laRegione
06.12.22 - 15:01
Aggiornamento: 08.12.22 - 06:21

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso

piu-covid-e-influenza-in-inverno-e-davvero-colpa-del-freddo
Pixabay

Si è scoperto perché raffreddore, influenza e Covid-19 colpiscono di più nella stagione invernale. Non c’entra, come si pensava, il fatto che in inverno le persone passano più tempo al chiuso, ma la causa sono proprio le basse temperature. Il freddo infatti sopprime la prima linea delle difese immunitarie che vengono messe in atto nel naso, la principale via d’ingresso nel nostro corpo dei virus che infettano le vie aeree.

Lo ha dimostrato, pubblicando i risultati sul The Journal of Allergy and Clinical Immunology, un gruppo di ricerca guidato dall’ospedale specializzato in malattie di occhi e orecchie della statunitense Harvard Medical School. La scoperta apre a soluzioni terapeutiche che nascondano questo punto debole, come spray nasali che rinforzino le difese immunitarie indebolite.

Il naso è uno dei primi punti di contatto tra l’ambiente esterno e l’interno del nostro corpo. Uno studio del 2018, pubblicato sulla stessa rivista e guidato dallo stesso istituto, aveva scoperto l’esistenza di una risposta immunitaria innescata proprio dall’ingresso nel naso di batteri e virus: le cellule nella parte anteriore, infatti, ne rilevano la presenza e rilasciano nel muco miliardi di minuscole sacche piene di liquido (chiamate vescicole extracellulari), che circondano e attaccano gli intrusi prima che si addentrino nel corpo.

Ora i ricercatori guidati da Di Huang hanno dimostrato che questo meccanismo è influenzato dalla temperatura: hanno osservato, infatti, che una diminuzione di 5 gradi della temperatura alla quale si trovano le cellule nasali indebolisce la risposta immunitaria e quasi dimezza la quantità di vescicole prodotte. "La domanda ora è: come possiamo sfruttare questo fenomeno – chiede Mansoor Amiji della Northeastern University, co-autore dello studio – per proteggere di più il naso, specialmente nei mesi freddi?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
6 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
13 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
23 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
2 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
2 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
3 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved