laRegione
13.10.20 - 16:33

La cultura svizzera ‘vale’ 15,2 miliardi di franchi

L'Ufficio federale di statistica stima il peso economico del settore culturale: 63mila imprese, 300mila operatori e un valore aggiunto pari al 2% del PIL

Ats, a cura de laRegione
la-cultura-svizzera-vale-15-2-miliardi-di-franchi
Archivio Ti-Press

Nel 2019 in Svizzera erano attivi 312'000 operatori culturali, ciò che corrisponde al 6,3% di tutti gli occupati. Il loro livello di istruzione era superiore alla media e più della metà di loro erano donne, secondo i dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Le 63'639 imprese del settore culturale rappresentavano il 2,1% del PIL svizzero nel 2018. Il valore aggiunto di questo ramo dell'economia ammontava a 15,2 miliardi di franchi. Il dato è inferiore a quello del 2011, con un calo medio dell'1,3% annuo.

Secondo l'UST, nel 2018 il settore culturale rappresentava circa il 10,5% delle imprese e il 9,6% degli stabilimenti (filiali e siti di produzione) dell'economia totale. I settori più importanti erano le arti visive (30% delle imprese culturali), l'architettura (21%) e le arti performative (16%).

Le imprese nel settore occupavano 234'494 addetti, corrispondenti a 161'433 equivalenti a tempo pieno. Rispetto alla quota degli addetti nell'intera economia (5,2 milioni), quella degli addetti del settore della cultura (4,5%) era nettamente inferiore.

Nel 2019 il 30% degli operatori culturali era membro della direzione dell'impresa in cui lavorava o vi occupava una funzione di superiore, contro il 33% nell'economia nel suo insieme. Si riscontrano le medesime differenze di genere presenti nell'economia intera. Il 36% degli uomini attivi come operatori culturali occupavano una posizione dirigenziale o di quadro, contro il 24% delle operatrici.

Mentre nel 2018 nell'economia complessiva il salario mediano lordo si attestava a 6857 franchi per gli uomini e a 6067 franchi per le donne, nel settore della cultura quello degli uomini era di 7356 franchi, contro i 6088 franchi del salario mediano lordo delle donne. Si tratta di circa il 17,2% in meno, a fronte di uno scarto dell'11,5% rilevato nell'economia nel suo insieme.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
4 ore
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
4 ore
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
9 ore
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
19 ore
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
20 ore
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
1 gior
Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi
La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
1 gior
La continua ricerca di Siddhartha
L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
1 gior
Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro
Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
1 gior
Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)
Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Musica
2 gior
Abul Mogard nella cattedrale del suono
Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
© Regiopress, All rights reserved