laRegione
23.08.21 - 18:57

Ragazze più sensibili ai discorsi di odio su internet

Secondo uno studio della Scuola universitaria di Scienze Applicate di Zurigo le reazioni degli adolescenti cambiano in base al genere

ragazze-piu-sensibili-ai-discorsi-di-odio-su-internet

Gli adolescenti percepiscono i commenti di odio su internet in modo diverso a seconda del genere: circa il 75% delle ragazze sono scioccate o rattristate da tali messaggi, mentre solo il 40% dei ragazzi ha questi sentimenti. È il risultato dell'ultimo studio di Jamesfocus condotto dalla ZHAW e da Swisscom.

Lo studio della Scuola universitaria di Scienze Applicate di Zurigo (ZHAW), pubblicato oggi, si basa sui dati raccolti tra maggio e giugno 2020 presso 953 giovani tra i 12 e i 19 anni in tutta la Svizzera. Il sondaggio è stato condotto sotto forma di questionari online, dato che le scuole erano parzialmente chiuse a causa della pandemia.

Le reazioni più frequenti ai messaggi di odio su internet sono state la rabbia (78%), lo shock (63%) e la tristezza (60%). Le ragazze hanno risposte emotive di questo tipo più spesso dei ragazzi. "Da un lato, potrebbe essere che i ragazzi sono orientati verso il ruolo dell'uomo forte, che deve anche essere in grado di prendere colpi. D'altra parte, gli studi mostrano che gli uomini hanno più probabilità di essere tra gli autori di commenti d'odio, il che potrebbe anche aumentare la comprensione verso tali commenti", secondo la psicologa dei media della ZHAW, Céline Külling.

Secondo lo studio, più della metà (53%) delle ragazze incappa regolarmente in discorsi di odio, mentre la percentuale per i ragazzi è del 41%. "È difficile giudicare se le ragazze sono effettivamente confrontate più spesso con simili messaggi o se si tratta di una diversa percezione", ha aggiunto Külling.

Quasi la metà degli adolescenti si confronta regolarmente con discorsi di odio su internet. Circa il 12% addirittura più volte al giorno, il 16% ogni giorno e il 20% più volte alla settimana. Solo il 15% ne vede raramente e il 12% mai. Più gli adolescenti sono grandi, più spesso entrano in contatto con l'odio. Tra i 12-13 anni il 32% legge regolarmente commenti di questo tipo, la percentuale sale al 46% tra i 14-15enni, al 54% tra i 16-17enni e al 53% tra i 18-19enni. Per quanto riguarda le differenze regionali, i giovani nella Svizzera tedesca (47%) e francese (52%) sono più spesso confrontati con discorsi d'odio rispetto ai ticinesi (39%).

Secondo gli adolescenti, le ragioni principali che spingono a scrivere commenti di odio sono "provocazione" (93%), "insulto" (92%), "frustrazione" (85%), "esercizio del potere" (81%), "rabbia" (76%) e "noia" (76%). Seguono poi "diffusione di un'ideologia" (62%) e "sentirsi minacciati" (57%).

Anche in questo caso ci sono differenze regionali. Ad esempio gli adolescenti ticinesi (89%) considerano più spesso la "rabbia" un motivo scatenante rispetto ai ragazzi della Svizzera tedesca (81%) o francese (64%). I giovani che vivono in Romandia (88%), invece, ritengono che "l'esercizio di un certo potere" sia più frequentemente il motore dei commenti di odio rispetto ai coetanei svizzerotedeschi (78%) o ticinesi (73%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
9 ore
La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b
Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
9 ore
Addio a Paco Rabanne
Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
Musica
12 ore
‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro
La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
19 ore
‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore
Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
1 gior
A Carlo, il Conservatorio in Festival
È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
1 gior
Ulisse Artico solo fra i ghiacci
Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
Musica
1 gior
Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’
Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
L’intervista
1 gior
Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo
Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
1 gior
Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire
Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
1 gior
‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza
Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
© Regiopress, All rights reserved