laRegione
Società
17.10.19 - 22:380

Meglio l’intelligenza artificiale dei manager

Da una ricerca emerge che il 64% degli interpellati si fida maggiormente di un robot che del proprio manager

L’intelligenza artificiale sempre più apprezzata e sempre meno temuta, nei luoghi di lavoro. Al punto che il 64% degli interpellati si fida maggiormente di un robot che del proprio manager. Poi il punto è chi li ha interpellati, perché la ricerca da cui provengono questi dati è stata realizzata per conto di Oracle – una delle più importanti aziende informatiche, migliaia di dipendenti e miliardi di utile – da Future Workplace, una società la cui missione è ripensare e reimmaginare il posto di lavoro. Insomma: stiamo chiedendo all’oste se il vino è buono e, per quanto simpatico e onesto, un po’ di scetticismo sulla risposta è d’obbligo. Fatta questa premessa, la ricerca ha coinvolto 8’370 persone – manager, responsabili del personale e dipendenti –  in dieci Paesi (la maggior parte dei partecipanti proveniva da Stati Uniti, Francia e Regno Unito, seguiti da Cina, India, Australia, Singapore, Emirati Arabi Uniti, Brasile e Giappone) selezionati in basi a complessi meccanismi che lo studio non rileva.
Il risultato, come detto, è che la gente non è più spaventata dai robot sostanzialmente perché ha potuto sperimentare direttamente come funzionano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico, al quale hanno fatto ricorso circa metà delle persone interpellate. L’anno precedente si trattava di appena il 32% ma, mancando informazioni sulla selezione degli intervistati, è difficile capire quanto il dato sia rappresentativo.
Così quasi due terzi degli interpellati – gli uomini più delle donne, i trentenni più di ventenni e quarantenni – si dice entusiasta o felice di avere a che fare con un’intelligenza artificiale, vedendoci soprattutto la possibilità di avere più tempo libero e di imparare nuove cose. E il 64% ha dichiarato di fidarsi maggiormente di un’intelligenza artificiale che del proprio manager, fondamentalmente perché privi di pregiudizi e perché rispettano gli orari di lavoro – il che forse va più a demerito dei manager che a merito dei computer. Peraltro un vantaggio di avere capi umani è che sanno comprendere i sentimenti meglio dei robot. Del resto il bisogno di un’interazione umana è, insieme alla sicurezza e alla privacy, l’aspetto che più rallenta l’adozione di intelligenza artificiale nelle aziende. Ma, si legge sempre nel rapporto, basta fornire soluzioni più semplici e personalizzate per fugare queste ultime perplessità.

Potrebbe interessarti anche
Tags
intelligenza artificiale
intelligenza
interpellati
robot
manager
proprio manager
ricerca
fida maggiormente
lavoro
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile