi di massa indotta dai media ipnotizzando la popolazione. “Faccio questo – ha scritto Young – perché Spotify sta diffondendo false informazioni sui vaccini causando potenzialmente la morte di coloro che credono a quella disinformazione”.

‘The Joe Rogan Experience’ è molto probabilmente il podcast più seguito al mondo ed esercita un’enorme influenza. Spotify, si legge nella lettera di Young, “ha il dovere di mitigare la diffusione della disinformazione sulla sua piattaforma, anche se la società attualmente non ha un regolamento sulla disinformazione”. Il riferimento qui è a YouTube che ha implementato varie misure per contrastare la diffusione di notizie false e pericolose. Misure che hanno portato alla rimozione dalla piattaforma proprio di una puntata dello show di Joe Rogan. La rimozione di contenuti, così come la sospensione di account e messaggi di avviso – provvedimenti introdotti non solo da YouTube ma anche da Twitter e da Facebook – hanno ovviamente portato a numerose critiche sul potere mediatico detenuto da queste piattaforme. Oltre a critiche sulla reale efficacia di queste misure: forse qualcuno sarà messo in guardia da un asettico avviso che invita a rivolgersi a fonti ufficiali per avere informazioni sui vaccini e la pandemia, ma chi ha già poca fiducia nelle autorità (sanitarie e politiche) potrebbe convincersi ancora di più di un grande complotto che vuol mettere a tacere le verità scomode.

Questa iniziativa di Neil Young, se effettivamente porterà alla rimozione della sua musica da Spotify, dovrebbe in parte sfuggire a queste critiche, dal momento che si tratta dell’iniziativa personale di un artista evidentemente convinto che servizi come Spotify non siano piattaforme neutre ma abbiamo delle responsabilità. E se Young, anni fa, aveva già lasciato Spotify per la scarsa qualità dell’audio rassegnandosi poi a tornare dove la gente ascolta musica, adesso la questione pare più seria.
La lettera di Neil Young era indirizzata al suo manager Frank Gironda e a Tom Corson, copresidente e direttore operativo della Warner Records. Gironda ha confermato l’autenticità della lettera precisando che “è qualcosa che è molto importante per Neil: è molto arrabbiato. Stiamo cercando di capire cosa fare”.

Young non è il primo a puntare il dito contro Spotify per lo show di Joe Rogan. Lo scorso mese, circa 270 tra dottori, scienziati e addetti del settore sanitario hanno sottoscritto una lettera aperta affinché ci sia più controllo sulle false informazioni intorno alla pandemia. Spotify al momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Gallery
Sogno o son Festival
2 ore
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Scienze
4 ore
Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli
Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
5 ore
Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’
L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
6 ore
Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto
Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
8 ore
Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado
Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
11 ore
Il Festival di Rapallo
Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
11 ore
La lunga crisi della democrazia
Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Illustrazione
1 gior
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
1 gior
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
1 gior
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
© Regiopress, All rights reserved