laRegione
rivoluzione-su-playboy-in-copertina-c-e-un-coniglietto
‘Se un uomo gay si sente sexy nel costume iconico delle conigliette, perché non dovrebbe poterlo indossare orgogliosamente?’
06.10.21 - 13:41
Aggiornamento: 14:03
di Alessandra Baldini, Ansa

Rivoluzione su Playboy: in copertina c’è un ‘coniglietto’

È Bretman Rock, il primo gay di sempre in copertina. Influencer di 23 anni, è diventato famoso per aver creato una popolare serie di lezioni di trucco su YouTube

Succintissimo costume topless, tacchi alti, calze nere, cravattino, polsini e il cerchietto con le orecchie a punta: Playboy ha una nuova coniglietta, ma stavolta è un gay. Per la prima volta un uomo apertamente omosessuale è apparso sulla copertina del leggendario magazine dando un nuovo twist al suo storico soprannome di ‘rivista per soli uomini’. Protagonista della rivoluzionaria cover story di ottobre è Bretman Rock, influencer di 23 anni diventato famoso per aver creato una popolare serie di lezioni di trucco su YouTube. Rock, che è anche protagonista di un reality su Mtv, ha un seguito su Instagram di oltre 17 milioni di seguaci, oltre a essere un attivista militante della comunità Lgbtq.

Playboy, che Hugh Hefner fondò nel 1953 e che l’anno scorso è passato a produrre contenuti solo online, ha condiviso su Twitter una frase di Rock che sottolinea la portata storica della foto. “Che Playboy abbia un maschio in copertina è una gran cosa per la comunità Lgbt, per la mia comunità di colore, ed è tutto così surreale”. E ancora: “Viene da chiedersi, sta veramente succedendo? E io sono così grazioso”. Per Anthony Allen Ramos, dell’organizzazione Glaad che si batte contro la discriminazione dei gay, la scelta di Rock rappresenta “un potente passo avanti verso una maggiore inclusione nel mondo della moda e del modeling”.

Rock è il terzo uomo sulla copertina di Playboy dopo il fondatore Hefner e il musicista latino Bad Bunny, apparso nel 2000 sull’edizione online. Non è peraltro il primo della comunità Lgbtq ‘adottato’ dalla rivista: l’anno scorso, un’altra influencer del settore beauty, Victoria Volkova, è stata la prima trans ad apparire su Playboy Mexico sulle orme di Roberta Close, Caroline ‘Tula’ Cossey, Giuliana Farfalla e Geena Rocero, testimonial di altre edizioni. Nel novembre 2017 la modella francese Ines Rau era diventata la prima Playmate di Playboy apertamente trans.

Anche stavolta la scelta del magazine si è rivelata controversa: “Playboy è morto da tempo... e ora si capisce perché”, ha commentato un lettore su Twitter. E un altro ha rincalzato: “Ora Playboy è Playgay. Distruggeranno ogni spazio rimasto di mascolinità”. Le tante reazioni al vetriolo erano attese, ha detto un portavoce del PLBY Group, che pubblica la rivista: “Sono simili a quelli che Playboy ha ricevuto quando nel 1971 mise in copertina l’afroamericana Darine Stern, quando nel 1991 scelse la modella trans Tula Cossey; quando si è battuto per l’aborto al tempo di ‘Roe contro Wade’ e negli anni Settanta per la riforma della cannabis. Se un uomo gay si sente sexy nel costume iconico delle conigliette, perché non dovrebbe poterlo indossare orgogliosamente?”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bretman rock copertina gay influencer playboy
TOP NEWS Culture
Castellinaria
5 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
11 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
13 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
13 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
23 ore
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
Locarno 75
1 gior
Daisy Edgar-Jones: ‘C’è un po’ di Kya in ognuno di noi’
La 24enne attrice britannica, protagonista di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), si è raccontata prima della proiezione in Piazza Grande
© Regiopress, All rights reserved