laRegione
07.12.22 - 15:47
Aggiornamento: 16:34

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile

Ansa, a cura di Red.Web
nel-cibo-ultraprocessato-l-insidia-del-declino-cognitivo
Keystone
Meglio un bel piatto di polenta

Il consumo elevato di alimenti ultraprocessati non causa solo un aumento del rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche, ma può accelerare anche il declino cognitivo. È quanto sostiene uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile e pubblicato Jama Neurology.

La ricerca ha preso in considerazione oltre 10 mila brasiliani con un’età media di 51 anni seguiti per 8 anni. Al termine di questo periodo, i partecipanti che riferivano di trarre più del 20% dell’apporto calorico quotidiano da cibi ultraprocessati avevano un tasso di declino cognitivo del 28% più rapido rispetto a chi consumava quantità inferiori di cibo spazzatura. Presentavano inoltre un peggioramento del 25% delle funzioni esecutive, cioè quelle funzioni deputate al controllo e alla pianificazione del comportamento.

Anche se "sono necessari studi futuri che indaghino sul meccanismo con cui i cibi ultraprocessati portano al declino cognitivo", scrivono i ricercatori, "limitarne il consumo, in particolare negli adulti di mezza età, può essere una forma efficace per prevenire il declino cognitivo".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
6 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
13 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
23 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
2 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
2 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
3 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved