laRegione
con-la-mascherina-l-affare-e-fatto
Società
15.09.20 - 18:070

Con la mascherina l'affare è fatto

Secondo un esperimento le persone sono più propense ad accettare offerte da persone che indossano la protezione

La mascherina dà un vantaggio nell'ambito delle negoziazioni economiche? Degli esperimenti suggeriscono che questo potrebbe essere effettivamente il caso. Le persone sono più propense ad accettare un'offerta non perfettamente leale se viene fatta da una persona che indossa una protezione, emerge da uno studio citato oggi dal Tages-Anzeiger e pubblicato da Psyarxiv.com.

Nell'ambito della ricerca - realizzata da Ramzi Fatfouta dell'Università di scienze applicale di Berlino e da Yulia Oganian dell'Università della California di San Francisco - circa 500 soggetti sono stati sottoposti al cosiddetto gioco dell'ultimatum, un approccio spesso usato nell'economia sperimentale. Esso funziona secondo le seguenti semplici regole: un giocatore può dividere una somma di denaro tra se stesso e il suo compagno di squadra come meglio crede; la seconda persona deve decidere se accettare o meno l'offerta: se la rifiuta, entrambi i giocatori se ne vanno a mani vuote, se l'accetta, entrambi ricevono l'importo corrispondente.

Teoricamente da un punto di vista puramente economico per il secondo giocatore sarebbe razionale accettare qualunque offerta: se la somma da dividere è 100 franchi, anche 1 franco o 5 o 10 è meglio di niente. Ma non è ciò che succede nella realtà: se ricevono offerte ritenute sleali, che cioè avvantaggiano in modo ritenuto eccessivo la controparte, la maggior parte delle persone preferisce rinunciare al denaro, per far sì che l'egoista non ottenga nulla.

Dalla ricerca di Fatfouta e Oganian emerge che le mascherine attutiscono questa risposta emotiva. I ricercatori hanno mostrato ai soggetti sottoposti ai test la foto della persona che faceva l'offerta: se questa indossava una protezione medica la controparte era più portata ad accettare offerte svantaggiose. L'effetto non si è invece verificato quando l'individuo sull'immagine portava una sciarpa dal design piuttosto sportivo.

Da questo si può dedurre che se si ha a che fare con una persona che indossa una maschera protettiva si reagisce e si agisce in modo un po' meno emotivo. I ricercatori ipotizzano che ciò possa essere dovuto al fatto che le maschere di respirazione creano una "distanza psicologica", lasciando quindi più di spazio al pensiero razionale.

 

TOP NEWS Culture
Musica
5 ore
Dori Ghezzi: 'Il jazz? Fabrizio la musica l'amava tutta'
A colloquio con Dori Ghezzi aspettando il jazzistico ‘VIVA#DE ANDRÉ, al PalaCinema di Locarno il 9 ottobre.
Arte
9 ore
Arnold Nesselrath, vi racconto 'Raffaello!'
All'interno della rassegna 'Metamorfosi', la voce più autorevole sull'artista urbinate nell'Aula Magna dell'Usi, lunedì 28 settembre.
Arte
9 ore
A Mendrisio l'onnivoro André Derin
'Sperimentatore controcorrente', padre dimenticato poi recuperato: dal 27 settembre al 31 gennaio 2021 il Museo dell'arte ne ospita la retrospettiva.
Società
20 ore
USA, il Covid toglie la maschera ad Halloween
Le autorità sanitarie statunitensi sconsigliano di coprirsi il viso durante la festa a causa del rischio pandemia
Teatro
1 gior
Teatro di Locarno: 'Sicuri e ottimisti', sul palco e in sala
Dapporto, Poretti, Sastri, Scommegna, Oblivion tra i protagonisti; Shakespeare, King e De Filippo tra gli autori; il Teatro dell'Elfo tra le compagnie
Musica
1 gior
'What's Going On' di Marvin Gaye più in alto dei Beatles
Guida la classifica dei 500 migliori album di ogni tempo pubblicata dal Rolling Stone davanti a 'Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band'
Arte
2 gior
Premio Artista Bally 2019: 'Coeurs sacrés' a Palazzo Reali
Il MASI ospita l'opera della vincitrice Gabriela Maria Müller insieme a una selezione dei suoi lavori. Dal 25 settembre a Lugano fino al primo novembre.
Spettacoli
2 gior
Teatro e musica nel Locarnese: al via l'autunno di OSA!
In scena la 19esima edizione di 'La donna crea' (diretta da Santuzza Oberholzer) e la 17esima rassegna internazionale 'Voci audaci' di Oskar Boldre.
Teatro
2 gior
'Si riparte, si rinasce': riapre il sipario del Paravento
A Locarno 'la creatività non è andata in letargo'. Il 1° ottobre il palco del teatro locarnese torna a popolarsi di artisti dopo sette lunghi mesi di stop.
Culture
2 gior
Locarno Festival: le possibili cause del divorzio da Lili Hinstin
Bocche cucite al Festival, ma dietro le quinte si parla di allergia al glamour da parte della direttrice artistica e del suo scarso contatto con la città.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile