laRegione
28.12.20 - 19:11

Attività culturali, la tradizione regge la rivoluzione digitale

Nel 2019 sono cresciuti i frequentatori di festival. La radio perde minuti di ascolto ma rimane il media più utilizzato dagli svizzeri.

di Ivo Silvestro
attivita-culturali-la-tradizione-regge-la-rivoluzione-digitale
Quando si poteva (Archivio Ti-Press)

Stabilità, in alcuni casi addirittura crescita: la statistica sulle attività culturali in Svizzera mostra che le forme “tradizionali” di fruizione – come visitare un museo o un monumento, leggere un libro cartaceo, seguire un concerto o un festival – rimangono nelle abitudini della popolazione nonostante la disponibilità di nuovi strumenti digitali.

Ci si riferisce, prima premessa importante, al 2019: prima quindi che la pandemia e le misure restrittive fermassero o riducessero l’attività di musei, cinema e sale da concerto e teatrali, spostando parte di queste attività online. La statistica sulle attività culturali è parte dell’indagine tematica sulla lingua, la religione e la cultura ed è effettuata ogni cinque anni. L’Ufficio federale di statistica non ha intenzione di anticipare il prossimo rilevamento: gli effetti – a questo punto a lungo termine – della pandemia sulle abitudini culturali della popolazione li conosceremo quindi nel 2025. Nei prossimi mesi è comunque prevista la pubblicazione di alcune statistiche culturali relative al 2020: in marzo quella sui cinema, in aprile una prima analisi sull’economia culturale mentre a luglio e a novembre avremo i dati sull’utilizzo di biblioteche e musei.

La seconda premessa è che questa statistica rimane sugli aspetti generali, senza quantificare ad esempio quante volte le persone sono andate al cinema o al museo. Dati più dettagliati sono tuttavia presenti in altre statistiche. Così se dai dati appena pubblicati scopriamo che radio e televisione rimangono gli strumenti più utilizzati per ascoltare musica (l’89% della popolazione li ha usati nel 2019) con un calo contenuto rispetto al 2014, dalla statistica sui media registriamo che nello stesso periodo il consumo radiofonico è passato da 100 a 92 minuti la settimana. Insomma, la “rivoluzione digitale” come viene definita nella statistica non cancella del tutto le vecchie abitudini ma ha comunque un impatto.

Continuità, e qualche tendenza al rialzo

Vediamo i dati generali. Nel 2019 quasi i tre quarti della popolazione hanno visitato monumenti e siti storici o archeologici (74%), seguiti da vicino da quelli che hanno assistito a concerti (72%) e che hanno visitato musei e mostre (71%). Poco più di due terzi (67%) si sono recati al cinema. Rispetto al 2014 le quote sono molto stabili, nonostante la crescente concorrenza costituita dalla fruizione della cultura mediante sistemi digitali. Per quanto riguarda le visite a monumenti, si riscontra un aumento dal 70 al 74%, forse legato alle iniziative per l’Anno del patrimonio culturale.

Più consistente, e apparentemente non legato a circostanze, è l’aumento dei frequentatori di festival (musicali, teatrali, cinematografici): dal 2014 al 2019 si è passato dal 38 al 47%, quasi uno svizzero su due. L’incremento riguarda tutte le fasce di età, ma in particolare tra le persone anziane.

Come nel 2014, anche nel 2019 quasi i due terzi della popolazione (65%) hanno praticato un’attività culturale dilettantistica. La più diffusa rimane la fotografia (25%), seguita da disegno, pittura, scultura o intarsio, dal canto e dal suonare uno strumento (18%). Tra gli hobby meno praticati troviamo invece il rap e il teatro amatoriale.


Non vi sono particolari differenze tra le regioni linguistiche: i romandi sono particolarmente interessati ai festival, gli svizzero-tedeschi agli zoo e alle manifestazioni cittadine, i ticinesi agli spettacoli di danza. A fare la differenza è soprattutto il profilo sociodemografico delle persone, in particolare per il livello di formazione. Ad esempio, tra le persone che assistono a concerti di ogni genere, quelle con un diploma del grado terziario sono quasi il doppio (83%) rispetto a quelle che si sono fermate alla scuola dell’obbligo (43%). Importante, soprattutto per le pratiche, la disponibilità finanziaria: nelle economie domestiche dal reddito basso fa musica l’11% delle persone intervistate, mentre in quelle finanziariamente solide tale percentuale raddoppia (22%).

La mancanza di mezzi finanziari è del resto il secondo ostacolo alla partecipazione alle attività culturali, indicata dal 32% degli svizzeri (in leggero calo rispetto al 2014); il primo motivo rimane comunque il poco tempo a disposizione.

Musica e libri

Due gli approfondimenti dell’Ufficio federale di statistica. Il primo riguarda la musica: i concerti come detto sono tra le attività più popolari. Tuttavia l’alta percentuale di chi ha seguito almeno un concerto (72%) si suddivide nei pubblici separati dei vari generi, con pop, rock, metal e punk in testa (29%) seguiti a breve distanza da musica classica e lirica (25%).

Ad assistere ai concerti di musica classica sono più le donne che gli uomini e più gli anziani che i giovani; il livello di istruzione è invece un fattore importante sia per i concerti di musica classica sia per quelli pop. Da notare che nei generi più ascoltati a casa, cantautori e musica leggera superano il pop e il jazz la classica.

Restando all’ascolto privato, si nota un marcato cambiamento negli strumenti impiegati: crollo di cd e dvd (utilizzati da poco più della metà della popolazione) e di lettori mp3, sostanzialmente sostituiti da internet e smartphone. Ma il media più utilizzato dalla popolazione rimane comunque la radio, popolare tra tutte le fasce di età.

Il secondo approfondimento riguarda invece i libri. Gli svizzeri continuano a leggere: l’83% ha letto almeno un libro nel 2019; il 30% più di uno al mese, dati paragonabili a quelli del 2014. Nettamente aumentata la quota di persone che leggono e-book, passata dal 15 al 25% della popolazione. A modificarsi è pure il profilo sociodemografico dei lettori di e-book: nel 2014 a leggere libri elettronici erano prevalentemente gli uomini, mentre nel 2019 tale differenza si è praticamente annullata. Lo stesso vale per l’età di chi legge in formato elettronico: nel 2014 erano prevalentemente persone di 30–44 anni, mentre oggi lo fanno in egual misura tutte quelle di meno di 60 anni. La statistica distingue tra letture ricreative e di studio o formazione: queste ultime sono maggiormente diffuse tra gli immigrati di seconda generazione che tra gli immigrati di prima generazione o le persone senza un passato migratorio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
7 ore
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
16 ore
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
1 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
1 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
2 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
2 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
2 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
2 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
3 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
© Regiopress, All rights reserved