laRegione
Social
12.07.21 - 12:16
Aggiornamento: 12:46

Troppe pressioni sugli utenti: Whatsapp denunciata

L'Organizzazione europea dei consumatori Beuc ha presentato una denuncia alla Commissione europea e alla rete europea delle autorità dei consumatori

Ats, a cura de laRegione
troppe-pressioni-sugli-utenti-whatsapp-denunciata
Dalle proteste di Hamburgo (Keystone)

Pressione continue e indebite sugli utenti per far accettare nuovi termini sulla privacy che non sono comprensibili né trasparenti. Con questa accusa l'Organizzazione europea dei consumatori Beuc e i suoi membri hanno presentato una denuncia alla Commissione europea e alla rete europea delle autorità dei consumatori contro WhatsApp. “Da diversi mesi WhatsApp sta esercitando pressioni indebite sui suoi utenti affinché accettino i nuovi termini di utilizzo e la politica sulla privacy”, spiega Beuc in una nota. “Eppure questi termini restano vaghi, non sono né trasparenti né comprensibili per gli utenti”. Il reclamo è dovuto ai contenuti e alla tempistica delle notifiche “persistenti, ricorrenti e invadenti”, continua la nota, che spingono gli utenti ad accettare gli aggiornamenti dei termini di utilizzo di WhatsApp. Si tratta, prosegue Beuc, di “un'indebita pressione”, ne “pregiudica la libertà di scelta” e “costituisce una violazione della Direttiva Ue sulle pratiche commerciali sleali”.

Per Beuc, WhatsApp “non è riuscita a spiegare in un linguaggio semplice e comprensibile la natura delle modifiche”, tanto che “è praticamente impossibile per i consumatori avere una chiara comprensione delle conseguenze che i cambiamenti di WhatsApp comportano per la loro privacy, in particolare in relazione al trasferimento dei loro dati personali a Facebook e ad altre terze parti”. Questa ambiguità è “una violazione del diritto dei consumatori dell'Ue, che obbliga le aziende a utilizzare condizioni contrattuali e comunicazioni commerciali chiare e trasparenti”, accusa Beuc.

L'organizzazione ricorda poi che dal maggio 2021 la politica sulla privacy della popolare app è sotto esame del commissario di Amburgo per la protezione dei dati e la libertà d'informazione, che ha emesso un'ordinanza che vieta a Facebook di elaborare i dati personali di WhatsApp in Germania, in applicazione della procedura d'urgenza del Regolamento generale sulla protezione dei dati (Gdpr).
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
21 ore
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
23 ore
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
2 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
3 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
© Regiopress, All rights reserved